Con l’attacco alla Siae la gang di cybercriminali Everest cerca più pubblicità che denaro

Con l’attacco alla Siae la gang di cybercriminali Everest cerca più pubblicità che denaro

La Polizia Postale indaga sul caso, mentre la Società Italiana Autori ed Editori ha fatto sapere che non darà seguito alla richiesta di riscatto: 3 milioni di euro in Bitcoin

di ARTURO DI CORINTO per ItalianTech/LaRepubblica del 20 Ottobre 2021

Un cantante lirico americano nato a Charleston, la patente di un romano nato nel 1952, B.G., un tesserino fiscale, una carta d’identità sammarinese e una richiesta di iscrizione per un’opera televisiva: questo è quello che la gang criminale nota come Everest ha messo in piazza sul suo blog nel Dark Web per rivendicare l’attacco informatico alla SIAE, la Società italiana Autori ed editori.

Un attacco reso pubblico solo nelle ultime ore ma che potrebbe essere di molto precedente, come in genere accade in questi casi. Nel comunicarlo il gruppo rivendica il possesso di 60Gb di dati, e informa di essere pronto a pubblicarli. Il nome del gruppo, Everest, viene dal codice software che usano nei loro attacchi. Già visto in azione nel 2018 con un altro nome, Everbe, il gruppo di lingua russa era stato identificato da McAfee e, attivo nell’ultimo trimestre 2021, oggi ha guadagnato la ribalta italiana proprio per farsi conoscere come minaccia cibernetica. Perché una cosa è certa, l’attacco ransomware a questo serve: a fare rumore, a farsi conoscere e a farti spaventare.

I virus informatici mettono in ginocchio le aziende. Sottovalutare il problema potrebbe essere fatale

I virus informatici mettono in ginocchio le aziende. Sottovalutare il problema potrebbe essere fatale

di ARTURO DI CORINTO per Il Fatto Quotidiano del 5 Novembre 2020

Campari Group, proprietario del noto marchio di bevande ha fatto sapere che il giorno 1° novembre 2020 è stato oggetto di un attacco malware che ha determinato la temporanea sospensione dei servizi It. Le indagini sono ancora in corso, l’azienda sta lavorando con le autorità ma non si hanno ulteriori notizie.

Enel, monopolista italiana dell’energia sul territorio nazionale invece è stato vittima di un attacco ransomware intorno al 29 Ottobre. I sistemi informatici di Enel sono stati compromessi dal gruppo Netwalker che ha chiesto il pagamento di un riscatto da 14 milioni di euro in Bitcoin. I cybercriminali hanno anche minacciato di pubblicare database e documenti finanziari di clienti e personale (4,5 Terabyte di materiali) in assenza del pagamento del riscatto. E l’hanno fatto almeno in parte.

A settembre invece era stato il gruppo Carraro a rimanere vittima di un attacco informatico che ha obbligato 700 lavoratori a rimanere a casa per via del blocco dei sistemi informatici causato da un software malevolo. Pochi giorni prima era successo al gigante degli occhiali, Luxottica, e prima ancora al noto produttore di scarpe Geox.