Cybersecurity: Venti anni di legge sulla privacy: il Garante attacca la geografia dei poteri nel web e la disattenzione alla cybersecurity

Venti anni di legge sulla privacy: il Garante attacca la geografia dei poteri nel web e la disattenzione alla cybersecurity

Alla relazione annuale, Antonello Soro illustra le attività dell’Autorità per la Protezione dei dati personali e invita la politica a intervenire per non lasciare il campo a Google, Facebook e Co. E avverte: le aziende investano in cybersecurity

di Arturo Di Corinto per Cybersecurity del 6 giugno 2017

“Internet è la nuova dimensione entro cui si svolge la personalità di ciascuno e il luogo dove i diritti si esercitano o possono essere negati.” “Internet è il luogo dove le libertà si dispiegano e possono essere violate.” Per questo i nostri dati vanno tutelati e con essi la nostra dignità e autonomia. Per questo non possiamo lasciare in mano ai giganti del web la decisione di intervenire per assicurare rispetto, dignità e privacy dei cittadini in rete visto che il loro business è fondato sulla commercializzazione dei dati personali dei loro utenti. Continua »

Cybersecurity: Dieci dritte per proteggere la tua privacy se possiedi un iPhone (e vuoi evitare pubblicità indesiderata)

Dieci dritte per proteggere la tua privacy se possiedi un iPhone (e vuoi evitare pubblicità indesiderata)

Perché dare accesso ai nostri spostamenti anche alle app che non lo necessitano? E come si fa a proteggersi dagli spioni nel proprio ufficio? Vuoi sapere come evitare pubblicità indesiderata? Ecco come si fa.

Arturo Di Corinto per Cybersecurity 12 marzo 2017

Dopo le rivelazioni di Wikileaks sulla sorveglianza di massa della Cia ci sentiamo tutti un po’ più vulnerabili nella nostra privacy, anche se riteniamo di non avere niente da nascondere. In realtà questo è un pensiero abbastanza ingenuo, se realizziamo che pur non essendo oggetti del controllo dei servizi segreti americani siamo vulnerabili ad altri impiccioni.

Continua »

Cybersecurity: Dalle donne, per le donne, la guida definitiva all’autodifesa digitale

Dalle donne, per le donne, la guida definitiva all’autodifesa digitale

Dall’idea di una ragazza pakistana, il tutorial di Chayn che spiega l’uso delle tecnologie per l’empowerment delle donne in Internet
Arturo Di Corinto per Cybersecurity del 31 gennaio 2017

Da qualche tempo il tema della cybersecurity riesce a ottenere qualche spazio d’attenzione da parte dei media a causa del proliferare di virus e malware che bloccano computer, svuotano i conti e impallano i telefonini.

Digital personal security

La sicurezza informatica ha poi smesso di essere una questione di spioni e servizi segreti quando abbiamo scoperto che, forse, anche le elezioni di un paese come gli Stati Uniti possono essere state condizionate da intrusioni informatiche e divulgazione non autorizzata di dati e informazioni digitali. Ed è diventata una preoccupazione da quando si sono moltiplicate le richieste di riscatto da parte di criminali che con i loro virus prendono in ostaggio cartelle sanitarie o bloccano le serrature elettroniche di stanze d’albergo ai danni di ignari turisti.

Continua »

La Repubblica: “Con i big data le nostre democrazie appaiono più deboli”

la-repubblica-it-logo

Con i big data le nostre democrazie appaiono più deboli

L’allarme del Garante italiano per la privacy di fronte alla bulimia dei dati delle grandi piattaforme web e all’analisi automatizzata dei comportamenti in rete
di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 30 Gennaio 2017

QUANDO non paghi qualcosa il prodotto sei tu. È questo l’avvertimento che viene dal garante della Privacy Antonello Soro che ha parlato stamattina a Roma alla Camera dei Deputati nel convegno Big Data e Privacy, la nuova geografia dei poteri. L’intervento, a due giorni dalla celebrazione della giornata europea della privacy, non poteva essere più chiaro. Soro ha infatti incentrato la sua relazione sullo strapotere delle aziende multinazionali che raccolgono e usano i nostri dati sia per indirizzare i comportamenti di consumo, che per influenzare le scelte che ogni giorno compiamo come cittadini. Per questo ha sottolinenato che il possesso dei dati personali ricavati dagli utenti del Web da parte dei colossi della Rete fa sì che “le nostre democrazie appaiono più deboli”. Continua »

Cybersecurity: A Natale non abbassare la guardia, ecco i consigli da seguire per difenderti dai cybercriminali

cyber_securityA Natale non abbassare la guardia, ecco i consigli da seguire per difenderti dai cybercriminali

Password complesse, doppia autenticazione, backup dei dati e un occhio su pc, tablet e telefonino: il buon senso è la prima linea di difesa dai ladri informatici

Arturo Di Corinto per Cybersecurity 18 dicembre 2016

A Natale i ladri non vanno in ferie, anzi, durante le vacanze approfittano della distrazione e dell’euforia portata dalle feste per sottrarci dati e dispositivi, password e documenti e farci passare un brutto momento. Sono molti gli utenti che proprio durante le vacanze scoprono di avere il computer bloccato e il conto svuotato, mentre il telefonino non funziona più e persino lo smartwatch non risponde ai nostri comandi. Continua »

Cybersecurity: Come bloccare le telefonate indesiderate dal tuo iPhone (e non solo)

cyber_security

Come bloccare le telefonate indesiderate dal tuo iPhone (e non solo)

Quando non basta il Registro delle opposizioni per fermare chi ci molesta al telefono è possibile farlo con due colpi di click sul melafonino, anche con una app dedicata (pure per Windows e Android)

Arturo Di Corinto per Cybersecurity 17 dicembre 2016

Tutti i giorni siamo bersagliati da telefonate indesiderate. Le peggiori sono quelle commerciali in cui persone che a stento parlano l’italiano ci offrono di cambiare operatore telefonico.

Per fermare queste telefonate però non tutti sanno che in Italia si può fare ricorso al Registro delle Opposizioni.

Continua »

Cybersecurity: Messenger come Whatsapp: da oggi i messaggi diventano davvero segreti. E si autodistruggono. Ecco come

cyber_security

Messenger come Whatsapp: da oggi i messaggi diventano davvero segreti. E si autodistruggono. Ecco come

Ecco come funziona sull’omonima app dello smartphone in tre mosse. In seguito la funzione dovrebbe essere implementata anche nella chat all’interno della piattaforma web di Facebook
Arturo Di Corinto per Cybersecurity 6 ottobre 2016

Da adesso i circa 900 milioni di utenti che usano Messenger, l’app di Facebook per le chat, potranno contare su “Secret Conversations”, il sistema di crittografia che rende il servizio a prova di curiosi.
Si può scaricare gratuitamente sia dall’App store che su Google Play. (E se non sai cos’è la crittografia, leggi: “Tutto ciò che devi sapere sulla crittografia dei dati e 3 lezioni lasciate dai cryptoribelli“)

Continua »

Cybersecurity: Scordatevi Whatsapp, Telegram e Snapchat, i professionisti usano Confide

cyber_security

Scordatevi Whatsapp, Telegram e Snapchat, i professionisti usano Confide

L’app di messaggistica non conserva alcuna traccia del suo utilizzo: i messaggi si autodistruggono e non si possono stampare a video
Arturo Di Corinto per Cybersecurity del 4 settembre 2016

Dopo quattro anni sono cambiati i termini della privacy di Whatsapp: la famosa app di messaggistica comunicherà i dati a Facebook che ne è proprietaria per attivare nuovi servizi o suggerire nuove amicizie. E così i mugugni degli utilizzatori sono diventati vere e proprie lamentele, nonostante l’adozione della crittografia end to end da parte del servizio.

Ma questa novità è già invocata come un nuovo motivo per usare strumenti alternativi da parte di chi vuole garantire per davvero la propria privacy. Un altro motivo per usare Confide.

Continua »

Cybersecurity: Ecco perché se Tor sciopera la privacy in rete è a rischio

cyber_security

Ecco perché se Tor sciopera la privacy in rete è a rischio

Un gruppo di autoconvocati si ribella all’estromissione di Jacob Appelbaum dal progetto TOR e convoca uno sciopero per il 1 settembre
Arturo Di Corinto per Cybersecurity del 1 settembre 2016

Il 27 luglio, con una mossa senza precedenti, sul blog del progetto Tor è apparso un comunicato in cui il direttore Shari Steele annunciava la fine dell’inchiesta interna sulle molestie sessuali da parte di uno dei più illustri partecipanti al progetto. Ma il suo nome era già sulla bocca di tutti, si trattava di Jacob Appelbaum, noto giornalista, hacker e attivista.

Un mese dopo un comunicato incollato su Pastebin, annunciava lo sciopero di Tor da parte di alcuni operatori del progetto, volontari e pare, interni, che, mettendo in discussione la correttezza di quell’indagine, invitavano a uno sciopero di 24 ore di tutta la rete Tor.

Continua »

La Repubblica: Tor sciopera, l’anonimato in rete è a rischio per 24 ore

la-repubblica-it-logo

Tor sciopera, l’anonimato in rete è a rischio per 24 ore

Un gruppo di autoconvocati ha deciso che il primo settembre spegnerà per un giorno la rete di anonimizzazione del progetto. E in rete scoppia il putiferio

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 25 agosto 2016

SCIOPERO a Tor, il servizio che consente di navigare in modo anonimo in Rete. Lo hanno indetto alcuni lavoratori del progetto per il primo settembre. Le ragioni sono due: la prima è che non condividono la scelta del licenziamento di Jacop Appelbaum, uno dei suoi più noti attivisti, in seguito a un’inchiesta interna per molestie sessuali, il secondo è che non accettano l’idea di assumere un ex-CIA nella gestione del progetto. L’annuncio è arrivato via Pastebin il giorno 22 agosto e da allora ha riscosso più di una dichiarazione di sostegno. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress