Privacy e controllo: Chi controlla i controllori?
di Arturo Di Corinto per E-il mensile di Emergency
Giugno 2012

La Electronic Frontier Foundation ha pubblicato ad aprile un rapporto sulla vendita di apparati di censura e sorveglianza ai regimi autoritari da parte di aziende americane ed europee. Software per trascrivere i messaggi di testo dei cellulari, apparati di registrazione delle chiamate vocali, sistemi di intercettazione delle email e delle chiamate via skype, costituiscono una terribile minaccia per i dissidenti che attraverso la tecnologia comunicano e si organizzano. I paesi che acquistano tali tecnologie attraverso triangolazioni di difficile tracciamento sono gli stessi che Reporter senza frontiere elenca ogni anno tra i “Nemici di Internet”, come Bahrein, Siria, Iran, Cina, Cuba, eccetera.
Il presidente Obama il 23 aprile ha emanato un ordine esecutivo in base al quale chiunque fornisca a Iran e Siria tecnologie che possono violare i diritti umani sia sottoposto a embargo finanziario e impedito di entrare negli Stati Uniti. E gli altri paesi? Prova a occuparsene il Congresso americano.
Una sottocommissione della Camera ha infatti proposto il Global Online Freedom Act, per limitare l’esportazione di tecnologie che “servono allo scopo primario” di sorvegliare o censurare i cittadini nei paesi nemici di Internet. La sua discussione però non è nemmeno calendarizzata al contrario della Cyber Intelligence Sharing and Protection Act, una legge che consente di monitorare il traffico online di tutti gli utenti americani per motivi di sicurezza e che ha ottenuto un binario preferenziale. Gli attivisti hanno chiesto a Obama di porvi il veto. “Chi scambia la sicurezza con la libertà non merita né l’una né l’altra”, lo diceva già il presidente americano Thomas Jefferson. Limiti, contraddizioni e complessità della democrazia, si dirà. Intanto per sapere come va a finire basta controllare lo stato di avanzamento delle leggi con Govtrack.us che addirittura ne spiega spirito e applicazione. In Italia, di seguire proposte, votazioni ed emendamenti parlamentari se ne occupa Openparlamento.it. Anche i cittadini possono “sorvegliare” i governanti.