La Repubblica: Perché gli umani attaccano i sistemi basati sull’intelligenza artificiale

la-repubblica-it-logo

Perché gli umani attaccano i sistemi basati sull’intelligenza artificiale

Un nuovo rapporto del progetto europeo Sherpa realizzato con F-Secure illustra le tecniche di attacco usate per inquinare i dati e confondere gli algoritmi alla base dei sistemi intelligenti

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 18 Luglio 2019

GLI UOMINI stanno attaccando i sistemi di Intelligenza Artificiale e non viceversa, come ci saremmo aspettati dai film di fantascienza. Ma per fare che cosa? Per manipolare i risultati dei motori di ricerca, modificare gli algoritmi dei social media, il ranking e la reputazione dei siti web, disturbare il volo dei droni o ingannare una macchina a guida autonoma. E così, al contrario di quello che speravamo, l’uso malevole degli strumenti di intelligenza artificiale non si è fermato alla creazione di sofisticate campagne di disinformazione.

L’allarme viene da un rapporto del progetto europeo Sherpa, dedicato a diritti umani e intelligenza artificiale, e che ha evidenziato come singoli criminali e hacker organizzati abbiano trovato un nuovo obbiettivo nell’attaccare i sistemi ‘intelligenti’ che suggeriscono gli acquisti di Amazon o sull’Apple Store, che definiscono il ranking dei ristoranti su TripAdvisor o che predicono la probabilità di eventi criminosi e i consumi energetici delle smart city. Continua »

Il Manifesto: Genesis: il mercato nero dei tuoi dati bancari

Genesis: il mercato nero dei tuoi dati bancari

Hacker’s Dictionary. Login, password, e maschere digitali. I ricercatori di Kaspersky hanno scoperto come gli hacker criminali sfruttano i sistemi antifrode delle banche per truffarne i clienti

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 24 Aprile 2019

Due giorni fa un 24enne italiano ha rubato le credenziali di un milione e mezzo di email di Virgilio e di Libero. Con quei dati è facile impersonare qualcuno nel cyberspace, spacciarsi per un creditore o accedere ai servizi finanziari della vittima vista la tendenza a usare stessa login e stessa password per ottenere servizi diversi. Commettendo così un grave errore.

Durante il Kaspersky Security Analyst Summit 2019 a Singapore i ricercatori dell’omonima azienda di cybersecurity hanno svelato un nuovo tipo di truffa che coinvolge i clienti delle banche: la compravendita dei loro profili digitali generati dalle impostazioni antifrode.

I ricercatori hanno scoperto il posto dove si vendono queste informazioni tanto sensibili. Si tratta di un marketplace illegale nel Dark Web di nome Genesis. Dentro Genesis è possibile scegliere tra 60.000 identità digitali rubate per aggirare le impostazioni antifrode delle banche. Per essere precisi si tratta di «digital mask», profili cliente unici – e per questo considerati altamente affidabili – di chi svolge transazioni elettroniche, ad esempio utilizzando la carta di credito. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress