Il Manifesto: Gli errori nel software ci rendono vulnerabili come rimediare?

Gli errori nel software ci rendono vulnerabili come rimediare?

Hacker’s Dictionary. La rubrica settimanale a cura di Arturo Di Corinto

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 29 Novembre 2018

Alcune settimane fa il raid di Anonplus sul sito della Siae ha fruttato agli attaccanti 4 gigabyte di dati personali dei creativi italiani; decine di incursioni di varie sigle della galassia Anonymous italiana hanno messo a nudo i database di ministeri, sindacati, università e militari in congedo; l’attacco alla Pec di Telecom Italia ha lasciato senza difese 500mila caselle di posta elettronica certificata obbligando lo stop di tutte le attività correlate al processo civile telematico, perfino la chiusura dei tribunali.

Quasi tutti gli attacchi sono stati possibili a causa di falle e vulnerabilità di software e sistemi in uso. Ma adesso che siamo tutti cittadini digitali non possiamo più accettare che le vulnerabilità di hardware e software mettano in pericolo la democrazia e l’economia.

Per capirci, una vulnerabilità è un difetto nella progettazione tecnica o nell’implementazione di prodotti e sistemi informatici che può essere utilizzata per sfruttare, penetrare o manipolare un prodotto o un sistema, sia esso hardware o software. I danni prodotti da sistemi vulnerabili li abbiamo conosciuti con gli attacchi Mirai e Wannacry: nel primo caso bloccando l’accesso per mezza giornata a Twitter, Netflix, New York Times, nel secondo bloccando il sistema sanitario inglese, navi cargo danesi e treni russi. Continua »

Il Manifesto: Wannacry e non solo, le cyber-armi della Nsa sono ancora in giro

Wannacry e non solo, le cyber-armi della Nsa sono ancora in giro

Hacker’s Dictionary. La rubrica settimanale a cura di Arturo Di Corinto

di ARTURO DI CORINTO per il Manifesto del 17 Maggio 2017

Nel 2017 un gruppo di hacker noto come ShadowBrokers informa un tale Jake Williams di essere in possesso di tutte le informazioni che lo riguardano.

Jake non è una persona qualsiasi, fa parte della hacking unit della National Security Agency, l’agenzia per lo spionaggio elettronico del governo americano.

Per dimostrargli che dicono la verità pubblicano sul suo stesso blog ogni riga del codice usato da Williams per attaccare i bersagli degli Stati Uniti e poi decidono di divulgare le sue pericolose cyber-armi.

Tra queste ce n’è una alla base del più grande attacco ransomware della storia, l’exploit EternalBlue, usato per bloccare i computer di mezzo mondo e farsi pagare un riscatto (ransom) per sbloccarli. Continua »

Cybersecurity: Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA

Arturo Di Corinto per Cybersecurity del 27 giugno 2017

Compagnie elettriche, banche, metropolitane, aeroporti. Ancora una volta un ransomware dilaga velocemente attraverso le frontiere e attacca le infrastrutture critiche di decine di paesi, dalla Danimarca all’Ucraina alla Russia. Questa volta ad essere colpite sono soprattutto compagnie commerciali.

L’attacco globale è ancora in corso e questa volta la variante del virus che ne sarebbe responsabile appare anche più aggressiva di Wannacry. Continua »

La Repubblica: “WannaCry e le aziende? La disattenzione alla sicurezza è paradossale”

la-repubblica-it-logo

“WannaCry e le aziende? La disattenzione alla sicurezza è paradossale”

Intervista a Carlo Mauceli, CTO e CISO di Microsoft Italia. Che analizza i motivi del grande attacco di ransomware e dice: “Ci vuole più informazione e occorre maggiore collaborazione tra aziende, clienti e governi”
di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 22 Maggio 2017

ALL’INDOMANI dell’epidemia del ransomware WannaCry c’è chi ha incolpato i criminali, chi l’intelligence chi le vittime stesse del blocco di 200mila sistemi informatici basati su Windows. Le versioni attaccate sono state infatti molte, da Windows Vista a Windows Server 2008, da Windows 7 a Windows XP. Il motivo è ovvio: Microsoft è leader mondiale nel mercato dei sistemi operativi. Ne parliamo con l’ingegnere Carlo Mauceli, Chief Technology Officer e Cyber Security Officer di Microsoft Italia. Continua »

La Repubblica: WanaDecrypt, ecco il metodo per liberare i pc attaccati da Wannacry senza pagare il riscatto

la-repubblica-it-logoWanaDecrypt, ecco il metodo per liberare i pc attaccati da Wannacry senza pagare il riscatto

Mentre si moltiplicano le ipotesi sugli autori e il funzionamento di WannaCry, un ricercatore francese esperto di crittografia ha trovato una falla nello stesso malware per renderlo inefficace. Solo su Windows XP, per ora

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 19 Maggio 2017

UN RICERCATORE francese, Adrien Guinet, afferma di aver trovato il modo di liberare i file presi in ostaggio dal ransomware WannaCry senza pagare il riscatto. La sua soluzione, basata sulla manipolazione delle chiavi crittografiche usate per bloccare i computer durante l’attacco che ha colpito 150 paesi e 200mila sistemi, funziona per adesso sui soli computer Windows XP. E funziona se il computer bersaglio non è già stato riavviato dopo l’infezione perché tale operazione impedisce di recuperare, direttamente dalla memoria del sistema infetto, i numeri primi necessari a risalire alla chiave crittografica necessaria a decifrare i file. Ma il ricercatore assicura che sta lavorando ad allargare la compatibilità con le diverse piattaforme. Intanto ha messo su GitHub il software necessario a svolgere l’operazione chiamandolo WanaDecrypt mentre altri si sono uniti a lui per automatizzare l’operazione, con un altro tool chiamato Wanakiwi.
Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress