Gli hacker sono innovatori, parola della ministra Pisano

Hacker’s Dictionary. Durante il Cybertech, conferenza annuale sulla cybersecurity, si è parlato di competenze, resilienza informatica e cybercrime. Margaritis Schinas della Commissione Europea ha ricordato: “Il Cybercrime vale 5.5 trilioni di euro all’anno”

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 18 Settembre 2020

Gli hacker possono favorire la trasformazione digitale e i governi dovrebbero aiutarli a farlo. Questo passaggio della relazione della ministra Paola Pisano durante la conferenza CybertechLive Europe riassume abbastanza bene la filosofia della cybersecurity moderna.

C’è la consapevolezza che il «rischio zero» non esiste, che nessuno si salva da solo, che la sicurezza è un lavoro di squadra e che il pensiero laterale, l’autonomia e la cooperazione competitiva tipiche della «cultura hacker» sono necessarie alla società come l’acqua per le piante.

La ministra dell’Innovazione ha anche parlato del capitale umano come fattore abilitante di un approccio strategico al digitale e dell’importanza di affrontare lo «skill shortage», la carenza di competenze, per realizzare la trasformazione digitale mettendo al centro sicurezza e privacy. Perciò ha chiamato in causa gli hacker.

Il Manifesto: Gara di solidarietà contro gli hacker malevoli

il-manifesto-logo3

Gara di solidarietà contro gli hacker malevoli

Hacker’s Dictionary. Cyberoo, Cybertech, Kaspersky e gli altri, in pista per offrire protezione informatica gratuita durante la pandemia. Bankitalia scrive: «Tuteliamo i soggetti più esposti»

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 30 Aprile 2020

Dopo i film, i libri, le videoconferenze, le imprese adesso regalano software anti hacker. L’occasione è data dalla pandemia di Coronavirus che, obbligandoci a vivere online, porta con sé anche un aumentato rischio per virus, trojan e altri attacchi informatici. Per questo è partita la gara di solidarietà. Un’occasione per le aziende di mantenere un buon rapporto coi clienti, rafforzare il branding e farsi benvolere dall’opinione pubblica.

Si chiama Cyberoo Defence for Italy l’iniziativa di Cyberoo, da poco sbarcata in borsa, grazie alla quale vengono messi a disposizione delle aziende italiane che ne faranno richiesta, gratuitamente e per tre mesi, alcuni servizi di cyber security per lo smart working. Un’altra azienda italiana, governata da Roberto Mignemi, Cybertech, della galassia Engineering, ha messo a disposizione delle realtà ospedaliere servizi gratuiti in grado di misurare l’estensione della superficie esposta agli attacchi, pronta a fornire supporto in caso di compromissioni.

Continua a leggere Il Manifesto: Gara di solidarietà contro gli hacker malevoli

Il Manifesto: L’autunno della cybersecurity promette bene

L’autunno della cybersecurity promette bene

Hacker’s Dictionary. Dal Cybertech Europe all’evento di Cybersaiyan, dal Security Summit al Salone dei pagamenti. L’anno digitale ricomincia sotto gli auspici della formazione e della consapevolezza necessarie al paese che punta sul digitale

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 11 Settembre 2019

Volete sapere se il vostro smartphone vi spia? Oppure sapete già che l’Italia è il paese di Bengodi per i ransomware e volete capire come difendervi? E la geopolitica della cybersecurity rientra nei vostri interessi? Siete più spaventati dalle spie cinesi o dai troll russi?

Comunque la pensiate in tema di cybersecurity questo autunno ce n’è per tutti i gusti grazie a una pletora di conferenze sulla sicurezza informatica che va dalla più grande alla più piccola, da quella blasonata a quella autorganizzata. Continua a leggere Il Manifesto: L’autunno della cybersecurity promette bene

Il Fatto Quotidiano: Diamo più rilievo a un dato, il cybercrime ci costa ogni anno come quattro stazioni spaziali

Diamo più rilievo a un dato, il cybercrime ci costa ogni anno come quattro stazioni spaziali

di ARTURO DI CORINTO per Il Fatto Quotidiano del 28 Settembre 2018

La sicurezza informatica, la cybersecurity, serve a mantenere la pace e preservare la democrazia. Ci avete mai pensato? E allora provate a immaginare cosa accadrebbe se un attacco informatico da parte di un esercito avversario accecasse tutte le torri di controllo dell’aeroporto di una capitale europea. Oppure pensate a cosa accadrebbe se qualcuno fosse in grado di bloccare i semafori e mandare in tilt il traffico cittadino il giorno delle elezioni: ingorghi, proteste, gente che non va a votare.

Nel 2003 un attacco attacco da negazione di servizio, un DoS, ha mandato in tilt la rete elettrica canadese. Dopo poche ore gli effetti si sono sentiti anche negli Usa.
Nel 2013 invece un attacco via smartphone è quasi riuscito ad aprire le chiuse della diga di New York. Qualche anno fa un malware, Shamoon, ha bloccato 30mila pompe di benzina della petrolifera Aramco. E gli esempi potrebbero continuare. Continua a leggere Il Fatto Quotidiano: Diamo più rilievo a un dato, il cybercrime ci costa ogni anno come quattro stazioni spaziali

Il Manifesto: Cybertech, la sicurezza nella Nuvola

Cybertech, la sicurezza nella Nuvola

Hacker’s Dictionary. Il gotha delle aziende di cybersecurity è raccolto a Roma per parlare di sicurezza informatica al Cybertech Europe

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 27 Settembre 2018

Da ieri il gotha delle aziende di cybersecurity è raccolto a Roma dentro la «Nuvola» di Fuksas per parlare di sicurezza informatica al Cybertech Europe.

Idea israeliana e successo mondiale, «Cybertech Europe è la più importante fiera di cybersecurity fuori dagli Usa». Giunta alla sua terza edizione in Italia, Cybertech ospita quest’anno migliaia di visitatori, 111 speaker, 80 aziende e oltre 30 startup.

Ma l’importanza dell’evento origina da altri numeri: si stima che siano stati 600 i miliardi di danno causati dal cybercrime all’economia globale nel solo 2017 e 120 miliardi quelli investiti nel 2018 dalle aziende per proteggersi, mentre le maggiori aziende di cybersecurity denunciano un aumento della vulnerabilità delle carte di credito (Verizon), delle truffe aziendali via email (Barracuda) e dei sistemi di controllo industriale (Kaspersky).

Con un impressionante aumento degli attacchi alle infrastrutture critiche – ospedali, aeroporti, reti energetiche – e ai settori produttivi come più volte rilevato dal Cnaipic della nostra Polizia Postale. Continua a leggere Il Manifesto: Cybertech, la sicurezza nella Nuvola