RAIUNO – CODICE: Libertà e web: utopia? – Codice La vita è digitale 22/08/2019

Libertà e web: utopia? – Codice La vita è digitale 22/08/2019

L’editoriale di Arturo Di Corinto sulla religione “digitale”. Oggigiorno il web stesso è diventato una religione, praticata attraverso l’iperconnessione via social. È questo il motivo per cui il filosofo coreano Byung-chul Han ritiene che i social network siano diventati dei “panottici” digitali che sorvegliano senza pietà le nostre interazioni.

La grande quantità di dati generata dal nostro essere “sociali” ha così prodotto un nuovo fenomeno, a metà strada tra l’ideologia e la religione: il “dataismo”, il culto dei dati.

LA PUNTATA INTEGRALE SU RAIPLAY https://www.raiplay.it/video/2019/08/…

TUTTI I VIDEO E LE PUNTATE https://www.raiplay.it/programmi/codi…

RAIUNO CODICE: Sistemi complessi, ”sciami” al lavoro? – 21/08/2019

CODICE, LA VITA DIGITALE – stagione 3 – 2019

Conduce: Barbara Carfagna
Regia di Luca Romani
Autori: Barbara Carfagna e Fabrizio Giunta
Collaborazione di Massimo Cerofolini
Consulenza Scientifica di Arturo Di Corinto

La potenza di calcolo delle reti, e la quantità di dati sempre più imponente che produciamo, induce gli ingegneri e le aziende a costruire infrastrutture sempre più complesse. Ed è sorprendente osservare come molte soluzioni prendano le mosse da sistemi semplici, che assemblati opportunamente, producano poi risultati inattesi, dalle prestazioni molte volte superiori rispetto a quelle che ci si aspetterebbe di ottenere analizzando i singoli costituenti. Proprio come succede in natura: ogni sistema vivente è complesso, e può essere compreso non studiando il comportamento degli elementi che lo compongono, ma solo guardandolo nel suo insieme. Questo vale per le grandi città stato, le cosiddette smart city che si stanno affermando soprattutto in estremo oriente, vale per le grandi aziende, come ha dichiarato il fondatore di Huawey, Ren Zhengfei, in un’intervista rilasciata nella sede cinese a Barbara Carfagna, vale per molte aziende digitali europee che stanno cercando una soluzione per contrastare lo strapotere americano. E a volte la capacità di auto-organizzazione di questi sistemi complessi consente di fare enormi passi avanti dal punto di vista tecnologico: un esempio per tutti è la blockchain, che promette di rendere trasparente e inviolabile ogni trasferimento di beni e merci, abbassando i costi, migliorando la distribuzione di informazioni, creando impulso all’economia.

RAIUNO – CODICE: La sanità digitale – 15/08/2019

Codice La vita è digitaleSt 2019 La sanità digitale – 15/08/2019

CODICE, LA VITA DIGITALE – stagione 3 – 2019

Conduce: Barbara Carfagna
Regia di Luca Romani
Autori: Barbara Carfagna e Fabrizio Giunta
Collaborazione di Massimo Cerofolini
Consulenza Scientifica di Arturo Di Corinto

Può il cibo diventare una medicina, prevenendo, attraverso l’analisi digitale personale, le carenze nutrizionali? E quali saranno le strategie per produrre cibo in modo sostenibile, in un mondo in cui la richiesta è sempre crescente? Per molti analisti è prossima l’applicazione della tecnologia blockchain anche sugli alimenti, rendendone così certificata la tracciabilità. E poi, il futuro della cura: grazie a tecniche diagnostiche sempre più avanzate, per alcuni medici entro venti anni riusciremo a sconfiggere la gran parte delle malattie, e fattore determinante sarà la terapia prescritta con la telemedicina. E cosa si sa della crioconservazione, filone di ricerca in cui molte aziende private e nazioni stanno investendo ingenti somme di denaro? Infine, quali sono i sistemi di autenticazione e di tutela dei dati sanitari nelle nazioni più digitalizzate del mondo?

Dark web: intervista di UnoMattina (RAI1)

#darkweb
La storia della modella rapita e “venduta” sul dark web ha suscitato molte perplessità. Infatti io sembro abbastanza sospettoso di questa vicenda… A UnoMattina abbiamo provato a spiegare cosa sia il dark web e perché è diverso dal deep web, ma soprattutto ho provato a dire che nel dark web si rifugiano dissidenti, whistleblower e perseguitati politici e che non ci sono solo criminali.

Se immaginiamo il web come la punta di un iceberg che emerge dall’oceano di Internet, sotto il pelo dell’acqua potremo trovarne una parte più vasta: il deep web o web profondo. Per convenzione si definisce deep web la parte del web non indicizzata dai motori di ricerca.

All’interno del deep web possiamo individuarne una parte ancora più complessa da esplorare che è chiamata Dark Web,il web oscuro. Il nome viene dalle darknet, le reti militari all’epoca separate da Darpanet, antesignana di Internet. Il Dark Web è quella parte di Internet che non viene indicizzata dai motori di ricerca e in aggiunta necessita di software speciali per accedervi come Tor (https://www.torproject.org/) è uno di questi.

E adesso liberiamoci di false convinzioni: nel surface web, nel deep web e nel dark web possiamo trovare contenuti di ogni tipo: legali e illegali, moralmente accettabili o immorali, utili e inutili, pericolosi o sicuri.

No, il dark web non è oscuro perché è cattivo, è solo più difficile da trovare, esattamente quello che accade quando si cerca qualcosa nel fondo dell’oceano.

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress