La blockchain e il voto elettronico svizzero bucato

Hacker’s Dictionary. Anche nelle elezioni la blockchain viene invocata come soluzione ai problemi della società digitale. Ma i suoi sostenitori non sono abbastanza convincenti

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 14 Marzo 2019

Se scorriamo i titoli dei giornali vediamo come per le aziende di sicurezza informatica il problema principale da affrontare sia sempre diverso: i «databreach», gli attacchi DDoS, i dispositivi IoT non protetti, gli aerei insicuri o gli attacchi cibernetici alle dighe.

Tutto vero e giusto, ma il rischio più grosso per le società a democrazia rappresentativa riguarda la manipolazione dell’opinione pubblica e l’alterazione del voto elettronico.

Un team di ricercatori canadesi e delle Università di Melbourne e di Lovanio ha esaminato il codice sorgente del sistema di voto elettronico di SwissPost, fornito da Scytl, e ha appena scoperto una «trapdoor», una “botola” crittografica.

Sfruttata, la «backdoor» non intenzionale potrebbe essere usata per falsificare le elezioni. E questo perché il sistema SwissPost che deve certificare i voti elettronici crittografati e «mescolati» per proteggerne la privacy non è in grado di fornire la prova, matematica, che nessun voto sia stato cambiato, ma anche perché – dicono i ricercatori – «la sua semplice presenza solleva serie domande sul resto del codice». Continua »