AGI: I cinque archivi di email rubate sono tuttora scaricabili a pagamento

Con il passare delle ore le ipotesi sono diventate certezze: Collection #1 non è l’unico archivio di email rubate in circolazione e finite in parte nel database di Have I Been Pwned, il sito che le raccoglie dal 2013.

I ricercatori si sono messi al lavoro e hanno trovato altrettanti archivi numerati e con lo stesso nome: Collection #2, Collection #3 Collection #4, Collection #5. Che fossero più di uno se ne erano già accorti anche i ricercatori di D3LabIT. E oggi ce lo hanno confermato altri due ricercatori che li stanno analizzando, Dario Buonocore e Marco Ramilli.

A una prima parziale analisi del nuovo materiale, dal peso di 1 terabyte, le mailbox più colpite sono quelle di Yahoo, Gmail, Hotmail, Aol e mail.ru, mentre le password più usate sono sempre le stesse: 123456, password, qwerty, abc123, iloveyou1. Nel frattempo il sito che all’inizio ospitava #Collection #1 è stato chiuso e un altro, fasullo, è stato usato da un presunto hacker ucraino per truffare chi faceva richiesta di quel materiale dietro compenso.

Adesso però tutte le collection sono condivisibili e scaricabili sotto forma di file ‘.torrent’ da un forum di hacker, a pagamento. Continua »

AGI: Cambiate le password, Collection #1 è il più grande furto di email della storia

Cambiate le password, Collection #1 è il più grande furto di email della storia

Un esperto ha scoperto 773 milioni di email in giro nel cyberspace e 140 milioni non erano mai state raccolte prima. Potrebbero essere usate per operazioni di phishing e furto di identità. Il consiglio è di rafforzare subito le proprie difese

di ARTURO DI CORINTO per AGI del 17 Gennaio 2019

I numeri sono da capogiro: nel bottino di email e password appena scoperto stavolta ci sono 773 milioni di indirizzi web e 22 milioni di password uniche. È stato chiamato Collection #1 e già il nome lascia intendere che ne esistono versioni successive col nome di Collection #2, Collection #3 eccetera.

A darne la notizia per primo su Twitter è stato Odisseus, un esperto italiano di cybersecurity, ma a scoprire l’archivio è stato Troy Hunt, il ricercatore  informatico autore del sito Have I been pwned (“sono stato bucato”) che da anni conserva il risultato di successivi furti di dati ai danni di Yahoo!, Facebook, Twitter, Adobe, YouPorn e via dicendo. Secondo Hunt, Collection #1 è “il più grande databreach mai caricato sul sito.”

Antipublic, un data leak da 17 Giga e 450 milioni di indirizzi mail da tutto il mondo, scoperto nel maggio 2017, ne contiene poco più della metà.

Una prima analisi delle email messe a disposizione dal ricercatore suggerisce che l’enorme archivio sia il frutto di successivi databreach ai danni di singoli privati, siti e organizzazioni commerciali. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress