ROMA – Il 2016 verrà ricordato come l’anno del conflitto tra le grandi potenze nel cyberspazio. Un terreno nel quale il conflitto diplomatico e militare diventa conflitto digitale e la cyberwar globale uno scenario plausibile. Con effetti potenzialmente devastanti sulla vita quotidiana: dalla sicurezza degli hub aeroportuali alle vie di trasporto, fino agli elettrodotti. Pensiamo a cosa succederebbe con un guasto diffuso alla rete elettrica: non funzionerebbero illuminazione, ospedali e fabbriche, con effetti di panico e di blocco delle attività produttive capaci anche di influenzare la risposta a un attacco militare tradizionale. È già successo il 23 dicembre 2015 in Ucraina ad opera del gruppo Sandworm. Per questo l’escalation della tensione tra Russia e Usa si sta configurando come una situazione da guerra fredda. La cyberwar è diventata un’opzione. Ma non da ieri.
Continua »