Perché l’attacco a SolarWinds è stato così devastante?

Perché l’attacco a SolarWinds è stato così devastante?

Il presidente di Microsoft e il suo direttore generale ricostruiscono in un libro l’attacco cibernetico più devastante degli ultimi anni. Con cui i russi arriveranno alle porte delle agenzie nucleari degli Usa

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 18 Settembre 2021

“Mentre i team di sicurezza studiavano l’infezione, hanno scoperto che il malware nel software Orion inizialmente aveva creato una backdoor nella rete di un’azienda, ma per il resto era rimasto inattivo per due settimane, in modo da passare inosservato. Aveva immagazzinato le informazioni ottenute dall’infezione su un server di comando e controllo ospitato negli Stati Uniti. Gli aggressori avevano trasformato il codice in un’arma distribuita a livello globale su Internet tramite l’aggiornamento SolarWinds”: l’attacco è colpa dei servizi segreti russi e a dirlo è il presidente di Microsoft, Brad Smith, insieme ad Anne Carole Browne in un libro del New York Times intitolato Tools & Weapons: The Promise and Peril of the Digital Age.

La cyberwar si sta globalizzando

La cyberwar si sta globalizzando

Hacker’s Dictionary. Si moltiplicano gli attacchi informatici ai danni di aziende e governi. Israele, Usa, Inghilterra sono tra i bersagli favoriti. Coinvolti gruppi paramilitari cinesi, coreani e iraniani addestrati alla guerra cibernetica

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 23 Luglio 2020

Spie, segreti e codici cifrati non bastano più. Gli stati si combattono apertamente nel cyberspazio anche se attribuire la paternità della guerra cibernetica è sempre più difficile.

Chiamati per un incendio, i pompieri di Houston, Texas, non sono potuti intervenire per domare il fuoco dentro il consolato cinese della città. All’origine un falò di carte e documenti nei cassonetti nel cortile dell’edificio da parte di due persone filmate ma non identificate.

Cybersecurity: 32 milioni di account twitter violati e venduti nel Dark Web: cambiate le password

cyber_security

32 milioni di account twitter violati e venduti nel Dark Web: cambiate le password

LeakedSource rivela di possedere 2 miliardi di account provenienti dalle fonti più disparate, Twitter, Linkedin, Badoo. Si tratta di dati relativi a indirizzi email, nome utente e password. Ma per sapere se ci sei anche tu, devi pagare.

di Arturo Di Corinto 9 giugno 2016

L’8 giugno il sito LeakedSource ha rivelato di essere in possesso di circa 32 milioni di account twitter inviatigli da una fonte anonima, “Tessa88@exploit.im”, e che gli stessi dati sono in vendita nel dark web, la parte più profonda e inaccessibile del web.

Si tratta di dati personali, indirizzi email, username e password.

Continua a leggere Cybersecurity: 32 milioni di account twitter violati e venduti nel Dark Web: cambiate le password