Chefuturo! Edward Snowden e la tecnologia che rende liberi (metti, per esempio, quel progetto anti intercettazioni…)

È protagonista di decine di libri, ha ispirato tre film e una statua di bronzo a grandezza naturale. Ha diverse fanpage su Facebook, è seguito da 2 milioni di follower su Twitter e non passa giorno che non si parli di lui. È giovane, romantico e liberal: Edward Snowden è diventato un’icona della democrazia al tempo di Internet. Continua »

Cybersecurity: “La sicurezza informatica è un investimento, e non un costo”. Intervista a Pierluigi Paganini

Pierluigi Paganini è un esperto di cybersecurity, autore di libri e di pubblicazioni sul tema e anche direttore del master in Cybersecurity della Link Campus University di Roma. Il suo blog, Security Affairs rappresenta un punto di riferimento per molti esperti ed appassionati di cybersecurity ed Intelligence. Ingegnere informatico, autodidatta della prima Internet, lavora per l’Enisa ed è consulente del SIPAF. L’abbiamo intervistato per Startupitalia.

Continua »

Cybersecurity: Cryptodrop blocca i ransomware di Windows (ma ha imparato da Linux)

Gli attacchi via ransomware potrebbero avere i giorni contati seguendo un approccio diverso da quello degli antivirus classici. Questa è la convinzione di un quartetto di ricercatori dell’Università della Florida e dell’Università cattolica di Villanova in Pennsylvania che ha elaborato, grazie a uno studio parzialmente finanziato dalla National Science Foundation, un sistema matematico in grado di stoppare i ransomware prima della cifratura dei file bersaglio.

Continua »

Cybersecurity: Due milioni di dollari all’hacker che sconfiggerà la Darpa

Mancano due settimane alla Cyber Grand Challenge che deciderà se e quali sistemi automatizzati sono in grado di sostituire gli umani nel corso di un attacco informatico.

Continua »

Cybersecurity: Darktrace: la startup che crea anticorpi contro i virus informatici

_DSC2241

Darktrace: la startup che crea anticorpi contro i virus informatici

La startup britannica chiude un round di 64 milioni per un sistema di intelligenza artificiale che apprende come il sistema immunitario umano a individuare i “malfunzionamenti” degli organismi informatici

Arturo Di Corinto per Cybersecurity del 15 luglio 2016

Darktrace è una startup britannica impegnata nel settore della sicurezza informatica ed ha appena chiuso un nuovo round di investimenti per potenziare le proprie attività di ricerca e sviluppo. 64 milioni di dollari sono arrivati da una cordata scapeggiate da KKR, Summit Partners, Teneleven Ventures e Softbank. Continua »

Chefuturo: Privacy, 10 motivi per opporsi alla sorveglianza di massa (che ha capito anche Facebook…)

chefuturo_logoPrivacy, 10 motivi per opporsi alla sorveglianza di massa (che ha capito anche Facebook…)
Ecco 10 ottime ragioni per tutelare la nostra privacy (mentre Facebook sta lanciando la sua Secret Conversation: ecco come funziona)
Arturo Di Corinto per Chefuturo! del 10 luglio 2016

Sulla sorveglianza forse è già stato detto tutto, forse no. Quello che è certo è che più usiamo strumenti digitali per la nostra vita di relazione, più sarà facile registrare e tracciare i nostri comportamenti e più facile sarà la profilazione a cui siamo sottoposti. Possiamo discutere se ciò sia legittimo o meno, e quali strumenti possiamo usare per proteggere la nostra privacy. Tuttavia quello di cui non discutiamo mai è di quel nostro essere sociali di cui ogni strategia di sorveglianza si giova.

Continua »

Cybersecurity: La NSA adesso sorveglia gli utenti Linux e chi protegge la propria privacy online

cyber_securityLa NSA adesso sorveglia gli utenti Linux e chi protegge la propria privacy online

Grazie a una serie di leaks, la televisione tedesca ARD ha scoperto che gli americani tracciano e controllano chiunque cerchi “Linux”, “Tor”, “Tails”, “Privacy” e ne discuta in rete

Arturo Di Corinto 13 luglio 2016

Bollati come estremisti e poi sorvegliati da vicino. È soltanto grazie alle informazioni trapelate di nascosto che si è scoperto come la potente National Security Agency abbia deciso di tenere sotto stretta sorveglianza la comunità Linux e in particolare gli utilizzatori di Tor e di Tails.

Per farlo, l’agenzia spionistica con sede a Fort Meade nel Maryland (USA), avrebbe usato XKeyscore, un software per la Deep Packet Inspection. Decidendo poi di estendere il programma alla sorveglianza di tutti gli appasionati di privacy. Continua »

Cybersecurity: Ecco come la versione infetta di Pokémon GO prende il controllo dei telefonini Android

cyber_security
Ecco come la versione infetta di Pokémon GO prende il controllo dei telefonini Android
Il videogame infetto accede al microfono, ai contatti, alla funzione telefonica, alla cronologia web, alle impostazioni WiFi, legge e invia SMS. Prooofpoint ha scoperto il RAT che prende il controllo di Android

Arturo Di Corinto 11 luglio 2016

Il videogame infetto accede al microfono, ai contatti, alla funzione telefonica, alla cronologia web, alle impostazioni WiFi, legge e invia SMS. Prooofpoint ha scoperto il RAT che prende il controllo di Android
Arturo Di Corinto Arturo Di Corinto 11 luglio 2016

Il popolare gioco Pokémon GO porta un virus direttamente nei telefonini Android. Il gioco di realtà aumentata che ha fatto schizzare i profitti azionari dei suoi fabbricanti ha avuto un tale successo che qualcuno, appena dopo il rilascio, ne ha diffuso una versione modificata scaricabile da siti di terze parti in grado di prendere il controllo del telefonino.

Questa versione modificata avrebbe infatti una backdoor individuata dai ricercatori di Proofpoint. L’azienda che si occupa di sicurezza denuncia la presenza all’interno del software di gioco di un RAT, un tool per l’accesso remoto chiamato Droidjack, che permetterebbe a un attaccante di prendere il controllo totale del telefono. Ma non è difficile correre ai ripari dopo aver verificato se il telefono è infetto. Continua »

La Repubblica: L’Onu: adesso basta con censura della rete. Rispettare i diritti umani

“I DIRITTI umani vanno rispettati online esattamente come nella vita offline”. È questa la raccomandazione della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite licenziata venerdì primo luglio col consenso generale degli Stati membri. Una risoluzione per supportare chi si batte per la libertà nel mondo digitale e condannare i ripetuti blocchi di Internet degli ultimi mesi. Ribadendo infine il diritto all’informazione di ogni singolo individuo sul pianeta, come stabilito nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo.

LA RISOLUZIONE DELL’ONU

Chefuturo! Tecnologie della Persuasione: ecco come i computer ci fanno fare quello che vogliono

chefuturo_logo
La Captologia ci insegna come i dispositivi interattivi influenzano le nostre scelte di ogni giorno

I computer possono agire come persuasori occulti. Ci avete mai pensato? Forse sì. In realtà la riflessione è abbastanza banale: siccome i computer ci assistono nel fare le cose che abbiamo sempre fatto, piano piano si stanno sostituendo a chi ce le faceva fare: il maestro, il prete, il poliziotto, la mamma, il commesso, eccetera. I computer ci influenzano quanto loro: ci consigliano, ci indicano quali regole rispettare, ci suggeriscono le modalità per essere efficaci, svolgere un compito, ottenere uno scopo.

Questo è il senso ultimo della comunicazione, cambiare lo stato mentale del ricevente e predisporlo all’azione per ottenere dei risultati individualmente utili e socialmente accettabili. Semplice no? In questo senso la comunicazione e la persuasione non sono così diverse. Anzi.

Possiamo dire che ogni forma di comunicazione è sempre una forma di persuasione

Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress