La Repubblica: “Attenti, i cybercriminali stanno colpendo la rete italiana”

la-repubblica-it-logo“Attenti, i cybercriminali stanno colpendo la rete italiana”

Due hacker italiani lanciano l’allarme: “Anche l’Italia è sotto attacco” di una variante della botnet Mirai. L’obiettivo è rubare i dati alle grandi imprese di telecomunicazioni del nostro paese e alle sue banche. Ma non se ne parla

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 7 Marzo 2017

LE AZIENDE e i governi sono spesso restii a farlo sapere quando accade per evitare danni d’immagine, ma un attacco su larga scala sta colpendo in queste ore migliaia di siti bancari, commerciali e istituzionali in tutto il mondo. Anche in Italia. L’obiettivo dei criminali che stanno portando questa offensiva alla rete è di rubare i dati, testare la vulnerabilità di siti e servizi e costruire nuove armi cibernetiche. La notizia, resa nota dall’italiano Pierluigi Paganini, ha prodotto un notevole allarme registrato anche dal Computer Emergency Reponse Team della Pubblica amministrazione italiana. Ma non è proprio una novità.

Continua »

La Repubblica: Attacco hacker a Telekom, così la botnet Mirai colpisce l’Internet delle cose

la-repubblica-it-logo

Attacco hacker a Telekom, così la botnet Mirai colpisce l’Internet delle cose

Il malware che trasforma apparati informatici come le webcam e i router connessi a internet in computer zombie ha colpito ancora. Presi di mira i router del gestore di telefonia tedesco. Gli esperti: ”Bisogna mettere in condizione gli utenti di aggiornare il software”

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 30 Novembre 2016

L’AVEVAMO previsto e purtroppo è successo. Un derivato della botnet Mirai è stato usato per mettere KO le connessioni internet e telefoniche di circa un milione di tedeschi. L’attacco, cominciato nel pomeriggio di domenica è stato reso possibile da una vulnerabilità presente nei router che la Telekom tedesca offre in dotazione ai propri clienti. Ma non sembra trattarsi di un evento isolato. Dopo il primo momento di sconcerto, gli esperti che l’hanno analizzato hanno cominciato a ipotizzare che si tratti dell’ennesimo episodio della ‘guerra fredda’ tra le potenze mondiali che si contendono la supremazia del cyberspazio. E potrebbe essere la risposta russa alla dichiarazione della Nato che ha definito il cyberspazio il quinto dominio sottoposto alla sua protezione militare, dopo la terra, il mare, l’aria e lo spazio extra-atmosferico. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress