= FSFE Newsletter – Giugno 2012 =

= FSFE Newsletter – Giugno 2012 =

[Leggi online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201206.it.html ]

== Software Libero, Open Source, FOSS, FLOSS ==

Vi sono due termini ricorrenti riguardanti il software che può
liberamente essere usato, studiato, condiviso e migliorato: Software
Libero e Software Open Source. Ci sono anche differenti combinazioni e
traduzioni di questi termini, come FOSS, Software Libre, FLOSS eccetera.
Leggere articoli sul Software Libero o ascoltare persone impegnate nel
settore solleva spesso la questione: perché preferiscano un certo
termine piuttosto che un altro, e quale sia la differenza tra queste
definizioni. Continua a leggere = FSFE Newsletter – Giugno 2012 =

FSFE == Chi ha bisogno di essere istruito sugli Standard Aperti? ==

== Tu suggerisci, noi inviamo manette: Chi ha bisogno di essere
istruito sugli Standard Aperti? ==

[Leggi online: http://fsfe.org/news/2012/news-20120321-01.html ]

Conosci un politico che dovrebbe venire a conoscenza degli Standard
Aperti? Hai provato a spiegare l’importanza degli Standard aperti al tuo
capo, ai tuoi amici, all’amministrazione locale o ai servizi pubblici,
ma non hai avuto nessun risultato? Un sostegno esterno sarebbe d’aiuto?
Assolutamente! Informa il team del Document Freedom Day circa la tua
situazione, ed invieremo un interessante regalo al tuo indirizzo per
aiutarti a comprendere meglio la forza degli Standard Aperti.
Continua a leggere FSFE == Chi ha bisogno di essere istruito sugli Standard Aperti? ==

= FSFE Newsletter – Marzo 2012 =

[Read online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201203.it.html ]

== Schermata informativa della metropolitana: Un bene o un male? ==
“7500 morti lo scorso anno, fino a 100 ogni giorno.” Chi scrive ha letto
queste parole sulla schermata informativa della metropolitana di
Berlino. Mentre discutevo con la volontaria del DFD Julia Fuchs[1]se si
trattasse di un problema di vista, di competenze aritmetiche, o se il
problema fosse dell’agenzia di stampa, qualcos’altro è apparso sullo
stesso schermo: la nostra campagna FreeYourAndroid.org[2]!
Sfortunatamente chi scrive è stato troppo lento per scattare una foto
che immortalasse questo momento. Poiché l’agenzia di stampa tedesca DPA
ha coperto il lancio ufficiale della campagna[3], abbiamo avuto una
copertura molto buona, e molti hanno scoperto come sia possibilie
utilizzare Software Libero sui telefoni cellulari. Il manager della
campagna Torsten Grote sta al momento raccogliendo informazioni sulla
copertura mediatica del lancio della campagna. Per favore, inviateci
informazioni e articoli di blog su #FreeYourAndroid a press[4]
fsfeurope.org[5].
Continua a leggere = FSFE Newsletter – Marzo 2012 =

= FSFE lancia una campagna per un sistema Android libero =

= FSFE lancia una campagna per un sistema Android libero =

[Version en ligne: http://fsfe.org/news/2012/news-20120228-01.it.html ]

Gli Smart phones sono problematici per quanto riguarda la privacy. Si tratta di una delle ragioni per cui la Free Software Foundation Europe (FSFE) ha deciso oggi di lanciare la campagna “Libera il tuo Android!”[1]

“Gli utenti meritano di esercitare un controllo assoluto sulle proprie periferiche”, sostiene Torsten Grote, membro di FSFE e pioniere della
campagna. “Se il tuo telefono esegue Software Libero, eserciti questo controllo. Se esegue software proprietario, stai consegnando il
controllo della tua vita digitale alle aziende produttrici e agli sviluppatori di app.” Continua a leggere = FSFE lancia una campagna per un sistema Android libero =

=== FSFE: Nortel/Rockstar, Google/Motorola deals create balance of terror on software patents===

=== Nortel/Rockstar, Google/Motorola deals create balance of terror on software patents===

[Read Online: http://fsfe.org/news/2012/news-20120214.01.en.html]

On Monday, the US Department of Justice approved the sale of Nortel’s
patent portfolio to a consortium led by Apple and Microsoft. At the same
time, the DOJ and the European Commission allowed Google to buy Motorola
Mobility, thus giving the search company a sizable patent portfolio.

“We appreciate that competition authorities in the US and Europe
continue to take software patents seriously as a risk to competition,”
says Karsten Gerloff, President of the Free Software Foundation Europe.
“However, we believe that the commitments made by Google, Microsoft and
Apple regarding their patent licensing policies are not sufficient to
allow everyone to compete on equal terms.”
Continua a leggere === FSFE: Nortel/Rockstar, Google/Motorola deals create balance of terror on software patents===

= Newsletter FSFE – Febbraio 2012 =

= Newsletter FSFE – Febbraio 2012 =

[Leggi online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201202.it.html ]

== Risana il tuo smartphone! ==

Gli smartphone sono piccoli computer che portiamo sempre con noi.
Sfortunatamente, la maggior parte degli smartphone non sono controllati
da noi, gli utenti, ma da imprese e da operatori. Anche i cellulari
Android vengono consegnati con software non libero ed estensioni
proprietarie, che in genere non funzionano nel nostro interesse.
Aggiornamenti software continueranno ad essere disponibili se l’azienda
in questione mantiene un’interesse commerciale sul tuo modello di
telefono. Le applicazioni disponibili sul mercato ufficiale sono spesso
proprietarie. A nessuno è permesso studiarne il funzionamento, e sapere
cosa fanno effettivamente sul tuo telefono. A volte non funzionano come
vorresti tu, potrebbero persino avere funzioni maligne.
Continua a leggere = Newsletter FSFE – Febbraio 2012 =

La Repubblica: Dietro il risiko dell’ACTA, minaccia globale alla libertà


Dietro il risiko dell’ACTA, minaccia globale alla libertà
Che cosa muove il trattato anticontraffazione firmato da 22 dei 27 paesi UE a Tokyo, quali sono i suoi punti deboli e come impatterà nell’ecosistema web. L’Italia sarà legalmente vincolata a questo accordo anche se il Parlamento italiano non è mai stato informato nel merito dei contenuti di ARTURO DI CORINTO per Repubblica del 31 gennaio 2012

VENTIDUE dei ventisette paesi membri dell’Unione europea hanno firmato il Trattato anticontraffazione “ACTA” 1 a Tokyo, ma già a dicembre il Consiglio Europeo lo aveva adottato durante un incontro su agricoltura e foreste. Un fatto che ha suscitato una vasta opposizione fra i cittadini e la chiamata in causa dell’Europarlamento che dovrà ratificare l’accordo o rigettarlo, entro giugno. Nel frattempo il relatore Ue del trattato per il commercio internazionale, Kader Arif, si è dimesso denunciando l’accordo come una pagliacciata, in Polonia sono scesi in piazza per contestarlo, Anonymous ha attaccato siti e agenzie in risposta, e un vasto movimento d’opinione oggi scuote la rete per chiederne l’abrogazione. In un’analisi appena diffusa dalla coalizione anti-Acta si spiega perché 2.
Continua a leggere La Repubblica: Dietro il risiko dell’ACTA, minaccia globale alla libertà

Arcireport: ACTA, una guerra politica


ACTA: una guerra politica
Arturo Di Corinto
per ARCIREPORT anno X, n. 4, 31 gennaio 2012

E così ce l’hanno fatta. Le grandi multinazionali sono riuscite a imporre all’Unione Europea la firma del trattato ACTA, l’accordo globale anticontraffazione. Con la scusa di tutelare i diritti di proprietà intellettuale dei produttori di farmaci, alimenti, canzoni e film dalla pirateria globale, poche corporations sono riuscite ad anteporre i propri profitti alla libertà di espressione, di ricerca, di cooperazione, mettendo a rischio economie di sussistenza, il diritto alla salute e alla cultura e trasformando Internet in uno stato di polizia. Continua a leggere Arcireport: ACTA, una guerra politica

= FSFE Newsletter – Novembre 2011 =

= FSFE Newsletter – Novembre 2011 =

[Leggi online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201111.it.html ]

== Brevettare il World Wide Web? ==

Per quanto tempo dovrebbe estendersi il copyright? Dovremmo rendere brevettabili gli esseri umani o il software? L’Organizzazione Mondiale
per la Proprietà intellettuale (WIPO) si occupa di questo tipo di domande. Dal 2004, ci impegniamo per assicurarci che la WIPO non
danneggi il Software Libero. La nostra richiesta più importante rispetto al copyright e i brevetti, è che i benefici siano sempre
considerati rispetto ai costi che comportano.

Il nuovo direttore generale Francis Gurry sostiene che il World Wide Web sarebbe stato migliore se brevettato. Questo ci mostra che la tendenza attuale va nella direzione opposta. Trovate ulteriori informazioni sull’argomento in questo articolo di Karsten”WIPO sta tornando ai secoli bui?[1]e nel nostro dossier WIPO[2]; potete inoltre sostenere la Dichiarazione di Ginevra[3].
Continua a leggere = FSFE Newsletter – Novembre 2011 =

Conferenza: fOSSa 211 – Free and Open Source Software for Academia

Free Software as a Commons
fOSSa 211
Lyon 27 Oct. 2011
Arturo Di Corinto

Software is not a ordinary object but an instrument good at building other tools and instruments.

Why software is so important? Like writing is an intermediary between us and the others, software is the intermediary between us and all every day’s activities.

Software instructs computers in writing letters, calculating, drawing, and it’s also useful for writing music, recording stories and ideas and projecting machines and environments, for recording climate changes or warning us of an earthquake.

Today, most part of our communication – and its democratization – relies on software, and since communication is a universal right, a basic human need, and the foundation of all social organization, we must be aware of the role of software in today’s communication.

Software is a peculiar language form through which people manage culture and knowledge accumulated over centuries and because of that it’s not a simple utensil.

Software is a cognitive artifact and it incorporates intelligence and work, it transmits meanings and values, it brings with it the idea of its creator and of its user.

The fact that its use is exclusive, limited in space and time, or vice versa that it might be modified, given, freely exchanged behind geographical barriers, makes a remarkable difference.

If language is the “operating system” of our society, software is the language of all new forms of immaterial production, and of scientific and technological innovation in the information society. Because of this it has to be free, that is freely usable, to favour the progress of all the society, of every society, because, otherwise, we would be all less free. Continua a leggere Conferenza: fOSSa 211 – Free and Open Source Software for Academia

Wikimedia: Festival delle libertà digitali

Come rendere fruibile e gratuita l'”autostrada” digitale
LA LIBERTA’ DIGITALE SI MOLTIPLICA
14 giorni tra Veneto, Bologna, Pisa, Roma e Napoli per rendere fruibile a tutti la conoscenza via web.
Le novità e il programma del Festival di Wikimedia Italia, dall’1 al 14 ottobre

La libertà passa anche attraverso l’espressione digitale: open data, open street map, e-book. Ovvero la libera diffusione via Internet, con annessa possibilità di impiego, della conoscenza, a cominciare dai dati delle pubbliche amministrazioni, delle cartografie del territorio realizzate dagli enti pubblici, dei libri vecchi e nuovi che dal formato cartaceo vengono resi fruibili sul web. Di tutto questo, e molto più, si parlerà al Festival delle Libertà Digitali, organizzato dall’Associazione Wikimedia Italia, giunto quest’anno alla terza edizione. Per il terzo “compleanno” la manifestazione si moltiplica: in programma dall’1 al 14 ottobre, il festival sarà diffuso sul territorio italiano, policentrico, con eventi sia a Vicenza dove è nato che a Padova, Bologna, Pisa, Roma e Napoli.
«Con il Festival ci proponiamo di sensibilizzare le persone sulle nuove tecnologie della comunicazione, in particolare sugli aspetti che riguardano i principi etici e la libertà – spiega Luca Menini, di Wikimedia Italia – E’ ormai fondamentale iniziare a comprendere i temi della privacy, dei dati aperti, del software libero, della condivisione della conoscenza, perché siamo nella società dell’informazione: questo implica che il valore economico non è più esclusiva di aspetti materiali, come la produzione di oggetti, ma anche nella cultura e nell’informazione, e nella loro diffusione. Questi aspetti oggi devono essere inclusivi, non esclusivi. Noi quindi affermiamo che non deve essere tolta alle persone la possibilità di operare con questi strumenti come lo desiderano». Continua a leggere Wikimedia: Festival delle libertà digitali

= FSFE Newsletter – August 2011 =

= FSFE Newsletter – August 2011 =

[Read online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201108.it.html ]

== Inside stories by a critical thinker ==

“If people do not understand why their computing is related to their
freedom, it’s because nobody explained them properly” (Bernhard
Reiter)
Continua a leggere = FSFE Newsletter – August 2011 =

== Attack on Free Software and the GNU GPL ==

= FSFE Newsletter – July 2011 =

[Read online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201107.it.html ]

== Attack on Free Software and the GNU GPL ==

Imagine that you’ve just bought a computer with pre-installed Free
Software. After some time you decide to install additional software made
by someone else. The vendor that sold you your computer, however, does
not approve, and decides to sue the people who made the additional
software that you installed. Sounds like purchasing a computer from that
vendor was not such a great idea! Continua a leggere == Attack on Free Software and the GNU GPL ==

Hackmeeting 2011: “Seize the time!”

L’ultimo hackmeeting prima del 2012.

Hackmeetingmanifesto_bozza_50x70 24-25-26 Giugno – Firenze

/Felici e sfruttati. Capitalismo digitale ed eclissi del lavoro
Friday 24, h17 : 3 ore
Oratore: Carlo Formenti, Arturo Di Corinto, altri
Nella net economy si lavora tutti, si lavora sempre, e l’intelligenza collettiva viene rubata come e più di prima. A partire dall’omonimo pamphlet di Carlo Formenti, un seminario di critica radicale alla wikinomics e al personal capitalism.

/Creative commons, Il lato riformista del copyright
Friday 24, h21 : 2 ore
Oratore: Arturo, Simone, Guido
Il lato riformista del copyright, ovvero come diffondere la conoscenza, non farsi fregare dal mercato e vivere felici.
Sono in molti a credere che le licenze Creative Commons e la GNU/Gpl siano contro il copyright. Invece non è vero. Si tratta di licenze che usano il copyright a favore delle persone per incentivare la produzione di informazioni, saperi e conoscenze.

/La nostra storia
Saturday 25, h14 : 2 ore
Oratore: Arturo, vari
Dalle BBS agli Hacklab passando per l’Hackmeeting: la nostra storia. “Mantenere viva la memoria per ragionare sul presente. Nel futuro ci siamo già stati. “Ogni cultura è tale se consapevole di se stessa. Questo vale anche per le culture hacker disperse nella penisola. Un incontro per riannodare i fili della nostra storia.”

FSF: = AVM viola la licenza del kernel Linux =

= AVM viola la licenza del kernel Linux =

[Read online: http://fsfe.org/news/2011/news-20110620-01.it.html ]

== Il kernel Linux al centro della battaglia per il controllo dei
dispositivi embedded ==

Berlino, 20 Giugno – Domani 21 Giugno presso la Corte Distrettuale di
Berlino si svolgerà la prima udienza di una causa legale che potrebbe
avere enormi conseguenze globali sul modo in cui il software viene
sviluppato e distribuito. Gli avversari nella causa sono AVM
Computersysteme Vertriebs GmbH (AVM), produttore e distributore di
router DSL, e Cybits AG (Cybits), produttore di software di filtraggio
per bambini. Entrambe le aziende usano il kernel Linux, che è
distribuito con licenza GNU GPL versione 2, una licenza di Software
Libero che permette a chiunque di usare, studiare, condividere e
migliorare il software. Continua a leggere FSF: = AVM viola la licenza del kernel Linux =

= FSFE Newsletter – Giugno 2011 =

= FSFE Newsletter – Giugno 2011 =

[Read online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201106.it.html ]

== La domanda da 899 milioni: Microsoft, La Commissione Europea, e il
Software Libero ==

Cosa faresti con un monopolista, che usa la sua posizione dominante in
una area specifica per creare monopoli anche nelle altre aree? La
Commissione Europea ha deciso nel 2004 che Microsoft deve fornire ai
concorrenti le informazioni necessarie per connettere un server
workgroup con computer su cui gira Microsoft Windows. Dal momento che il
maggiore competitore del server workgroup di Microsoft è il progetto di
Software Libero Samba, la Commissione ha messo in chiaro che Microsoft
deve rilasciare le informazioni di interoperabilità in una maniera che
sia compatibile con le licenze di Software Libero come la GNU GPL. La
decisione presa dalla Commissione nel 2004 non ha richiesto a Microsoft
di pubblicare informazioni innovative, ma ha chiesto semplici
informazioni di come i computer Microsoft comunicano l’un l’altro.
Continua a leggere = FSFE Newsletter – Giugno 2011 =

= FSFE in Samba case: Microsoft’s defiance backfired =

= FSFE in Samba case: Microsoft’s defiance backfired =

[Read online: http://fsfe.org/news/2011/news-20110525-01.it.html ]

Luxembourg, May 25 – FSFE played a key role at a Microsoft hearing
before the European Union’s General Court on Tuesday, helping explain
the intricacies of Free Software servers.

The hearing was called to consider Microsoft’s challenge to a EUR 899
million fine imposed by the European Commission in 2008. Microsoft had
failed to carry out remedies imposed for its violation of EU antitrust
law. A ruling is expected for later in the year.

Microsoft was required to provide interoperability information that
would enable others to hook up to its products so they could compete
with its workgroup servers. Key among those was the Samba team, which is
the only surviving competitor in the workgroup server market. Only after
a European Union court acted in 2007 to uphold nearly all of the
Commission’s 2004 decision did Microsoft finally meet the Commission’s
requirement to comply. Continua a leggere = FSFE in Samba case: Microsoft’s defiance backfired =

Caro candidato – Elezioni 2011: Vota per il Software Libero

———
COMUNICATO STAMPA
http://www.softwarelibero.it/Caro_Candidato_2011

29 APRILE 2011

==========================================
Elezioni 2011: Vota per il Software Libero
http://carocandidato.it
==========================================
Continua a leggere Caro candidato – Elezioni 2011: Vota per il Software Libero

== Autorità garante per la concorrenza: il Software Libero protegge la concorrenza ==

gnu
= FSFE Newsletter – Maggio 2011 =

[Read online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201105.it.html ]

== Autorità garante per la concorrenza: il Software Libero protegge la concorrenza ==

882 brevetti software, probabilmente legati a GNU/Linux, in mano a
persone che potrebbero usarli per fare pressione sulle aziende di
Software Libero e sugli sviluppatori? Forse nelle mani di Microsoft, che
per anni ha usato in modo nebuloso rivendicazioni di brevetto per
estorcere costi di licenza alle compagnie che utilizzano kernel Linux
nei loro prodotti. Questo mese l’autorità garante per la concorrenza
Tedesca e USA hanno approvato la vendita di tali brevetti al CPTN, un
consorzio costituito da Microsoft, Oracle, Apple, e EMC. Ma, salvo
brutte sorprese nella decisione dettagliata che deve ancora essere
pubblicata, abbiamo neutralizzato il pericolo per il Software Libero.
Continua a leggere == Autorità garante per la concorrenza: il Software Libero protegge la concorrenza ==

= FSFE Newsletter – Marzo 2011 =

= FSFE Newsletter – Marzo 2011 =

[Read online: http://fsfe.org/news/nl/nl-201103.it.html ]

== Rivoluzione fallita: Facebook non disponibile in Egitto ==

“Il 27 Gennaio Facebook è stato spento in Egitto. Per il momento questo questo ha fermato la protesta. I media ritengono che questo è dovuto
all’influenza della nipote di Mubarak che è la ragazza di Mark Zuckerberg.” Ovviamente questo non è vero. Ma con il software che è
controllato da una azienda, qualcosa di simile può succedere. Cosa potrebbe succedere se la proprietaria del social network fosse stata una
azienda Egiziana? Questa azienda avrebbe potuto resistere alla pressione dello stato? Continua a leggere = FSFE Newsletter – Marzo 2011 =

= Dichiara il tuo amore per il Software Libero! =

(Aiutaci a raggiungere più persone nella loro lingua madre. Unisciti al
team italiano di traduttori http://fsfe.org/contribute/translators/.)

= Dichiara il tuo amore per il Software Libero! =

[Leggi online
: http://fsfe.org/news/2011/news-20110214-01.it.html ]

Perché non rendere questo 14 Febbraio un giorno di San Valentino molto
speciale? A San Valentino, la FSFE chiede agli utenti di Software Libero
ovunque di mostrare il loro amore per il Software Libero[1] . E’
l’occasione perfetta per mostrare il nostro amore per il Software Libero e
la possibilità di usare i computer in libertà. Continua a leggere = Dichiara il tuo amore per il Software Libero! =

= European Patent: FSFE urges European Parliament to wait for legal advice =

(Aiutaci a raggiungere più persone nella loro lingua madre. Unisciti al
team italiano di traduttori http://fsfe.org/contribute/translators/.)

= European Patent: FSFE urges European Parliament to wait for legal advice =

[Permanent URL: http://fsfe.org/news/2011/news-20110209-01.it.html ]

Free Software Foundation Europe is asking the Members of the European
Parliament to wait for legal advice before voting on a unitary patent for
Europe. While a proposal is on the Parliament’s agenda for the coming
week, a legal opinion by the European Court of Justice is expected later
this month. Continua a leggere = European Patent: FSFE urges European Parliament to wait for legal advice =

I nemici della rete: il libro

nemici“I nemici della rete” – di Arturo Di Corinto e Alessandro Gilioli. Prefazione Stefano Rodotà

Formato: Tascabile
Pagine: 285
Lingua: Italiano
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Anno di pubblicazione 2010
Codice EAN: 9788817042758
Generi: Informatica, Internet e Web, Musica e spettacolo, radio & TV, Politica e società, Giornalismo e Editoria

La rete è la moderna frontiera della libertà e della democrazia. Luogo che apre canali di condivisione e scambio, internet è un diritto irrinunciabile, e la sua tutela l’unità di misura di un Paese civile. Nella corsa al digitale, però, l’Italia è il fanalino di coda dell’Occidente e il ritardo accumulato rischia di condannare i nostri figli a crescere in un Paese del terzo mondo.
Ma qual è il freno che ci tiene inchiodati al passato? A chi giova l’ostinazione all’arretratezza che risulta evidente nei rapporti tra potere e web?
In un’inchiesta accurata e coraggiosa Arturo Di Corinto e Alessandro Gilioli svelano il lato oscuro di una catena di ottusità e interessi: leggi che sono al limite della censura, una burocrazia che è un pachiderma mangiasoldi, un’opposizione politica maldestra che nasconde la difesa di lobby intoccabili, fondi destinati all’innovazione che restano congelati nelle casse dello Stato, l’astio di una certa casta di giornalisti che vede tremare una tradizione di privilegi.
Ma in un’Italia in affanno, gli autori raccontano anche le storie dei pochi illuminati che hanno visto nel web una risorsa, non soltanto per le proprie tasche, indicando così la strada perché il futuro non resti per noi soltanto un’ipotesi.

ALESSANDRO GILIOLI è giornalista de “L’espresso”e tiene il blog “Piovono rane”. Ha scritto, tra gli altri, Forza Italia: la storia, gli uomini, i misteri e, con Renato Gilioli, Cattivi capi, cattivi colleghi e Stress Economy. Per BUR Futuropassato ha pubblicato Premiata macelleria delle Indie (2007).

ARTURO DI CORINTO ha fatto ricerca e insegnato presso la Stanford University e la Sapienza di Roma. Consulente per la Presidenza del Consiglio dei ministri e l’Onu, scrive per “Il Sole 24 Ore”. È autore di numerosi saggi, come Hacktivism (2002). Il suo sito è www.dicorinto.it.

La recensione di Vittorio Zambardino

La recensione di ZeusNews

Segnalazione de L’Espresso

L’articolo su Il Fatto Quotidiano

L’articolo di Ilpost

Intervista a Zapping, Radio 1 Rai

Intervista Sky TG 24

Intervista a Wired

Intervista a RaiNews24

Segnalazione da il Fatto

Recensione: Il Giardino del Mago

http://www.omat360.it/

La recensione di Il Giornale

La Gazzetta del Mezzogiorno: Intervista a Arturo DI Corinto su I Nemici della Rete

Segnalazione dello European journalism observatory

L’Indro

= FSFE welcomes revised European Interoperability Framework =

= FSFE welcomes revised European Interoperability Framework =

[permanent URL: www.fsfe.org/news/2010/news-20101216-01.en.html]

The European Commission today published its long-awaited revision of
the European Interoperability Framework [1]. This document aims at
promoting interoperability in the European public sector. The document
is the result of a prolonged and hard-fought process. Free Software
Foundation Europe accompanied this process and offered input to the
European Commission at various stages [2]. Continua a leggere = FSFE welcomes revised European Interoperability Framework =

Richard Stallman a Roma domenica 19 dicembre

santi_subito3.JPG
Richard Stallman a Roma domenica 19 dicembre

Domenica 19 dicembre Richard Stallman, fondatore del movimento per il Software Libero, terrà un incontro dal tema “Software Libero: implicazioni etiche e sociali”. L’appuntamento è alle ore 17 al CSOA La Strada in Via Passino 24, Roma.
Il Dott. Stallman illustrerà la storia del Software Libero dalla sua nascita a oggi, con particolare riferimento alle implicazioni etiche, politiche e sociali di questo tipo di programmi informatici e all’importanza del suo utilizzo in ambito educativo e della Pubblica Amministrazione. L’evento, organizzato da vari gruppi italiani coinvolti nella diffusione del Software Libero e dello sviluppo sociale, vuole essere portatore di una concezione aperta verso il sociale e non settariamente tecnica.
Lo scopo è creare uno spazio di dibattito pubblico, anche alla luce delle controversie sollevate recentemente riguardo un Protocollo d’intesa siglato dalla regione Puglia con Microsoft. Dalle ore 15 sono in programma interventi da parte di diversi gruppi locali, studenti, docenti, ricercatori, giuristi. Sono stati invitati rappresentanti politici.
La partecipazione non richiede conoscenze di informatica e il discorso del Dott.Stallman sarà assistito da traduzione simultanea all’italiano.
L’ingresso è gratuito e aperto a tutti. Per ulteriori informazioni: info@rms.hipatia.net

= FSFE Newsletter – November 2010 =

(Aiutaci a raggiungere più persone nella loro lingua madre. Unisciti al
team italiano di traduttori http://fsfe.org/contribute/translators/.)

= FSFE Newsletter – November 2010 =

[Permanent URL: http://www.fsfe.org/news/nl/nl-201011.en.html]

This edition explains how we counter the lobby work of proprietary
organisations at the European level, what we do at the United Nations
level to inform more people about the dangers of software patents,
what we are doing to get rid of non-free software advertisement on
public websites, and what you can do to make a change.
Continua a leggere = FSFE Newsletter – November 2010 =

Conferenza europea sugli aspetti legali del software libero

COMUNICATO STAMPA
http://www.softwarelibero.it/EOLE_2010

=========================================
La terza conferenza europea sugli aspetti legali del software libero
si terrà a Torino il 29 e il 30 novembre 2010
=========================================

La terza edizione dell’European Open Source and Free Software Law Event
(EOLE), dal titolo “Liberare il Software nel settore pubblico”, si terrà a
Torino il 29 e 30 novembre 2010. La conferenza annuale, che in questa
edizione è sponsorizzata dall’Associazione per il Software Libero, è
organizzata da un gruppo di avvocati di diversi paesi europei e quest’anno
tratterà con particolare attenzione i molteplici aspetti relativi all’uso ed
allo sviluppo del Software Libero nella Pubblica Amministrazione. Continua a leggere Conferenza europea sugli aspetti legali del software libero

FSFE newsletter = 2286 siti pubblici promuovo software non liberi =

= 2286 siti pubblici promuovo software non liberi =

[permanent URL : http://www.fsfe.org/news/2010/news-20101018-01.it.html]

Durante la campagna della Free Software Foundation Europe per
pdfreaders.org[1], gli attivisti per il Software Libero da 41 paesi
diversi hanno segnalato 2286 istituzioni del settore pubblico che
promuovono lettori PDF non liberi sui propri siti web. Ora, FSFE
contatterà queste istituzioni cercando di fare rimuovere il maggior
numero possibile di pubblicità ai lettori non liberi prima della fine
dell’anno. I progressi saranno riportati nella lista delle istituzioni
segnalate[2].
Continua a leggere FSFE newsletter = 2286 siti pubblici promuovo software non liberi =

= FSFE: Stop alla pubblicità ingiusta – convinci il tuo governo a promuovere lettori liberi di PDF! =

= FSFE: Stop alla pubblicità ingiusta – convinci il tuo governo a promuovere lettori liberi di PDF! =

[http://www.fsfe.org/news/2010/news-20100913-01.it.html]

La Free Software Foundation Europe invita tutti gli Europei a cercare pubblicità di lettori PDF proprietari sui siti dei propri governi e di segnalarceli [1]. FSFE ha preparato anche una petizione [2] per chiedere la fine di questa pratica pubblicitaria, ed incoraggia il pubblico a firmarla.

“Ogni volta che i siti web di Stato rimandano ad applicazioni non libere e favoriscono i visitatori ad utilizzarle, incoraggiano inutilmente i cittadini a buttar via la loro libertà”, dice Karsten Gerloff, Presidente di FSFE.

Come dimostrano siti web quali pdfreaders.org, Software Liberi per leggere PDF esistono per tutti i principali sistemi operativi. I Fellow della FSFE hanno lanciato il progetto nel 2009 come risposta all’abitudine degli enti pubblici di pubblicizzare prodotti non liberi sui propri siti.

Il coordinatore della Fellowship di FSFE, Matthias Kirschner, commenta: “Cosa pensereste se un segnale autostradale dicesse ‘Avete bisogno di una Volkswagen per percorrere questa strada. Contatta la tua concessionaria Volkswagen per una prova di guida gratuita’? Quando si tratta di lettori PDF, sembra che i governi lo ritengano accettabile.”

Queste pubblicità danno un iniquo vantaggio a qualunque prodotto proprietario suggeriscano, e sono spesso accompagnate da dichiarazioni inaccurate che fanno sembrare tali applicazioni come le uniche alternative possibili.

La ricerca inizia il 13 settembre, e continuerà fino al 17 ottobre 2010. I premi saranno assegnati alla fine di ottobre agli individui e ai gruppi che hanno segnalato il maggior numero di pubblicità a software proprietari sui siti governativi.

Buona caccia!

1. www.fsfe.org/campaigns/pdfreaders/pdfreaders.it.html
2. www.fsfe.org/campaigns/pdfreaders/petition.it.html
3. pdfreaders.org”>http://pdfreaders.org/”>pdfreaders.org

== Che cos’è la Free Software Foundation Europe ==

La Free Software Foundation Europe (FSFE) è una organizzazione non governativa e senza fini di lucro attiva in molti paesi Europei e impegnata in attività a livello globale. L’accesso al software determina chi può far parte di una società digitale. Al fine di assicurare un’equa partecipazione nell’era dell’informazione e una libera concorrenza, la Free Software Foundation Europe (FSFE) si dedica alla diffusione del Software Libero, che è definito dalle libertà di usare, studiare, modificare e copiare il software. Portare all’attenzione del pubblico questi temi, dare solide basi politiche e legali al Software Libero e assicurare libertà alle persone supportando lo sviluppo di Software Libero, sono temi centrali per la FSFE fin dalla sua fondazione nel 2001.
http://www.fsfe.org/