Gli incidenti informatici sono (anche) colpa dello stress

Gli incidenti informatici sono (anche) colpa dello stress

Hacker’s Dictionary. Operatori e manager IT possono essere responsabili di un attacco andato a buon fine se la loro voglia di aiutare ed eccellere non è compresa dai capi e sostenuta dall’azienda

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 30 Dicembre 2021

Sono molti i motivi per cui manager, ingegneri del software e addetti alla sicurezza informatica polemizzano coi giornali, ma uno di questi è che i giornalisti raccontano i loro fallimenti.

L’elevato numero di incidenti informatici infatti dipende anche dai loro errori, che spesso però dipendono da ragioni di lunga durata. Tra questi la natura artigianale della scrittura del software, l’utilizzo di librerie gratuite ma obsolete, il lock in tecnologico, e quindi il mancato aggiornamento di reti, software e sistemi. Ovviamente una gran parte la svolge l’imperizia degli utilizzatori, che a sua volta dipende da una scarsa formazione e cultura della sicurezza. Se a tutto questo aggiungiamo l’aggressività del cybercrime e la corsa tecnologica che ha portato anche i negozi di alimentari a farsi fare il sito web da “miocugino.com” la frittata è fatta.

Ci sono poi altri motivi sistemici come la corruzione, o il fatto che in Italia chi sbaglia raramente paga. I Ciso e gli It manager coinvolti nelle ultime catastrofiche debacle informatiche sono ancora tutti al loro posto.

Ma c’è un aspetto molto sottovalutato che spiega l’insuccesso dei team It di fronteggiare le minacce ed è il burn out, il logoramento psicofisico degli operatori, una sindrome tipica delle “helping professions”.

Il Manifesto è forse l’unico a parlarne, ma costoro sopportano uno stress costante e andrebbero aiutati. Un blogpost del capo dei Security Operations Center (SOC) di Kaspersky suggerisce cinque passi per ridurre al minimo lo stress e prevenire il burn out dei dipendenti del SOC.

Il fattore umano e le paure dei Cyber security officer

Hacker’s Dictionary. Il 63% dei Cyber Security Officer italiani ritiene che la loro organizzazione sia impreparata a gestire un cyberattacco e il 50% considera l’errore umano la più grande vulnerabilità informatica mentre l’82% non si sente allineato con il consiglio di amministrazione

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 3 Giugno 2021