Il Manifesto: Porti chiusi, siti aperti e ministeri colabrodo

Porti chiusi, siti aperti e ministeri colabrodo

Hacker’s dictionary. Negli ultimi mesi il crimine informatico ha destato grande allarme e causato danni notevoli alla Pubblica Amministrazione, alle aziende e ai cittadini. Salvini dovrebbe occuparsi di più della nostra sicurezza informatica

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 31 Gennaio 2019

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini si vanta di difendere “i confini esterni del paese” ma non riesce a difendere quelli interni. No, non parliamo di lotta alle mafie e alla corruzione che divorano il paese, ma della lotta ai cybercriminali che hanno invaso il mondo digitale che tutti abitiamo.

Negli ultimi mesi le incursioni dei malfattori digitali hanno fatto registrare una paurosa impennata e solo quelle più gravi sono state trattate dai giornali.

È stato da pochi giorni reso noto che a ottobre scorso criminali ancora sconosciuti sono entrati in possesso di nomi, cognomi, codici fiscali e codici identificativi di 731.519 clienti della banca Unicredit individuando le password di 6.859 utenze, alle quali la banca ha bloccato l’accesso una volta scoperta l’intrusione. Continua »

Il Manifesto: Quando la viralità fa male

Quando la viralità fa male

Hacker’s Dictionary. WhatsApp e Youtube hanno deciso di limitare l’inoltro dei messaggi e dei video virali per contrastare false notizie e disinformazione e per ridurre i danni prodotti dall’imitazione di giochi pericolosi

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 24 Gennaio 2019

WhatsApp, il terrore di tutti i papà che non vogliono finire nelle chat scolastiche, potrebbe adesso fare meno paura.

Victoria Grand, vicepresidente di WhatsApp, durante una conferenza stampa in Indonesia ha dichiarato: «Abbiamo introdotto un limite di cinque inoltri valido in tutto il mondo a partire da oggi». La decisione, attesa da mesi, dopo un annuncio dell’autunno scorso, dovrebbe contribuire ad arginare la diffusione di «fake news» attraverso la popolare applicazione di messaggistica, considerata responsabile sia di linciaggi e uccisioni in India sia di interferenze nelle elezioni che hanno portato Jair Bolsonaro alla presidenza del Brasile.

Continua »

AGI: I cinque archivi di email rubate sono tuttora scaricabili a pagamento

Con il passare delle ore le ipotesi sono diventate certezze: Collection #1 non è l’unico archivio di email rubate in circolazione e finite in parte nel database di Have I Been Pwned, il sito che le raccoglie dal 2013.

I ricercatori si sono messi al lavoro e hanno trovato altrettanti archivi numerati e con lo stesso nome: Collection #2, Collection #3 Collection #4, Collection #5. Che fossero più di uno se ne erano già accorti anche i ricercatori di D3LabIT. E oggi ce lo hanno confermato altri due ricercatori che li stanno analizzando, Dario Buonocore e Marco Ramilli.

A una prima parziale analisi del nuovo materiale, dal peso di 1 terabyte, le mailbox più colpite sono quelle di Yahoo, Gmail, Hotmail, Aol e mail.ru, mentre le password più usate sono sempre le stesse: 123456, password, qwerty, abc123, iloveyou1. Nel frattempo il sito che all’inizio ospitava #Collection #1 è stato chiuso e un altro, fasullo, è stato usato da un presunto hacker ucraino per truffare chi faceva richiesta di quel materiale dietro compenso.

Adesso però tutte le collection sono condivisibili e scaricabili sotto forma di file ‘.torrent’ da un forum di hacker, a pagamento. Continua »

AGI: Cambiate le password, Collection #1 è il più grande furto di email della storia

Cambiate le password, Collection #1 è il più grande furto di email della storia

Un esperto ha scoperto 773 milioni di email in giro nel cyberspace e 140 milioni non erano mai state raccolte prima. Potrebbero essere usate per operazioni di phishing e furto di identità. Il consiglio è di rafforzare subito le proprie difese

di ARTURO DI CORINTO per AGI del 17 Gennaio 2019

I numeri sono da capogiro: nel bottino di email e password appena scoperto stavolta ci sono 773 milioni di indirizzi web e 22 milioni di password uniche. È stato chiamato Collection #1 e già il nome lascia intendere che ne esistono versioni successive col nome di Collection #2, Collection #3 eccetera.

A darne la notizia per primo su Twitter è stato Odisseus, un esperto italiano di cybersecurity, ma a scoprire l’archivio è stato Troy Hunt, il ricercatore  informatico autore del sito Have I been pwned (“sono stato bucato”) che da anni conserva il risultato di successivi furti di dati ai danni di Yahoo!, Facebook, Twitter, Adobe, YouPorn e via dicendo. Secondo Hunt, Collection #1 è “il più grande databreach mai caricato sul sito.”

Antipublic, un data leak da 17 Giga e 450 milioni di indirizzi mail da tutto il mondo, scoperto nel maggio 2017, ne contiene poco più della metà.

Una prima analisi delle email messe a disposizione dal ricercatore suggerisce che l’enorme archivio sia il frutto di successivi databreach ai danni di singoli privati, siti e organizzazioni commerciali. Continua »

Il Manifesto: Il Grande Fratello del Copyright ha già perso

Hacker’s Dictionary. La riforma europea del copyright è in dirittura d’arrivo. Ma non servirà a salvare l’industria culturale tradizionale che per sopravvivere deve imparare dalla creatività di un pubblico diventato autore

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 17 Gennaio 2018

Il Grande Fratello del Copyright si è mosso. Il 21 gennaio Parlamento e Consiglio Europeo dovrebbero finalizzare il testo che cambierà il nostro modo di usare il Web 2.0. Gli sherpa hanno infatti raggiunto un accordo in base al quale le piattaforme Internet come Youtube e simili saranno considerate responsabili per la violazione del copyright commessa dai propri utenti. Si tratta della parte centrale della riforma europea del copyright nota come Articolo 13.

Il voto finale è atteso tra marzo ed aprile. L’Italia ha promesso di votare contro.

Continua »

AGI: Professione cyberdefender: la Cyberchallenge italiana è l’occasione di mettersi alla prova

Professione cyberdefender: la Cyberchallenge italiana è l’occasione di mettersi alla prova

Il Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del CINI seleziona i migliori talenti informatici italiani fino al 20 gennaio in 18 università

di ARTURO DI CORINTO per AGI del 14 Gennaio 2018

Smontare e rimontare le cose. Metterci le mani dentro. Trasformarle secondo i propri desideri.

Questo è l’hacking, un modo irriverente e giocoso di misurarsi con la complessità delle macchine informatiche. Oggi, finalmente, maneggiare hardware e algoritmi, scoprire difetti nel codice e risolvere problemi matematici per proteggere le reti, bloccare un attacco informatico, ottimizzare un software con un hack, si può fare alla luce del sole.

Dopo molti anni in cui pessime narrazioni e troppi pregiudizi hanno portato tanti giovani hacker a coltivare il proprio talento da soli, incompresi, di nascosto, CyberchallengeIT, consente ai più giovani di uscire dal bozzolo e trasformarsi in hacker impegnati a proteggere quello che conta veramente: la pace, la democrazia, il benessere di tutti. Possibile? Forse sì, se scegliamo la strada giusta.

Questo almeno è l’obbiettivo che si prefigge il Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del CINI con la Cyberchallenge, un progetto accademico di addestramento gratuito dei giovani talenti informatici italiani fra i 16 e i 23 anni. Le iscrizioni per partecipare, fino al 20 gennaio, serviranno a selezionare i più meritevoli in un percorso che culminerà nella gara finale e nelle premiazioni del 28 giugno 2019. Il progetto punta a sviluppare nei partecipanti le competenze necessarie ad affrontare le sfide che un cyberspace sempre più affollato impone per garantire la sicurezza di tutti. Continua »

La Repubblica: Internet Governance Forum, i cittadini possono disegnare il futuro della rete

la-repubblica-it-logo

Internet Governance Forum, i cittadini possono disegnare il futuro della rete

È online la call per partecipare alla definizione dei temi e delle proposte da portare a Berlino all’Internet Governance Forum, il “parlamento” che ogni anno discute a livello mondiale la direzione dello sviluppo della rete. E l’Italia prova a organizzarsi

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 9 Dicembre 2019

ROMA –  “Limitare gli usi negativi di Internet e incrementare le opportunità che offre senza lasciare indietro nessuno”. In un momento in cui ci sentiamo travolti da notizie false, furti di dati, software spia e troll che impazzano sui social, suona strano, ma si può fare. E si può fare con il contributo di tutti, nonostante lo strapotere di Big Tech, il terrorismo che ritorna online e le accuse di Trump a Internet, che considera responsabile dell’immigrazione illegale negli Usa? Ma come? Ad esempio attraverso la partecipazione alle consultazioni online sul futuro di Internet. Continua »

Il Manifesto: C’è una taglia sulla tua privacy

C’è una taglia sulla tua privacy

Hacker’s Dictionary. Il Darth Vader della cybersecurity è pronto a pagare chi buca i sistemi di messaggistica come WhatsApp, Messenger e Signal

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 9 gennaio 2019

La sicurezza totale non esiste. Soprattutto se parliamo di reti e dispositivi elettronici. Eppure in campo informatico è possibile adottare una serie di accorgimenti che rendono la vita difficile a spioni, ladri e truffatori che attaccano il nostro mondo digitale.

Abbiamo già parlato di come proteggere gli acquisti online ed evitare le aggressioni sui social, perciò è ora di pensare alla sicurezza dei sistemi di messaggistica a cui dedichiamo tante ore della nostra giornata.

Si tratti di WhatsApp, Messenger, iMessage e Telegram, oppure di Signal e Confide, tutti questi sistemi proteggono le nostre comunicazioni da intercettazioni private, sorveglianza non autorizzata e furto di dati grazie alla crittografia end-to-end, che nasconde il contenuto in chiaro del messaggio nel suo viaggio dal mittente fino al destinatario. Continua »

Il Manifesto: Insieme diciamo basta alle molestie online

Insieme diciamo basta alle molestie online

Hacker’s Dictionary. Le donne sono il bersaglio preferito di ricatti e aggressioni verbali. Amnesty lancia il Troll Patrol Project. Dalla Internet Society dieci semplici suggerimenti per rendere il web un posto migliore per tutti e tutte

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 3 Gennaio 2019

Le molestie e il bullismo online sono reali. E alcuni gruppi, come le donne, sono presi di mira più di altri. Purtroppo, la nostra identità influisce sul modo in cui sei trattato dagli altri anche online.

Ad esempio, il costo della presenza tu Twitter per una donna può essere molto alto. Soprattutto se si tratta di figure pubbliche. Nonostante i ripetuti appelli ai fondatori della piattaforma di microblogging le cose per le donne peggiorano ogni giorno. Per questo Amnesty International ha deciso di realizzare il Troll Patrol Project, un’indagine mirata sui tweet molesti. Lo studio, realizzato con la partecipazione di 778 donne che lavorano nel giornalismo e nella politica negli Usa e nel Regno Unito ha scoperto che il 7% dei tweet a loro inviati erano molesti e problematici e che arrivavano sia da destra che da sinistra al numero di uno ogni 30 secondi per un totale di un miliardo di tweet in un anno. Le donne di colore sono le più bersagliate. Continua »

Il Manifesto: Webeti, cyberbulli e politici arroganti, l’Italia in rete

Webeti, cyberbulli e politici arroganti, l’Italia in rete

Hacker’s Dictionary. Aggressioni verbali e minacce nei social, quando si scambia la libertà d’espressione con la libertà d’insulto

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 27 Dicembre 2018

Dopo Jamal Khashoggi un altro giornalista saudita, Turki Bin Abdul Aziz Al-Jasser, è morto. Rintracciato dal suo account anonimo su Twitter, era stato torturato per aver denunciato le violazioni dei diritti umani in Arabia Saudita.

Nei paesi autoritari si muore per potersi esprimere, in quelli democratici si abusa della libertà d’espressione.

In Italia aumenta ogni giorno il numero di chi si rende colpevole di fenomeni di cyberbullismo, cyberstalking, hate speech, revenge porn. Solo nel 2017 i casi conclamati di cyberbullismo sono stati 354. Pochi giorni fa i reati degli aguzzini di Carolina Picchio, quattordicenne suicidatasi per le offese ricevute sui social dopo la diffusione di un video imbarazzante, sono stati dichiarati estinti.

La legge del 2017 sul cyberbullismo, gli interventi del Garante per la privacy, le campagne di comunicazione non sembrano bastare. I social network continuano a calamitare la rabbia e l’aggressività repressa di chi si sente defraudato di qualcosa da qualcuno. I bersagli preferiti rimangono i politici, i professori, i giornalisti, chiunque incarni l’autorità o una presunta élite. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress