Da Windows ad Alexa, l’agosto caldo della cybersecurity. Come difendersi da malware e spioni

Da Windows ad Alexa, l’agosto caldo della cybersecurity. Come difendersi da malware e spioni

Gli ultimi allarmi per Microsoft, Amazon e alcune app di Android. Il rimedio? Aggiornare software e sistemi, stando attenti a non finire nelle grinfie dei cybercriminali

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 18 AGOSTO 2020

Così come è acclarato che serve lavarsi le mani, indossare la mascherina e mantenere la distanza per non prendersi il coronavirus, bisogna tenere il proprio pc pulito e al sicuro da virus informatici e spioni digitali. Ora più che mai, perché in tempi di pandemia anche la sicurezza informatica vede crescere le minacce reali. Solo nella settimana di Ferragosto, per fare qualche esempio recente, aziende ed esperti hanno denunciato non solo una recrudescenza della diffusione dei virus informatici, ma hanno allertato gli utenti digitali del potenziale successo di questi virus a causa di errori del software che tra una gita in montagna e i tamponi in aeroporto potremmo aver dimenticato di aggiornare.

Il Manifesto: Furti e truffe? Fatti aiutare dall’amico hacker

Furti e truffe? Fatti aiutare dall’amico hacker

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 6 Settembre 2018

Aumentano i furti e le truffe informatiche? L’estensione ufficiale di Chrome per il servizio di condivisione di file MEGA.nz è stata compromessa con un software malevolo che ruba nomi utente e password ma anche le chiavi private dei conti in criptovaluta. Il codice maligno si attiva quando l’utente utilizza i servizi di Amazon, Microsoft, GitHub, MyEtherWallet e MyMonero. L’estensione invia tutti i dati raccolti a un server situato in Ucraina. Il comportamento malevolo è stato individuato due giorni fa da uno sviluppatore italiano dal nome in codice SerHack mentre analizzava il codice sorgente del software.

Continua a leggere Il Manifesto: Furti e truffe? Fatti aiutare dall’amico hacker

La Repubblica: “WannaCry e le aziende? La disattenzione alla sicurezza è paradossale”

la-repubblica-it-logo

“WannaCry e le aziende? La disattenzione alla sicurezza è paradossale”

Intervista a Carlo Mauceli, CTO e CISO di Microsoft Italia. Che analizza i motivi del grande attacco di ransomware e dice: “Ci vuole più informazione e occorre maggiore collaborazione tra aziende, clienti e governi”
di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 22 Maggio 2017

ALL’INDOMANI dell’epidemia del ransomware WannaCry c’è chi ha incolpato i criminali, chi l’intelligence chi le vittime stesse del blocco di 200mila sistemi informatici basati su Windows. Le versioni attaccate sono state infatti molte, da Windows Vista a Windows Server 2008, da Windows 7 a Windows XP. Il motivo è ovvio: Microsoft è leader mondiale nel mercato dei sistemi operativi. Ne parliamo con l’ingegnere Carlo Mauceli, Chief Technology Officer e Cyber Security Officer di Microsoft Italia. Continua a leggere La Repubblica: “WannaCry e le aziende? La disattenzione alla sicurezza è paradossale”