La Direttiva UE sui brevetti:
a chi conviene introdurre la brevettabilita’ del software?

Mercoledi’ 29 giugno – ore 20:30 – Festa Cittadina dell’Unita’ di Roma – Via Ostiense (ex mercati generali)

Partecipano:

– Beatrice Magnolfi (Deputato DS)
– Fiorello Cortiana (Senatore Verdi)
– Sergio Bellucci (Responsabile Informazione e Comunicazione PRC)
– Paolo Zocchi (Margherita, Osservatorio nazionale ICT),
– Mario Michelangeli (PdCI, Assessore Informatica Regione Lazio)
– Giovanbattista Vieri (imprenditore informatico del Lug Roma)
– Roberto Galoppini (Consorzio CIRS)
– Free Software Foundation Europe

Coordina
Arturo Di Corinto (Giornalista, Docente Univ. La Sapienza)
Introduce
Francesco Tupone (Pres. Ass. Cult. Linux Club Italia)

“Il Software e’ un insieme di numeri, la Musica e’ un insieme di note, la Poesia e’ un insieme di parole, il Dipinto e’ un insieme di colori, e tutte queste forme, in quanto Opere Compiute, sono tutelate dal Diritto d’Autore. Il Diritto d’Autore si applica sulle opere
immateriali, sull’espressione delle idee, mentre la forma del Brevetto si applica sulle opere materiali, sugli oggetti, sulle invenzioni. Nei primi giorni di luglio il parlamento europeo andra’ al voto per decidere se cambiare la tutela al software applicando la forma del Brevetto nonostante quest’ultimo sia un bene immateriale…