Dark web: intervista di UnoMattina (RAI1)

#darkweb
La storia della modella rapita e “venduta” sul dark web ha suscitato molte perplessità. Infatti io sembro abbastanza sospettoso di questa vicenda… A UnoMattina abbiamo provato a spiegare cosa sia il dark web e perché è diverso dal deep web, ma soprattutto ho provato a dire che nel dark web si rifugiano dissidenti, whistleblower e perseguitati politici e che non ci sono solo criminali.

Se immaginiamo il web come la punta di un iceberg che emerge dall’oceano di Internet, sotto il pelo dell’acqua potremo trovarne una parte più vasta: il deep web o web profondo. Per convenzione si definisce deep web la parte del web non indicizzata dai motori di ricerca.

All’interno del deep web possiamo individuarne una parte ancora più complessa da esplorare che è chiamata Dark Web,il web oscuro. Il nome viene dalle darknet, le reti militari all’epoca separate da Darpanet, antesignana di Internet. Il Dark Web è quella parte di Internet che non viene indicizzata dai motori di ricerca e in aggiunta necessita di software speciali per accedervi come Tor (https://www.torproject.org/) è uno di questi.

E adesso liberiamoci di false convinzioni: nel surface web, nel deep web e nel dark web possiamo trovare contenuti di ogni tipo: legali e illegali, moralmente accettabili o immorali, utili e inutili, pericolosi o sicuri.

No, il dark web non è oscuro perché è cattivo, è solo più difficile da trovare, esattamente quello che accade quando si cerca qualcosa nel fondo dell’oceano.

Condividi su: