Dopo Riccardo Luna, il bravo direttore di Wired Italia sostituito da Carlo Antonelli di GQ, anche Luca De Biase del bellissimo Nòva 24 Ore, lascia. Luca lascia il posto a Fernanda Roggero che dovrà interpretare il nuovo assetto editoriale di cui il neodirettore del Sole Roberto Napoletano sarà garante.
Ne avevo parlato con Luca sabato mattina proprio perchè un importante amico di Telecom Italia mi aveva spaventato dicendomi “chiudono Nòva”. In un’ora di conversazione però Luca mi aveva rincuorato sul futuro dell’inserto tecnologico del giornale e mi ero messo il cuore in pace. Adesso però che le decisioni sono state prese, confesso che un po’ preoccupato lo sono. Più dispiaciuto che preoccupato perchè anche se un giornale si fa in tanti, è indubbio che Luca fosse la “guida spirituale” di Nòva. E so che l’inserto non sarà più lo stesso.
Non voglio fare il cospirazionista e come giornalista so che gli avvicendamenti sono “cosa normale” ma visto che scrivo di Internet e tecnologie da 15 anni (ho incominciato col mitico Franco Carlini al Manifesto prima di farlo per Repubblica e L’Unità) una cosa la voglio dire, Luca è stato il migliore direttore che ho avuto.

Qui c’è la lettera con cui Luca prende congedo da Nòva ma non dal suo importante lavoro.