Il Manifesto: La blockchain e il voto elettronico svizzero bucato

La blockchain e il voto elettronico svizzero bucato

Hacker’s Dictionary. Anche nelle elezioni la blockchain viene invocata come soluzione ai problemi della società digitale. Ma i suoi sostenitori non sono abbastanza convincenti

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 14 Marzo 2019

Se scorriamo i titoli dei giornali vediamo come per le aziende di sicurezza informatica il problema principale da affrontare sia sempre diverso: i «databreach», gli attacchi DDoS, i dispositivi IoT non protetti, gli aerei insicuri o gli attacchi cibernetici alle dighe.

Tutto vero e giusto, ma il rischio più grosso per le società a democrazia rappresentativa riguarda la manipolazione dell’opinione pubblica e l’alterazione del voto elettronico.

Un team di ricercatori canadesi e delle Università di Melbourne e di Lovanio ha esaminato il codice sorgente del sistema di voto elettronico di SwissPost, fornito da Scytl, e ha appena scoperto una «trapdoor», una “botola” crittografica.

Sfruttata, la «backdoor» non intenzionale potrebbe essere usata per falsificare le elezioni. E questo perché il sistema SwissPost che deve certificare i voti elettronici crittografati e «mescolati» per proteggerne la privacy non è in grado di fornire la prova, matematica, che nessun voto sia stato cambiato, ma anche perché – dicono i ricercatori – «la sua semplice presenza solleva serie domande sul resto del codice». Continua »

AGI: I tanti dubbi sul voto tramite blockchain che Casaleggio deve chiarire

I tanti dubbi sul voto tramite blockchain che Casaleggio deve chiarire

Anche la catena a blocchi ha dei difetti che possono essere sfruttati da hacker malintenzionati, difetti che aumentano il rischio di elezioni non democratiche e falsificabili

di ARTURO DI CORINTO per AGI del 9 Marzo 2019

“Ne abbiamo parlato tanto, lo abbiamo pensato, immaginato, sperato, sognato. E ora c’è. Stiamo parlando del voto su blockchain, la nuova frontiera della democrazia diretta che consente di utilizzare la Rete in un nuovo modo”.

Con questa dichiarazione Davide Casaleggio, guru tecnologico del Movimento 5 Stelle e presidente (e fondatore) dell’associazione Rousseau, ha annunciato per oggi un hackhaton al Villaggio Rousseau per presentare “la prima versione funzionante di un sistema di voto su blockchain che garantisce l’anonimato e permette una certificazione distribuita del voto”.

Bene, bravo, bis. Il metodo in queste cose è importante.

Perché è importante la trasparenza del software di voto

Casaleggio afferma di volere rendere disponibile il codice sorgente del software per il voto, e chiama a raccolta hacker e specialisti per testarlo e migliorarlo. Niente di eccezionale, direte, è il modo in cui funziona  da sempre la produzione di software se il codice non è proprietario e coperto da segreto industriale. E consentire l’analisi del codice è il modo migliore per coinvolgere specialisti e programmatori. È una furbata, dirà qualcuno, perché laddove non arrivano i tuoi programmatori, intervengono gli altri ad aiutarti, per sfida intellettuale, divertimento o ideologia. In questo caso gli “hacker” ti aiutano a testare, modificare e migliorare un prodotto che più di altri – è un software di voto – deve essere semplice da usare e verificabile. Continua »

Intervista: Rousseau apre il codice. La piattaforma dei 5 Stelle si mette alla prova

Nel fine settimana l’Associazione Rousseau aprirà le porte della piattaforma di M5S a chiunque abbia voglia di conoscerla e migliorarla. L’opinione di Di Corinto: “Buona l’idea di renderlo disponibile a tutti, buon l’idea di farlo attraverso un hackathon”

di Simona Sotgiu per Formiche del 8 Marzo 2019

Apriremo il software. È arrivato nel tardo pomeriggio di ieri sul Blog delle Stelle il post a firma di Davide Casaleggio con cui il presidente dell’Associazione Rousseau ha annunciato che durante l’evento che si terrà questo fine settimana, Villaggio Rousseau, verrà reso disponibile “a tutti” il software di Rousseau “affinché tutti possano analizzarlo, migliorarlo, svilupparlo e utilizzarlo”. Un’idea che è piaciuta ad Arturo Di Corinto, esperto di sicurezza cyber e voto elettronico, giornalista che ha condotto diverse inchieste sulla democrazia digitale – e non solo – e che non ha mai risparmiato critiche alla piattaforma del Movimento 5 Stelle.

Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress