Radio Vaticana Intervista Arturo Di Corinto

Elezioni presidenziali USA: incertezza e paura nell’elettorato statunitense

Radio Vaticana/Vatican News

28 settembre 2020

Gli Stati Uniti si preparano con timore e incertezza al confronto in diretta televisiva tra il presidente uscente Donald Trump e lo sfidante democratico Joe Biden. I presupposti ad oggi lasciano vedere una estrema radicalizzadione dello scontro che rischia di ignorare i tanti nodi irrisolti della realtà socio-economica degli Stati Uniti. 

E ancora, in questa puntata, il crimine dilaga sulla rete internet; in particolare, nella sua parte nascosta: il “dark web” laddove ogni traffico illegito prova ad affermarsi e il commercio più lucroso è rappresentato dai dati personali sottratti ai provider.

Ospite della trasmisisone:

Gregory Alegi, docente di Storia delle Americhe presso l’Università LUISS – Guido Carli di Roma

Arturo Di Corinto, giornalista esperto di Cybersicurezza e crimini informatici

Conduce: Stefano Leszczynski 

Compravendita di droghe e armi nel dark web: 179 arresti tra Europa e Usa

Sequestrati 500 chili di mdma, cocaina e fentanil, insieme a 6 milioni e mezzo di dollari in contanti e cryptomonete. E Anonymous Italia divulga 33.581 credenziali dei partecipanti al concorso della Polizia di Stato del 2017

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 23 Settembre 2009

“L’età d’oro del mercato del dark web è finita”. Con queste parole un comunicato diffuso da Europol ha annunciato 179 arresti di venditori operanti nel web oscuro. La collaborazione tra le polizie americane ed europee, guidate rispettivamente da FBI e dalla polizia federale tedesca, ha permesso infatti di identificare i sospetti dietro una serie di account utilizzati per attività illegali come la vendita di droga ed armi. Il risultato finale è il sequestro di 500 kg di farmaci e droghe, 64 armi da fuoco e, appunto, quasi 200 arresti tra venditori e acquirenti di fentanil, metanfetamina, eroina, cocaina, ecstasy, mdma. L’operazione, denominata DisrupTor, ha anche permesso il sequestro di 6,5 milioni di dollari sia in contanti che in valute virtuali, mentre gli arresti sono stati effettuati in gran parte negli Stati Uniti (121), in Germania (42), nei Paesi Bassi (8), nel Regno Unito (4), in Austria (3) e in Svezia (1).

Neanche le aziende di cybersecurity proteggono i propri dati

Neanche le aziende di cybersecurity proteggono i propri dati

Una ricerca di Immuniweb dice che il 97% delle aziende non protegge adeguatamente i dati dei propri clienti. Un’altra, di Accenture, dice che i capi azienda investono su tecnologie avanzate senza preoccuparsi della loro sicurezza

di ARTURO DI CORINTO per AGI del 18 Settembre 2020

“Giornata di pesanti disservizi per i clienti di tutta Italia: impossibile accedere alle funzioni di home banking. Impossibile prelevare il contante agli sportelli e dai bancomat”.

“Una pioggia di segnalazioni ha inondato gli account Twitter di una nota società che vende sistemi di tracciamento per gli sportivi: impossibile registrare gli acquisti e accedere alle mappe”.

“Gli studenti non hanno potuto registrare gli esami svolti a distanza a causa di un malfunzionamento della rete universitaria”.

Passaporti e carte di credito: il prezzario dei falsi sul dark web

Passaporti e carte di credito: il prezzario dei falsi sul dark web

I ricercatori di Trend Micro Research hanno analizzato forum e siti del web profondo per scoprire quanto costa farsi una nuova identità o bucare i siti web con una botnet

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 3 Settembre 2020

Un passaporto italiano costa 10 euro, sul dark web. E il passaporto con la carta di identità arriva fino a 20. Lo sapevate? Un fatto già noto ai ricercatori che oggi ha nuove evidenze grazie agli studi di Trend Micro Research, società di cybersecurity. Ma partiamo dall’inizio. Di fronte all’emergenza climatica, sanitaria ed economica, o come risposta ai conflitti armati, le persone si spostano e migrano e non lo fanno sempre passando per le ambasciate che in molti casi non sono in grado di fornirgli documenti di identità. Altri, indesiderati nei paesi da cui scappano, ricercati dalla giustizia, cercano di acquistare una nuova identità. Così, sempre più spesso gli uni e gli altri vanno sul dark web e “affittano” o comprano un passaporto contraffatto che, quando è di carta, può arrivare a costare fino a 2500 euro. E i cybercriminali fanno affari d’oro. Più spesso si tratta di copie scansionate di passaporti reali, o leggermente modificati: vengono stampati e presentati alla frontiera adducendo le più diverse motivazioni, ma possono celare fenomeni criminosi come il terrorismo e la tratta di esseri umani.

Il Manifesto: Il Dark Web non è scuro abbastanza

Il Dark Web non è scuro abbastanza

Hacker’s Dictionary. Diverse agenzie statunitensi con il supporto di Europol hanno condotto l’operazione SaboTor contro il traffico di droga nel Dark Web arrestando 61 persone e sequestrando quasi 5 milioni di dollari in cryptovalute

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 28 Marzo 201

Il Dark Web, il Web oscuro, non è scuro abbastanza. Lo hanno scoperto a proprie spese venditori e acquirenti di droghe illegali finiti in manette nei giorni scorsi nell’ambito di un’operazione di polizia internazionale.

Durante l’operazione SaboTor il team di agenti di J-CODE, con il supporto di Europol, ha infatti arrestato 61 persone e chiuso 50 account nel Dark Web utilizzati per attività illegali. Gli agenti di questo gruppo speciale hanno anche eseguito 65 mandati di perquisizione, sequestrando 299 kg di droghe, 51 armi da fuoco e 7 milioni di dollari: due terzi in criptovaluta, gli altri in contanti e una piccola parte in oro. L’operazione SaboTor, che fa il verso alla parola «saboteur» per riferirsi al sabotaggio del Tor browser, lo strumento che permette di navigare in maniera anonima il Dark Web, è cominciata a luglio scorso e ha raggiunto il suo apice a marzo.
Un duro colpo per la credibilità dei gestori dei blackmarket nel Dark Web e per i loro clienti che adesso sanno di non essere abbastanza protetti dall’oscurità del web. In quel mondo, al confine tra il legale e l’illegale, dove l’anonimato è tutto, equivale a chiudere.

L’operazione è stata condotta attraverso un vasta indagine volta a penetrare le reti online anonime che i trafficanti di droga usano per vendere narcotici e oppioidi sintetici sia ai malati che ne hanno bisogno che a spacciatori e tossicomani che possono ordinare e ricevere i farmaci senza mai uscire di casa. Continua a leggere Il Manifesto: Il Dark Web non è scuro abbastanza