la-repubblica-it-logoAnonymous ‘buca’ governo e ministeri: ”Abbiamo i vostri dati personali”

Un nuovo leak ha per oggetto contratti, stipendi, carte d’identità e indirizzi email di personale degli Interni, della Difesa, della Marina e della Presidenza del Consiglio. Il nuovo colpo alla cybersicurezza assestato dal gruppo di hacker anonimi

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 14 Novembre 2017

UNA miniera di dati, riservati e personali. Di poliziotti, militari, marinai stellati del Bel Paese. Così si presenta il leak appena diffuso in Rete da Anonymous: “Cittadini, siamo lieti di annunciarvi, per il diritto della democrazia e della dignità dei popoli, che siamo in possesso di una lista di dati personali relativi al ministero dell’Interno, al ministero della Difesa, alla Marina Militare nonché di Palazzo Chigi e Parlamento Europeo.”

Dati riservati e molto personali, che includono patenti di guida, carte d’identità, dichiarazione dei redditi, numeri di telefono. Ma anche ordini di servizio, note e contratti riferiti a personale e attività di militari e poliziotti, con tanto di stipendio e curriculum. C’è anche l’indicazione delle frequenze da usare per comunicare nei viaggi all’estero del presidente Paolo Gentiloni e poi le attività della Digos durante le manifestazioni, per arrivare fino a targhe di auto e assicurazioni di servizio. La conferma dell’attività di hacking in una nota ufficiale della Polizia Postale, diramata nel pomeriggio.

·IL MESSAGGIO IN RETE
La rivendicazione di Anonymous è piuttosto minacciosa: “Governo, corruttore di democrazia, la rivoluzione passa anche qui, inarrestabile, il cui ideale conosce ora i vostri nomi, i vostri contatti telefonici, le vostre residenze. Possediamo anche fotocopie dei vostri documenti personali, di quelli dei vostri parenti ed amici, contratti di lavoro, contratti d’affitto, buste paghe e molto altro.” e continua criticando lo scarso livello di sicurezza dei militari stessi: “Per l’ennesima volta lo Stato italiano tradisce ed imbarazza i valori dei nostri militari che hanno giurato di difenderlo. Ma difendere chi? Difendere i propri cittadini o un governo che imbarazza le stesse forze di difesa?”

·CYBERSICUREZZA A RISCHIO
La notizia del leak, pubblicata su un blog di Anonymous e rimbalzata su Twitter via YourAnonRevolt, lascia di stucco, perché offre molte ipotesi sullo stato dell’arte della sicurezza informatica del Sistema Italia. Proprio oggi che a Roma si tiene il 360 cybersecurity Summit dedicato alla sicurezza delle nostre aziende.

Secondo Pierluigi Paganini, consulente del Governo e membro dell’Agenzia europea per la sicurezza informatica, “I dati forse non sono così importanti, ma ci obbligano a chiederci quale sia l’effettivo livello di consapevolezza dell’importanza di proteggerli e con essi le persone a cui si riferiscono”.

·”LA DEMOCRAZIA MUORE”
Il comunicato di Anonymous finisce con una citazione da La Repubblica di Platone, il filosofo greco: “Ecco, secondo me, come nascono le dittature. Esse hanno due madri. Una è l’oligarchia quando degenera, per le sue lotte interne, in satrapia. L’altra e’ la democrazia quando, per sete di liberta’ e per l’inettitudine dei suoi capi, precipita nella corruzione e nella paralisi. Allora la gente si separa da coloro cui fa la colpa di averla condotta a tale disastro e si prepara a rinnegarla prima coi sarcasmi, poi con la violenza che della dittatura è pronuba e levatrice. Così la democrazia muore: per abuso di se stessa. E prima che nel sangue, nel ridicolo.”

·I PRECEDENTI
Non è la prima volta che Anonymous si manifesta in queste forme. Anzi, a dire il vero gli Anonymous italiani sembravano scomparsi dopo i dissidi interni fra quelli che avevano contribuito ad alcune eclatanti operazioni di sabotaggio nei confronti dell’Expo a Milano, dell’Agenzia del Farmaco, dei siti degli Esteri e della Polizia di Stato. All’epoca avevano bloccato la biglietteria di Expo, bloccato il sito del Family Day e cambiato i connotati dell’Aifa con un’operazione di defacement.

·DIETRO LA MASCHERA
In particolare sembravano ridotti al silenzio dopo l’arresto di alcuni attivisti considerati dagli inquirenti i portavoce dell’organizzazione. Un’organizzazione che però nessuno nell’underground riconosce, visto che chiunque può indossare la maschera di Anonymous e che chiunque può partecipare alle sue azioni dimostrative, le AnonOps, senza rispondere ad alcun capo. Adesso, quello che sembrava un grattacapo in meno per la cybersecurity italiana è tornato alla ribalta sotto il cappello di Anonymous.

Secondo il professore Michele Colajanni dell’Università di Modena Reggio-Emilia, direttore della Cyber Academy e membro del Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del Cini: “Non è una questione tecnologica ma una questione culturale. L’esistenza di strumenti di contrasto avanzato al cybercrime non deve deresponsabilizzarci. Bisogna capire che di fronte al rischio cyber siamo tutti in prima linea e per questo bisogna informare le persone dei rischi che si corrono nel cyberspace ed educare alla cybersecurity soprattutto chi svolge compiti delicati come le forze di polizia.”