Cybersecurity: Watson for security è pronto: il progetto dell’IBM darà la caccia agli hacker

cyber_security

Watson for security è pronto: il progetto dell’IBM darà la caccia agli hacker

L’intelligenza artificiale di IBM, Watson, imparerà ad analizzare virus, malware e attacker, con l’aiuto di Università e ricercatori, per far risparmiare le aziende e proteggerne i clienti

Arturo Di Corinto 21 giugno 2016

Dopo avergli insegnato a cucinare, parlare in giapponese e a diagnosticare il cancro, i ricercatori dell’IBM vogliono insegnare a Watson a dare la caccia agli hacker.

L’intelligenza artificiale di IBM Watson dall’inizio del mese ha cominciato a ingoiare dati e analisi su tutte le forme di malware e attacchi che popolano la rete per imparare a prevenirli attraverso forme avanzate di machine learning.

In questo sarà aiutato da decine di esperti di sicurezza distribuiti in diversi laboratori degli Stati Uniti e in particolare nelle Università, tra cui quella del Maryland che ha inaugurato un Centro di tecnologie cognitive applicate alla cybersecurity e che proprio in collaborazione con l’IBM si occuperà di risolvere problemi legati alla sicurezza informatica.

Continua »

La Repubblica: Assange, la Svezia accetta di interrogarlo a Londra

la-repubblica-it-logo

Assange, la Svezia accetta di interrogarlo a Londra

La svolta dopo 1400 giorni dal confino forzato del fondatore di Wikileaks nell’ambasciata dell’Ecuador, nella settimana in cui il mondo si mobilita per lui

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 21 Giugno 2016

DOPO 1.400 giorni di permanenza coatta dentro l’ambasciata ecuadoriana a Londra per Julian Assange potrebbe arrivare la svolta. Il 20 giugno l’Ecuador ha ricevuto la richiesta formale dalla autorità svedesi di interrogare il fondatore di Wikileaks nella sede diplomatica nella quale Assange è recluso.

Il giornalista e matematico australiano autore dei più importanti leaking del decennio è chiuso volontariamente lì dentro da 4 anni. Una scelta obbligata per evitare l’arresto da parte delle autorità inglesi ed evitare l’estradizione in Svezia dove è sotto processo per aver una duplice accusa di stupro, non avendo voluto usare il preservativo durante due rapporti sessuali consenzienti e in un  caso per non aver voluto fare l’esame dell’HIV. Assange, che si è sempre dichiarato innocente, teme che dopo l’arrivo in Svezia sarebbe estradato negli Stati Uniti dove lo aspetta un’incriminazione per spionaggio che potrebbe anche portarlo alla sedia elettrica. Il motivo, la diffusione di 250mila cablogrammi riservati della diplomazia americana.
Continua »

Chefuturo! Da Omero ai big data: perché lo storytelling non serve a vendere ma a insegnare

chefuturo_logoDa Omero ai big data: perché lo storytelling non serve a vendere ma a insegnare

Dalle grotte di Altamira ai poemi religiosi fino al giornalismo multimediale: ecco come funzionano le storie di successo

di Arturo Di Corinto per Chefuturo! del 19 giugno 2016

Raccontiamo storie dall’alba dei tempi. Prima lo facevamo con suoni gutturali e disegni, pittogrammi e ideogrammi, poi con l’alfabeto, in lingua sumerica o in latino, ma lo storytelling è antico quanto la civiltà umana e da sempre ne accompagna lo sviluppo. Pensate alle grotte di Altamira e Lascaux, alle scene di caccia che conservano, pensate agli aedi greci e ai trobadori cortesi, alle cosmogonie dei grandi poemi religiosi e all’epica di viaggio. Ogni storia che raccontano ha al centro dei protagonisti, fatti e vicende esemplari con cui identificarsi o dai quali prendere le distanze. Ogni storia offre enigmi da sciogliere, scelte da prendere, emozioni e memorie. Descritte in una maniera diretta e coinvolgente, le storie ci obbligano a elaborare fatti e contesti, favorendo la comprensione e il ricordo.

Continua »

Cybersecurity: Tutta la storia di bitcoin dal 2008 al 2016 in un’infografica

cyber_securityTutta la storia di bitcoin dal 2008 al 2016 in un’infografica

Con i bitcoin è possibile fare acquisti in maniera anonima in Internet, ma dopo 7 anni dalla sua nascita nessuno sa ancora chi ha creato la cryptomoneta più famosa al mondo

di Arturo Di Corinto 16 giugno 2016

Bitcoin è una moneta matematica. Risultato di un progetto di cryptocurrency concluso da Satoshi Nakamoto nel 2009 indica un tipo di valuta che viene scambiata elettronicamente su reti digitali. Non è l’unica nè la prima. E nessuno sa chi si nasconda dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto.

Il progetto viene caricato su SourceForge nel novembre del 2008.

 

Con i bitcoin oggi è possibile acquistare beni e servizi in maniera anonima attraverso Internet

Continua »

Cybersecurity: 32 milioni di account twitter violati e venduti nel Dark Web: cambiate le password

cyber_security

32 milioni di account twitter violati e venduti nel Dark Web: cambiate le password

LeakedSource rivela di possedere 2 miliardi di account provenienti dalle fonti più disparate, Twitter, Linkedin, Badoo. Si tratta di dati relativi a indirizzi email, nome utente e password. Ma per sapere se ci sei anche tu, devi pagare.

di Arturo Di Corinto 9 giugno 2016

L’8 giugno il sito LeakedSource ha rivelato di essere in possesso di circa 32 milioni di account twitter inviatigli da una fonte anonima, “Tessa88@exploit.im”, e che gli stessi dati sono in vendita nel dark web, la parte più profonda e inaccessibile del web.

Si tratta di dati personali, indirizzi email, username e password.

Continua »

Cybersecurity: DDoS, defacement e furti di dati: nuovi timori per le presidenziali americane

cyber_security

DDoS, defacement e furti di dati: nuovi timori per le presidenziali americane

il capo dell’intelligence americana, James Clapper, lancia l’allarme sul pericolo di attacchi informatici nei confronti dei candidati alla presidenza americana “Servono a rubare i dati dei supporters”.

di Arturo Di Corinto 9 giugno 2016

In un’intervista alla National Public Radio, il capo dell’intelligence americana, James Clapper, ha di nuovo lanciato l’allarme sul pericolo di attacchi informatici nei confronti dei candidati alla presidenza americana.

Continua »

CyberSecurity: Anche Telegram può essere spiato

cyber_security

Anche Telegram può essere spiato

Due attivisti russi, oppositori di Putin, denunciano l’azione congiunta dell’ex KGB e della compagnia MTS che avrebbero violato i loro account su Telegram. E il suo creatore, Pavel Durov, conferma.

Arturo Di Corinto per Cybersecurity del  7 giugno 2016

Continua »

La Repubblica: Hackmeeting 2016, un raduno all’insegna della solidarietà

la-repubblica-it-logo

Hackmeeting 2016, un raduno all’insegna della solidarietà

Dopo l’Internet Day arriva l’appuntamento per hacker, smanettoni e curiosi. Pisa si si propone come il centro della storia digitale del Belpaese

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 2 Giugno 2016

DAL 3 al 5 giugno, hacker, smanettoni e curiosi si incontrano anche loro al Polo Fibonacci dell’Università di Pisa per parlare di Internet, ma non per celebrarla: si incontrano per discutere delle forme di resistenza alla sua commercializzazione e per dire che esiste un’alternativa alla società della sorveglianza e dell’esclusione digitale. È l’Hackmeeting 2016.  Non è un caso che si tenga dentro l’Università. L’hacking non è solo un concetto informatico ma una questione di metodo, di come si fanno le cose, e in questo evento pisano riguarda prima di tutto la riappropriazione dei processi di produzione della conoscenza con una critica forte al copyright, al software proprietario e ai recinti della produzione scientifica. Una lunga serie di talk e presentazioni, dal libro Anime elettriche del collettivo Ippolita alle piattaforme di crowdfunding e ai network wireless per i migranti rifugiati in Italia, insieme ai laboratori di scrittura creativa, sono la spina dorsale di un evento completamente autogestito e autofinanziato, da 19 anni.

Continua »

Chefuturo! Che cos’è il copyright 2.0 e perché ci riguarda da vicino

 di ARTURO DI CORINTO per Chefuturo del 28 Maggio 2016

Postare la versione digitale di un quadro o di un manifesto, scattare una foto al museo, scambiarci del software, remixare una canzone, usarla come sottofondo di un video, sono azioni che non sono permesse dalla legge, almeno in teoria. Eppure lo facciamo.

Illustrare i nostri pensieri e comunicare i nostri stati d’animo con opere altrui è parte del nostro essere sociali e definisce la nostra identità nella società digitale.

Continua »

Chefuturo! Adesso vogliono tassare pure i link sui contenuti online

di ARTURO DI CORINTO per Chefuturo del 20 Maggio 2016

Adesso vogliono tassare pure i link. Chi? La Commissione europea.
A Bruxelles hanno perfino avviato una consultazione per avallare una decisione già presa, col ptobabile risultato di impedirci di linkare notizie e informazioni rilevanti, danneggiando le piccole e medie imprese, l’innovazione tecnologica e la libertà d’espressione di tutti i cittadini.

Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress