la-repubblica-it-logo
Anche Wolverine e Spock diventano difensori della privacy
Durante il week-end del Labour Day, ad Atlanta, in Georgia (Usa), la Dragon Conference di quest’anno ha ospitato una singolare iniziativa dellaElectronic Frontier Foundation, mettendo in vetrina i “difensori della privacy”. Oltre 120 cosplayer, cioè persone che assumono le sembianze e si vestono come i loro eroi dei fumetti e della fantascienza, si sono messi in posa con cartelli inenggianti alla privacy con scritte come “ho fregato il tuo algoritmo di riconoscimento facciale”, “sono un’identità cifrata”, “ho diritto a un’identità segreta”, e così via. Tra i cosplayer di maggior successo, a rivendicare il diritto alla privacy e all’anonimato, pronti a battersi per la libertà di Internet, c’erano Wolverine, Rogue e La Bestia degli X-Men, il comandante Spock, uno skrull, e un Doctor Who bambino.
a cura di ARTURO DI CORINTO per la Repubblica del 23 settembre 2015