Come ti frego l’azienda via email

Hacker’s Dictionary. Si chiamano Business email compromise (Bec) e fanno più danni delle altalene della Borsa. Al pari delle truffe romantiche sfruttano la fiducia ingenua che abbiamo per gli altri

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 29 Agosto 2019

Avete mai ricevuto una email con richiesta di bonifico immediato per un prodotto ordinato in rete, un affare da completare o per aiutare un amico rimasto senza soldi in Tanzania? Probabilmente sì e se non gli avete dato seguito avete fatto bene.

In genere queste richieste sono fasulle e rappresentano un tipo di truffa online che gli esperti chiamano Business Email Compromise (Bec) perché usano account email rubati ai legittimi proprietari.

Mentre in molti casi le truffe romantiche cominciano sul Messenger di Facebook, nelle truffe Bec i truffatori si presentano come il datore di lavoro, un collega, un amico, e chiedono alla vittima di inviare denaro tramite bonifico bancario. In altri casi imitando l’identità del possessore della mailbox compromessa per frodare l’azienda o i suoi dipendenti, clienti e partner. In molti casi, gli «scammer», i truffatori, concentrano i loro sforzi sui contabili o gli impiegati delle risorse umane. Continua »