La democrazia muore nelle tenebre

Hacker’s Dictionary. Nessuna trasparenza nel voto online dei Cinquestelle sul caso Diciotti. La piattaforma di voto Rousseau è opaca e nessun ricercatore indipendente ne conosce l’effettivo funzionamento

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 21 Febbraio 2019

«Democracy dies in darkness». La democrazia muore nelle tenebre. Dopo il voto online che ha salvato i sequestratori della Diciotti dall’autorizzazione a procedere, il motto del Washington Post adesso può essere applicato anche alla decisione dei Cinquestelle di usare Rousseau per indirizzare le decisioni dei propri senatori.

Già usata per le Parlamentarie del Movimento, nessuno sa come veramente funzioni la piattaforma di voto, nessun ricercatore indipendente ha mai potuto verificarne il codice, nessuno sa se i suoi risultati possono essere manipolati oppure no. Balzata alle cronache per malfunzionamenti e blocchi, violazioni della privacy e saccheggio di dati, la piattaforma non sembra rappresentare il futuro del voto elettronico come ipotizzato dal suo teorico Gianroberto Casaleggio.

I Cinquestelle ovviamente possono decidere di comunicare e interagire con i propri iscritti come meglio credono, ma da qui a spacciare il voto su Rousseau come un grande esperimento di democrazia ce ne passa.
L’idea poi, non è nuova. L’utopia di autogovernarsi senza intermediari di professione è vecchia come la Silicon Valley. Continua »