Il Fatto Quotidiano: Diamo più rilievo a un dato, il cybercrime ci costa ogni anno come quattro stazioni spaziali

Diamo più rilievo a un dato, il cybercrime ci costa ogni anno come quattro stazioni spaziali

di ARTURO DI CORINTO per Il Fatto Quotidiano del 28 Settembre 2018

La sicurezza informatica, la cybersecurity, serve a mantenere la pace e preservare la democrazia. Ci avete mai pensato? E allora provate a immaginare cosa accadrebbe se un attacco informatico da parte di un esercito avversario accecasse tutte le torri di controllo dell’aeroporto di una capitale europea. Oppure pensate a cosa accadrebbe se qualcuno fosse in grado di bloccare i semafori e mandare in tilt il traffico cittadino il giorno delle elezioni: ingorghi, proteste, gente che non va a votare.

Nel 2003 un attacco attacco da negazione di servizio, un DoS, ha mandato in tilt la rete elettrica canadese. Dopo poche ore gli effetti si sono sentiti anche negli Usa.
Nel 2013 invece un attacco via smartphone è quasi riuscito ad aprire le chiuse della diga di New York. Qualche anno fa un malware, Shamoon, ha bloccato 30mila pompe di benzina della petrolifera Aramco. E gli esempi potrebbero continuare. Continua »

Il Manifesto: Cybertech, la sicurezza nella Nuvola

Cybertech, la sicurezza nella Nuvola

Hacker’s Dictionary. Il gotha delle aziende di cybersecurity è raccolto a Roma per parlare di sicurezza informatica al Cybertech Europe

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 27 Settembre 2018

Da ieri il gotha delle aziende di cybersecurity è raccolto a Roma dentro la «Nuvola» di Fuksas per parlare di sicurezza informatica al Cybertech Europe.

Idea israeliana e successo mondiale, «Cybertech Europe è la più importante fiera di cybersecurity fuori dagli Usa». Giunta alla sua terza edizione in Italia, Cybertech ospita quest’anno migliaia di visitatori, 111 speaker, 80 aziende e oltre 30 startup.

Ma l’importanza dell’evento origina da altri numeri: si stima che siano stati 600 i miliardi di danno causati dal cybercrime all’economia globale nel solo 2017 e 120 miliardi quelli investiti nel 2018 dalle aziende per proteggersi, mentre le maggiori aziende di cybersecurity denunciano un aumento della vulnerabilità delle carte di credito (Verizon), delle truffe aziendali via email (Barracuda) e dei sistemi di controllo industriale (Kaspersky).

Con un impressionante aumento degli attacchi alle infrastrutture critiche – ospedali, aeroporti, reti energetiche – e ai settori produttivi come più volte rilevato dal Cnaipic della nostra Polizia Postale. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress