E vi diciamo perché.

Perché l’attacco alla libertà della rete, nel parlamento di Strasburgo, è tutt’altro che scongiurato. Proprio in queste ore, in quell’aula, si è deciso di rimandare le decisioni. Certo, lì, in quell’aula, è stato ribadito – grazie alla mobilitazione di centinaia di netizen – che nessun altro, oltre ad un giudice, può decidere la sospensione del diritto all’accesso in rete. Ma il rischio di una rete meno libera di come l’abbiamo immaginata, continua ad esistere: perché a settembre tornerà all’ordine del giorno la proposta di assegnare ai fornitori di rete, la gestione degli accessi. E così tornerà d’attualità il rischio che un privato possa decidere cosa un utente può consultare e cosa gli è proibito. Sarebbe la fine, decretata con un provvedimento, della neutralità della rete.

Ecco perché è importante che nel prossimo Parlamento europeo ci sia un hacktivist. Ed è importante che questa battaglia di libertà non sia affidata solo alla “delegazione svedese” (dove, sembra, il partito pirata riuscirà a superare il quorum), ma possa contare su un “delegato” italiano. Perché, anche se non appare mai sui media tradizionali, è proprio il nostro paese uno dei più impegnati nel ridurre al silenzio la rete, le sue comunità. L’elenco di provocazioni, di leggi, di dichiarazioni è sterminato. Si va dal progetto di legge dell’onorevole Carlucci che finge di occuparsi di lotta alla pedofilia, per arrivare a colpire lo scambio di file anonimo. Proposta di legge scritta sotto dettatura delle major del cinema e della musica. Si va dal ministro Brunetta, che finge di prendere atto del digital divide che affligge il nostro paese, arrivando poi però a prospettare una improbabile soluzione di computer a basso costo. Una sorta di novello Negroponte, in cui il governo non ci mette una lira ma di cui una sola cosa è chiara: quei pc avranno sistemi operativi Microsoft.

Kernel chiusi, codici sorgente proprietari. Come già avviene nel novanta per cento della pubblica amministrazione italiana. Dove il rifiuto all’open source diventa l’occasione per un regalo di centinaia di milioni di euro ai monopolisti, dove si mette in forse il lavoro di migliaia di analisti, di soft-house. Per finire alla Siae. Che in queste ore riempie di suoi comunicati i giornali italiani, sostenendo che apre alla diffusione delle opere musicali in Internet. Scelta tardiva che non è altro che l’applicazione di quanto deciso nel nuovo regolamento dell’istituto varato due anni fa, ma scelta – soprattutto – rivelatrice di come la Siae si senta ancora proprietaria esclusiva di tutte le opere dell’ingegno. Al punto che l’istituto – come hanno sottolineato autorevoli avvocati – arriva a scrivere di volersi aprire “alla diffusione di brani musicali” on line. Come se potesse decidere la Siae cosa aprire e cosa chiudere, come se quei brani non fossero
nella disponibilità dei loro autori. Come se non esistessero già in Italia significative esperienze di Creative Commons.

Questo è il clima nel nostro paese. Dove autoritarismo e incompetenza producono una miscela pericolissima. Per questo sosteniamo un hacktvist al Parlamento europeo. Perché combatta l’improvvisazione e la vocazione al controllo. Perché affermi il diritto alla condivisione dei saperi, della cultura come diritto inalienabile del cittadino di questo millennio. Per questo chiediamo di votare Alessandro Bottoni, segretario del partito pirata, indipendente nelle liste di Sinistra e Libertà. Se poi questa sua candidatura significa anche che la sinistra, una nuova sinistra, abbia abbandonato vecchi slogan per provare a capire quali siano i nuovi territori del conflitto, meglio. Se poi questa candidatura significa che la sinistra voglia riscoprire il valore della libertà, come battaglia fondamentale, meglio per tutti. In ogni caso, sarebbe importante se Alessandro riuscisse ad arrivare a Strasburgo. Votiamolo.

http://ilprogettoarancione.wordpress.com/