la-repubblica-it-logo

Milioni di email e password rubate (anche in Italia) sono in un gigantesco archivio nel deep web

La nuova minaccia si chiama Anti Public, un data leak da 17 Giga. Più di 450 milioni di indirizzi mail da tutto il mondo, centinaia di migliaia di account a rischio tra aziende, polizia, militari, infrastrutture critiche e istituzioni europee. Possono essere usati per prendere il controllo dei server delle organizzazioni a cui sono state rubate

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 26 Maggio 2017

POTREBBE essere il più grande furto di credenziali della storia. Oltre 450 milioni di email e relative password scovate nel deep web e pronte per essere usate a fini criminali. Un data leak di proporzioni mondiali che coinvolge migliaia di organizzazioni, pubbliche e private, dall’Italia agli Stati Uniti. Scovato dagli esperti della Cyber Division di Var Group, Yarix, attraverso una incursione effettuata dagli analisti del proprio partner D3Lab, l’archivio con tutti i dati è adesso al vaglio di esperti e investigatori.

Yarix, azienda italiana di interesse nazionale per la cybersecurity ha subito informato il Ministero dell’Interno per la gestione di questa minaccia mentre gli hacker sotto copertura di D3Lab sono ancora a lavoro nel deep web per carpire maggiori informazioni e proseguire il lavoro di analisi e intelligence. Un lavoro cominciato con le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi negli ambienti underground del deep web, che gli ha consentito di intercettare e acquisire questo gigantesco data leak noto tra i cybercriminali come Anti Public. Continua »