Chefuturo! Adesso vogliono tassare pure i link sui contenuti online

di ARTURO DI CORINTO per Chefuturo del 20 Maggio 2016

Adesso vogliono tassare pure i link. Chi? La Commissione europea.
A Bruxelles hanno perfino avviato una consultazione per avallare una decisione già presa, col ptobabile risultato di impedirci di linkare notizie e informazioni rilevanti, danneggiando le piccole e medie imprese, l’innovazione tecnologica e la libertà d’espressione di tutti i cittadini.

Continua »

Chefuturo! Una bella giornata per la legalità: ecco il decreto ufficiale su trasparenza e accesso civico agli atti della PA

di ARTURO DI CORINTO per Chefuturo! del 19 Maggio 2016

Dopo tante peripezie, la proposta sulla trasparenza degli atti amministrativi nota come FOIA sarà legge dello stato.

Il Freedom of Information Act introduce un sistema generale di pubblicità degli atti pubblici per cui ciascuno potrà richiedere alla pubblica amministrazione dati e documenti, a prescindere da un interesse diretto. I cittadini in questo modo potranno conoscere la modalità di gestione delle risorse pubbliche per capire, giudicare e partecipare in maniera attiva e responsabile alla vita pubblica.

Pensato per combattere la zona grigia che va dall’illecito allo spreco, potrebbe avere come effetto il riavvicinamento dei cittadini alle istituzioni

Il decreto sul Foia consegna all’Italia una vera e propria legge sulla trasparenza degli atti pubblici, quello che altri paesi hanno da circa 40 anni. La prima lege di questo tipo fu emanata per la prima volta negli Stati Uniti nel 1966 col nome appunto di Freedom of Information Act.

Continua »

La Repubblica: Tutti i Panama Papers in un motore di ricerca

la-repubblica-it-logo

Tutti i Panama Papers in un motore di ricerca

Lanciato oggi sui documenti di uno dei più grandi leaking della storia. Si può cercare tra gli undici milioni di file delle società e degli individui che hanno cercato di evadere il fisco attraverso schemi di investimento offshore aiutati dall’agenzia Mossack Fonseca

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 9 Maggio 2016

TEMPI DURI per chi pensava di farla franca. Da oggi alle 2 del pomeriggio un potente motore di ricerca rende più facile trovare nomi e indirizzi di tutti i soggetti coinvolti nello scandalo dei Panama Papers. Il Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi che è venuto in possesso dei leaks ha reso noto che il motore di ricerca è in grado di cercare all’interno degli undici milioni di file delle società e degli individui che hanno cercato di evadere il fisco attraverso schemi di investimento offshore aiutati dall’agenzia Mossack Fonseca, oggetto poche settimane fa di uno dei più grandi leaking della storia. Una vicenda raccontata in esclusva per l’Italia dall’Espresso.

Continua »

La Repubblica: Roma: giornalisti e attivisti protestano davanti alle ambasciate di Iran, Egitto e Turchia

la-repubblica-it-logo

Roma: giornalisti e attivisti protestano davanti alle ambasciate di Iran, Egitto e Turchia

Le associazioni dei giornalisti, per i diritti umani e per la libertà dell’informazione hanno manifestato oggi a Roma – alla vigilia della Giornata mondiale per la libertà di stampa – davanti alle ambasciate di Iran, Egitto e Turchia. Chiedono il rispetto per la libertà d’informazione e i diritti fondamentali nei rispettivi paesi, invocano verità per Giulio Regeni, solidarizzano con tutti gli operatori dell’informazione, blogger, netizen e attivisti. I presidi sono stati indetti dalla Federazione Nazionale della Stampa, Ordine dei Giornalisti, Pressing-Nobavaglio, Articolo 21, Reporters senza frontiere, Usigrai, Amnesty International.

a cura di ARTURO DI CORINTO

02 maggio 2016

La Repubblica: Onu, un giorno per la stampa libera in tutto il mondo

la-repubblica-it-logo

Onu, un giorno per la stampa libera in tutto il mondo

Domani 3 maggio si celebra in molte capitali il World Press Freedom Day. Mentre gli arresti degli operatori dell’informazione si susseguono nei paesi a rischio. E ovunque le pressioni aumentano. Anche sul web

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 2 Maggio 2013

DUE GIORNALISTI arrestati al Cairo con l’accusa di “aver partecipato a una manifestazione”. Le manette ai loro polsi sono scattate la sera del 1 maggio nella sede del sindacato dei giornalisti della capitale egiziana. E’ un paese, l’Egitto, dove appare impossibile tenere il conto di giornalisti, blogger e operatori dell’informazione nelle mani della polizia e delle forze di sicurezza. La notizia dei nuovi arresti giunge proprio alla vigilia della Giornata Mondiale per la libertà di Stampa. Una ricorrenza voluta dalle Nazioni Unite nel 1993 per affermare il diritto all’informazione e ribadire l’importanza dell’articolo 19 della dichiarazione universale dei diritti umani e quest’anno verrà celebrata ad Helsinki con una conferenza dall’Unesco. Incentrata sulle libertà fondamentali, l’accesso all’informazione, la protezione dei dati, la censura online, si concluderà con l’adozione di una Dichiarazione per la difesa dei diritti fondamentali. Ma l’iniziativa ha un respiro mondiale e il 3 maggio il World Press Freedom Day verrà celebrato in decine di capitali con cortei e sit-in.

Continua »

La Repubblica: L’FBI potrà entrare anche nel tuo computer. Per legge

la-repubblica-it-logo

L’FBI potrà entrare anche nel tuo computer. Per legge

Le associazioni per la privacy e la crittografia in allarme: la polizia federale americana ha ora il permesso della Corte Suprema per hackerare il computer di chiunque, dovunque si trovi

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 29 Aprile 2016

CON una decisione inaspettata, ieri la Corte suprema americana ha sancito nuove regole per le investigazioni digitali dell’FBI che a breve potrà hackerare più facilmente i computer di chiunque, ovunque si trovi, sia indiziato di un qualsiasi reato. Il cambiamento sarà effettivo dal primo dicembre a meno che il Congresso americano decida in senso opposto nei prossimi mesi: Per questo motivo le associazioni a difesa della privacy si sono mobilitate in massa.

Continua »

La Repubblica: La vera storia di Arpanet. Attenzione: non nacque come progetto militare

la-repubblica-it-logo

La vera storia di Arpanet. Attenzione: non nacque come progetto militare

Dall’idea di Eisenhower per rilanciare la corsa scientifica Usa contro i russi che avevano lanciato lo Sputnik nasce la rete che si è evoluta nell’Internet di oggi

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 29 Aprile 2016

Internet non è nata come progetto militare. Levatevelo dalla testa. Internet è nata per battere i sovietici nella corsa allo spazio. Come? Collegando fra di loro i migliori scienziati americani e facilitando lo scambio dei dati fra i centri di supercalcolo sparsi negli Stati Uniti. Continua »

Wired: La vera storia di Internet

wiredlogo

La vera storia di Internet

Il 30 aprile 1986 l’Italia si collegava a Internet per la prima volta, un evento epocale di cui nemmeno i giornali si accorsero

di ARTURO DI CORINTO per Wired del 29 Aprile 2016

L’Italia sì è collegata per la prima volta ad Internet il 30 aprile 1986. Questo vuol dire che sabato cade il trentennale di un evento che ci ha cambiato tutti, anche se non ce ne rendiamo conto perché a Internet ci viviamo dentro. Per ricordare i visionari che fecero l’impresa, a Pisa si terrà una grande festa organizzata dal CNR con il digital champion Riccardo Luna, mentre in tutta Italia si svolgono incontri e celebrazioni, sopratutto nelle scuole. Continua »

Chefuturo! Internet non è il web. Tutto quello che devi sapere sulla Rete in 10 parole (e un’infografica)

Il 30 aprile ricorre l’anniversario del primo collegamento Internet in Italia. Più precisamente tra Pisa e Roaring Creek in Pennsylvania grazie ai satelliti di Telespazio in Abruzzo.
È l’occasione giusta per imparare quali sono le parole che contano quando ci avviciniamo alla rete, per non fare brutta figura quando parliamo di un fatto che ci deve rendere orgogliosi. L’Italia è stato il quarto paese europeo a collegarsi alla rete delle reti.

Continua »

Repubblica: Il Foia cambierà, ecco come. Parola di Marianna Madia

la-repubblica-it-logo

Il Foia cambierà, ecco come. Parola di Marianna Madia

Le commissioni di Camera e Senato sono orientate a sostenere le modifiche alla legge sulla trasparenza proposte dalle associazioni e fatte proprie dal ministro per la Pubblica Amministrazione

di ARTURO DI CORINTO per Repubblica del 19 Aprile 2016

IL GOVERNO corre ai ripari e annuncia importanti modifiche nel decreto sulla trasparenza noto come FOIA (Freedom of Informazione Act). Lo fa nella persona di Marianna Madia, ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione che, con un tweet prima, e con un post su Facebook dopo, prende l’impegno di modificare pesantemente la legge. Da quanto si apprende, le novità riguardano innanzitutto il meccanismo del silenzio-diniego e della soluzione stragiudiziale dei contenziosi: il primo tema riguarda il meccanismo per cui nella prima stesura della legge le pubbliche amministrazioni non sono tenute a motivare l’assenza di risposta verso i cittadini che chiedono di accedere agli atti, ai dati e ai documenti della PA; la seconda invece, dovrebbe rimuovere l’onere per i cittadini di pagare di tasca propria un avvocato e di appellarsi ai Tribunali Amministrativi Regionali nel caso in cui le loro richieste non vengano soddisfatte secondo la legge. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress