Cyberattacco a Leonardo, la banalità del male

Cyberattacco a Leonardo, la banalità del male

Hacker’s Dictionary. Se un impiegato infetta i computer di un gigante dell’aerospazio come Leonardo, è roba da commedia di genere. Ma se gli hacker russi “sfilano” a un’azienda Usa di cybersecurity i tool per testare le difese dei suoi clienti stiamo assistendo a un film horror

di Arturo Di Corinto per Il Manifesto del 10 Dicembre 2020

Se fosse una fiction, la storia dell’attacco informatico a Leonardo sarebbe un flop. Lenta, banale, a lieto fine. Ma non è un film. La storia è quella di due impiegati infedeli, un consulente esterno che ha infettato via malware i pc dei lavoratori di Pomigliano d’Arco, e un dirigente incaricato di stoppare questi attacchi che, scopertolo, ne avrebbe minimizzato la portata perfino a superiori e investigatori.

Il furto, secondo gli inquirenti della Procura di Napoli, sarebbe proseguito dal 2015 al 2017 fino alla denuncia dei vertici aziendali, rimasti per anni all’oscuro del grave buco nella sicurezza delle divisioni Aerostrutture e Velivoli dell’azienda partecipata al 30% dallo Stato. Un’azienda orgoglio del Bel Paese per capacità ingegneristica e capacità di mercato, che non ha mai brillato nel campo della sicurezza informatica ma che è ugualmente riuscita a conquistare importanti commesse in questo settore – dalla Nato agli Stati Uniti – e che non si aspettava un tale sgambetto.

Il Manifesto: Cybertech, la sicurezza nella Nuvola

Cybertech, la sicurezza nella Nuvola

Hacker’s Dictionary. Il gotha delle aziende di cybersecurity è raccolto a Roma per parlare di sicurezza informatica al Cybertech Europe

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 27 Settembre 2018

Da ieri il gotha delle aziende di cybersecurity è raccolto a Roma dentro la «Nuvola» di Fuksas per parlare di sicurezza informatica al Cybertech Europe.

Idea israeliana e successo mondiale, «Cybertech Europe è la più importante fiera di cybersecurity fuori dagli Usa». Giunta alla sua terza edizione in Italia, Cybertech ospita quest’anno migliaia di visitatori, 111 speaker, 80 aziende e oltre 30 startup.

Ma l’importanza dell’evento origina da altri numeri: si stima che siano stati 600 i miliardi di danno causati dal cybercrime all’economia globale nel solo 2017 e 120 miliardi quelli investiti nel 2018 dalle aziende per proteggersi, mentre le maggiori aziende di cybersecurity denunciano un aumento della vulnerabilità delle carte di credito (Verizon), delle truffe aziendali via email (Barracuda) e dei sistemi di controllo industriale (Kaspersky).

Con un impressionante aumento degli attacchi alle infrastrutture critiche – ospedali, aeroporti, reti energetiche – e ai settori produttivi come più volte rilevato dal Cnaipic della nostra Polizia Postale. Continua a leggere Il Manifesto: Cybertech, la sicurezza nella Nuvola