Convegno: “Riunificare oggi il mondo del lavoro è possibile ?”

logo Camera dei Deputati21 ottobre 2013 con inizio alle ore 9.30
“Riunificare oggi il mondo del lavoro è possibile ?”
Sala del Refettorio via del Seminario, inizio ore 9.30

 

 

Promosso da

Associazione per il Rinnovamento della Sinistra,
Centro per la Riforma dello Stato,
Network per il socialismo europeo,
Fondazione Funzione Pubblica Cgil con la collaborazione della Fondazione Claudio Sabattini

Programma dei lavori

ore 9.30 Alfiero Grandi, Presidente Ars, obiettivi del seminario

Introduzioni:
Prof. Piergiovanni Alleva, l’unificazione dei diritti
Prof. Felice Roberto Pizzuti, quale stato sociale ?
Dott. Pietro Barrera, unificare lavoro pubblico e privato
Tiziano Rinaldini, Fondazione Sabattini, diritti e regole democratiche
Dott. Carlo Buttaroni, Lavoratori e voto, c’era una volta l’identità di classe
Prof Paolo Borioni, per un’Europa sociale
Fulvio Fammoni, Pres. Fond. Di Vittorio, strategie sindacali unificanti

Interventi programmati:
prof Luigi Cancrini
Mario Sai, la condizione dei lavoratori
R. D’Andrea, Nidil, lavoro e precarietà
Roberto Ciccarelli, autore de “Il quinto stato, perché il lavoro indipendente è il nostro futuro”
On. Gianni Cuperlo
Prof. Riccardo Realfonzo
Paolo Ciofi, lavoro e Costituzione
Antonio Foccillo, segretario confederale Uil
Prof. Antonella Stirati
Dott. Arturo di Corinto
Fulvia Bandoli, la crisi del modello di sviluppo verso nuove frontiere: l’ambiente)
Maria Luisa Boccia, lavoro e differenza
Mimmo Pantaleo, segr. Gen. Snc, “conoscenza, lavoro, precarietà”
Piero Di Siena
Alfonso Gianni
Paolo Ferrero, Rfc
Mauro Bulgarelli
Gennaro Migliore
Lanfranco Turci

Intervento video prof.  Luciano Gallino

Ore 16.30 Tavola rotonda conclusiva, condotta da Alfiero Grandi, con la partecipazione di Mario Tronti, Maurizio Landini, Rossana Dettori, Carla Cantone, Stefano Fassina, Nichi Vendola, Pierre Carniti

Sala del Refettorio via del Seminario, Roma

Continua a leggere Convegno: “Riunificare oggi il mondo del lavoro è possibile ?”

Camera dei Deputati: DIRITTO D’AUTORE: TRA IL VECCHIO E IL NUOVO

logo_cameraConvegno
DIRITTO D’AUTORE: TRA IL VECCHIO E IL NUOVO
2 Ottobre ore 10-18

Camera dei Deputati
Sala della Mercede,
via della Mercede 55, Roma

La registrazione su Radio Radicale

LE LEGGI e I REGOLAMENTI
10:00 – 11:00
GUIDO SCORZA – avvocato
Diritto d’autore, una riforma necessaria
FULVIO SARZANA – avvocato, studio Lidis
Il nuovo regolamento Agcom
SIMONE ALIPRANDI – avvocato. ass. Copyleft-Italia.it
Nuovi modelli di gestione dei diritti d’autore

 

LA PIRATERIA, GLI AUTORI E I CONSUMATORI
11:00 – 12:00
DINO BORTOLOTTO – Assoprovider
Pirateria digitale e responsabilità degli ISP
CARLO BLENGINO – avvocato
Diritto d’autore e responsabilità degli intermediari
MARCO PIERANI – Ass. Altroconsumo
La tutela dei consumatori e il diritto d’autore
ADRIANO BONFORTI – Ass. Patamu
La tutela degli autori e il ruolo della Siae

LE PROPOSTE DELLA POLITICA
12:00 – 13:00
GENNARO MIGLIORE (SEL)
PAOLO COPPOLA (PD)
MIRELLA LIUZZI (M5S)
STEFANO QUINTARELLI (SCELTA CIVICA)
ANTONIO PALMIERI (PDL)

Conduce: Arturo Di Corinto

Continua a leggere Camera dei Deputati: DIRITTO D’AUTORE: TRA IL VECCHIO E IL NUOVO

Convegno: reddito per tutti

fondazionebasso

Reddito o lavoro di cittadinanza?

Roma 7 ottobre 2013,  ore 15:30 Sala conferenze Fondazione Basso

Gli aspetti economici
Claudio Gnesutta, Laura PennacchiLe scelte dei Paesi europei
Stefano Giubboni

Proposte a confronto
Giuseppe Bronzini, Susanna Camusso

I principi costituzionali
Gaetano Azzariti, Stefano Rodotà

Coordina Elena Paciotti

Fondazione Lelio e Lisli Basso
Via Dogana Vecchia, 5 – Roma
Tel. 06 6879953 – basso@fondazionebasso.it

Una Rai indipendente al servizio della libertà di informazione

moveone-italiaGiovedì 20 Giugno alle ore 17,00
Sala Mercede di Palazzo Marini, in via della Mercede 55

“Una Rai indipendente al servizio della libertà di informazione.
Tavolo di lavoro Parlamento – società civile”

Interverranno
– Roberto Fico neo Presidente Vigilanza Rai, M5S
–  i parlamentari Giuseppe Civati, Sandro Gozi, Corradino Mineo per il Pd, Gennaro Migliore per SEL, Mirella Luzzi,
Dalila Nesci, Stefano Vignaroli.

Sandra Bonsanti, Giovanni Valentini, Tana de Zulueta, Ascanio Celestini, Loris Mazzetti, Vincenzo Vita (Articolo 21),
Nicola D’Angelo, Renato Parascandolo,  Piero Badaloni, Carlo Verna (UsigRai), Renzo Santelli (Fnsi), Paolo Serventi Longhi, Arturo Di Corinto, Sergio Bellucci, Raffaele Calabretta
Continua a leggere Una Rai indipendente al servizio della libertà di informazione

La cittadinanza nella società in Rete. Diritti, Partiti, Movimenti

logo_romatreTavola Rotonda

La cittadinanza nella Società in Rete. Partiti, Movimenti, Diritti

23 Maggio 2013, Ore 10,00

Università degli Studi “Roma Tre”, Aula Tesi del Dipartimento di Scienze Politiche – Via Gabriello Chiabrera 199, Roma

La Tavola Rotonda si pone come momento finale di riflessione del ciclo di seminari dedicati alle trasformazioni della cittadinanza e della dignità, svoltosi tra Marzo e Maggio presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi “Roma Tre”, coordinati da Francesco Antonelli , Robert Castrucci, Emanuele Rossi.
Obiettivo della Tavola Rotonda è quello di mettere a confronto studiosi di formazione diversa intorno ai mutamenti della cittadinanza, nelle sue varie dimensioni (diritti, partecipazione, rappresentanza), all’interno di una società sempre più globalizzata e, al tempo stesso, profondamente riconfigurata dalla diffusione delle nuove tecnologie.

Continua a leggere La cittadinanza nella società in Rete. Diritti, Partiti, Movimenti

Convegno: EduEDA – The EDUcational Encyclopedia of Digital Arts

Il 23 e 24 novembre al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato si terrà il convegno EduEDA – The EDUcational Encyclopedia of Digital Arts. Un network per la valorizzazione e diffusione collaborativa delle arti digitali che è l’evoluzione di WikiArtPedia, il progetto ideato nel 2005 dal professor Tommaso Tozzi.

Il programma definitivo del convegno
More info

INTERNET FESTIVAL: FORME DI FUTURO

INTERNET FESTIVAL: FORME DI FUTURO
Pisa 4-7 ottobre 2012

4 ottobre 2012 ore 17,30
I saluti di Andrea Pieroni/Nicola Landucci, Provincia di Pisa
FORME DI FUTURO
Matteo Bordone – conduce

Maximiliano Ulivieri – Tempo libero del futuro?
Laura Boldrini – Democrazie del futuro
Marco De Rossi – Impresa del futuro
Derrick De Kerckhove – Saperi del futuro
Stefano Quintarelli – Istituzioni del futuro
Arturo Di Corinto – Diritti digitali del futuro

Festival: Lector in fabula, parole in festival

Da giovedì 13 a domenica 16 settembre, la città di Conversano (Bari), ospita l’ottava edizione di Lector in fabula, il festival promosso dalla fondazione Giuseppe Di Vagno.
Il festival,che nelle scorse edizioni ha ospitato oltre 200 relatori internazionali, si svolge sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica.
Il tema di quest’anno è intitolato: “Democrazie al bivio: parole smarrite, parola da (re)inventare”.
Il programma

Nell’ambito del festival si terrà il seguente incontro:

Auditorium San Giuseppe ore 11,30
Campus
“L’UOMO, LA CITTÀ, LA MACCHINA”
Introduce Oscar Buonamano

con: Angela Barbanente, Arturo Di Corinto, Serge Enderlin, Guido Martinotti

Convegno: La Rai ai cittadini

Il 23 marzo vieni anche tu!

Il MoveOn americano spinse e fece approvare al Parlamento USA la Riforma Sanitaria Pubblica, noi, in Italia, spingiamo la Riforma della Tv Pubblica.
La Riforma “La Rai ai Cittadini” sarà presentata al prossimo Parlamento: 5 punti per garantire un bene pubblico.

Per una tv libera, indipendente e con i cittadini-utenti partecipi nelle decisioni del servizio pubblico ci vediamo venerdì 23 marzo 2012, alle ore 17,00 alla Città dell’Altra Economia, Largo Dino Frisullo, Roma (ex mattatoio – Testaccio)

evento fb

Hanno confermato la loro presenza e la loro adesione
Tana De Zulueta, Moni Ovadia, Francesca Fornario, Carlo Freccero, Corradino Mineo, Lorella Zanardo, Udo Gumpel, Giovanni Anversa, Massimo Marnetto, Arturo Di Corinto, Santo Della Volpe, Silvia Bencivelli, Sergio Bellucci, Giuseppe Giulietti, Nicola D’Angelo, Maria Luisa Busi, Tiziana Ferrario, Roberto Natale, Roberto Zaccaria, Carlo Rognoni, Wolfgang Achtner, Carlo Verna, Angelo Bonelli, Giovanni Mangano

Hanno aderito
Corrado Guzzanti, Loris Mazzetti, Giulia Innocenzi, Carmine Fotia, Gianni Orlandi, Michele Gambino

Sostiene l’iniziativa
Stefano Rodotà

Seminario di studi a Lecce: Comunicazione e menzogna, le foto


Vedi le foto

Perché Internet da sola non fa la rivoluzione (Abstract)
Arturo Di Corinto 13 dicembre 2011

Internet da sola non fa la rivoluzione e neppure la democrazia. Purtroppo. O per fortuna. E questo vale anche rispetto al presunto ruolo che la rete avrebbe avuto nelle cosiddette rivolte africane. Nel caso dell’Egitto prima, della Tunisia, della Libia e della Siria dopo, pur avendo dato Internet un nuovo impulso ai movimenti di protesta contro i regimi autoritari di quei paesi, non siamo autorizzati a dire che ne abbia determinato un cambiamento rivoluzionario. I motivi sono essenzialmente due. Il primo è che Internet e i social network usati dai movimenti di protesta non sono intrinsecamente democratici poichè non accessibili a tutti, ma solo alla giovane borghesia istruita e wired, quella che usa i cellulari, gli smartphone, Facebook e Twitter. Il secondo è che Internet e i social media come Youtube sono uno straordinario strumento di comunicazione e mobilitazione, ma non sono ancora maturi per costruire maggioranze basate su meccanismi di voto e progettazione democratica. Il popolo della rete che li abita è talmente diverso e trasversale per credo religioso e convinzioni politiche che non rappresenta una constituency elettorale abbastanza omogenea da produrre un programma definito in grado di andare oltre generiche, per quando importanti, affermazioni di principio, il free speech e l’uguaglianza. Eppure un ruolo la rete ce l’ha e ce l’ha avuto nelle insurrezioni africane. In combinazione con i media tradizionali – giornali e tv indipendenti come Al Jazeera – che ne rimandavano immagini e appuntamenti, unitamente allo sviluppo di una narrazione ideologica e tecnodeterminista tipicamente occidentale che usa Internet come arma geopolitica di soft power. Internet è uno straordinario strumento di consapevolezza e di empowerment democratico grazie all’informazioni che porta, ma necessita di istituzioni forti e leggi ben scritte per dare il suo contributo a una società civile che lavora, protesta e chiede futuro. La strada da fare è molta, e non solo in Africa e Medio Oriente.

Cosenza: New Welfare per un Sud comune

A Cosenza quattro appuntamenti interamente dedicati al “New Welfare per un Sud comune”.

L’iniziativa è organizzata da tre Associazioni Culturali calabresi (Ciroma, Sud Comune e Sud Alterno) e patrocinata dall’Assessorato al Lavoro della Provincia di Cosenza.

Ogni incontro, con un tema definito, prevede interventi e approfondimenti di ricercatori, professori ed attivisti di movimento di numerose città e università italiane

Il tema centrale sarà la globalizzazione capitalistica che con le sue tendenze e trasformazioni ci ha portato verso la crisi che stiamo vivendo. L’iniziativa non vuole guardare con nostalgia al passato, ma ha l’obiettivo di prepararsi al futuro partendo da un nuovo linguaggio affinché la potenza della rivoluzione sociale possa essere condivisa qui ed ora.

Su www.ciroma.org è possibile seguire il live streaming.
Continua a leggere Cosenza: New Welfare per un Sud comune

Convegno: I soldi che fanno la felicità. Welfare e reddito per l’Italia di domani

I soldi che fanno la felicità. Welfare e reddito per l’Italia di domani

“Indignati?” Non Basta. Siamo indisponibili e indispensabili.
E non ci fermiamo, a maggior ragione dopo il 15 ottobre”

È ri-cominciato tutto in uno splendido campeggio sul mare, dove mille ragazze e ragazzi si sono incontrati e riconosciuti: per età, per desiderio, per passione politica.

Abbiamo fatto Tilt e costruito una rete di persone e di associazioni, di singoli/e e di gruppi, in movimento. Un racconto comune, un luogo di incontro e condivisione che si pone l’obiettivo di costruire la sinistra partendo dalla nostra generazione, quella costretta all’irrappresentabilità, ma che è stata protagonista del risveglio di questo paese. E intende farlo senza paura, facendo battaglia politica dentro e fuori dai partiti, senza più essere disponibili ad essere utilizzati come falso strumento politico.

Da un ricco confronto di idee è nata la voglia di ritrovarsi ancora, di approfondire, di andare avanti. Perché in mezzo alle nostre parole, le parole di una nuova sinistra, una correva sulla bocca di tutti. Inevitabile quanto vitale: reddito.

Reddito. Che dovrebbe dare la misura della qualità della vita e che noi non sappiamo cosa sia. Abbiamo redditi a termine, a progetto, redditi occasionali e redditi intermittenti; sono queste le qualità delle nostre vite, in inserimento lavorativo permanente e mai inseriti, che quando il lavoro c’è è sempre in un posto diverso da quello in cui ti sei costruito una vita, come se fosse normale che il lavoro e la vita facciano a pugni.

Sappiamo che altrove non è così: i nostri coetanei in Germania, in Francia, in molti paesi d’Europa pur economicamente più deboli del nostro, se la passano diversamente, riescono ad andare via di casa prima, a costruirsi una vita autonoma più facilmente, a trovarsi un lavoro senza domandarsi quotidianamente se non sia meglio emigrare (al Nord, in una città più grande, all’estero).

Sappiamo che sono meno ricattabili sul posto di lavoro, perché se lo perdi la prospettiva non è né quella di rientrare in famiglia né – in mancanza di una famiglia – una povertà che sembra d’altri tempi. E hanno quindi anche maggiori possibilità di cambiarlo, più tempo per cercarne uno, o per inventarselo.

Vogliamo reddito. Chiediamo reddito. Pretendiamo reddito. È la qualità del nostro lavoro e della nostra vita che è in gioco, è la possibilità di lavorare dove le nostre capacità sono giustamente remunerate e di non sottostare all’incapacità di un padroncino o all’inefficienza di un sistema finanziario. È dire che la crisi non può ricadere sulle nostre spalle, che non possiamo essere noi gli ammortizzatori umani di chi ha sperperato. Davanti a una crisi del lavoro che esige il dispiegamento di nuove garanzie sociali, l’obiettivo deve essere quello di costruire un nuovo welfare in grado di salvaguardare la qualità di vita e i diritti alla copertura sanitaria, alla previdenza, alla giusta redistribuzione delle risorse pubbliche. Perché è possibile, perché ce lo chiede l’Europa, perché vogliamo un reddito che produca crescita, che sia uno strumento antimafie, una forma di cittadinanza, un mezzo di uguaglianza lavorativa e sociale.
Continua a leggere Convegno: I soldi che fanno la felicità. Welfare e reddito per l’Italia di domani

Convegno: Omat 2011

A Roma il 9 e 10 novembre prossimi si terrà la prossima edizione di OMAT, la principale mostra convegno italiana dedicata alla gestione elettronica di documenti e informazioni.
Tra i numerosi temi in programma, a OMAT Roma si parlerà di storage e conservazione, digitalizzazione dei documenti, cloud computing, posta elettronica certificata, firma elettronica, business intelligence, fatturazione elettronica e molto altro ancora.

Relatori
Programma

Conferenza: fOSSa 211 – Free and Open Source Software for Academia

Free Software as a Commons
fOSSa 211
Lyon 27 Oct. 2011
Arturo Di Corinto

Software is not a ordinary object but an instrument good at building other tools and instruments.

Why software is so important? Like writing is an intermediary between us and the others, software is the intermediary between us and all every day’s activities.

Software instructs computers in writing letters, calculating, drawing, and it’s also useful for writing music, recording stories and ideas and projecting machines and environments, for recording climate changes or warning us of an earthquake.

Today, most part of our communication – and its democratization – relies on software, and since communication is a universal right, a basic human need, and the foundation of all social organization, we must be aware of the role of software in today’s communication.

Software is a peculiar language form through which people manage culture and knowledge accumulated over centuries and because of that it’s not a simple utensil.

Software is a cognitive artifact and it incorporates intelligence and work, it transmits meanings and values, it brings with it the idea of its creator and of its user.

The fact that its use is exclusive, limited in space and time, or vice versa that it might be modified, given, freely exchanged behind geographical barriers, makes a remarkable difference.

If language is the “operating system” of our society, software is the language of all new forms of immaterial production, and of scientific and technological innovation in the information society. Because of this it has to be free, that is freely usable, to favour the progress of all the society, of every society, because, otherwise, we would be all less free. Continua a leggere Conferenza: fOSSa 211 – Free and Open Source Software for Academia

Conferenza: fOSSa 2011 Conference

fOSSa 2011 Conference
Lyon, France, 26-27-28th October 2011

fOSSa conference is a place where open source insiders, human beings, scientific, developers and industrials meet, collaborate and nurture Open Source at large!
fOSSa is made with passion by passionate people who just believe in the Open-ness model, respect, transparency and re contribution. Our primary motivation for its creation is spiritual expression about Open source movement and show business as a consequence.
This conference is a kind of cooperative community where mainstream users, insiders, developers, academics, public and enthusiasts participate and benefit together.
Look around, checkout the website(s): We have an extensive resource of links, and the past events are full of fascinating information. Take your time – this is a content-rich site.

Speakers
Openness

Roma: Festival della Libertà Digitali

Anche quest’anno si celebrerà il Festival delle Libertà Digitali. Una iniziativa che nasce per coinvolgere cittadini, aziende e istituzioni nei valori positivi della rivoluzione culturale che stiamo vivendo, quella digitale e legata a Internet. A muoverci sono gli stessi principi etici che sono alla base del software libero.

Vogliamo dimostrare che la condivisione di contenuti in rete non solo è possibile in modo legale, ma costituisce anche un prezioso strumento a difesa del pubblico dominio. Un patrimonio che, lo ricordiamo, costituisce una riserva preziosa anche per coloro che producono contenuti culturali soggetti a copyright.

Ci rivolgiamo in particolare ai giovani, incoraggiandoli alla condivisione legale di musica, di immagini, di notizie e più in generale di cultura. E interagiamo con chi sperimenta in prima persona progetti socialmente significativi, come l’enciclopedia libera Wikipedia o Liber Liber.

Quest’anno il Festival delle Libertà Digitali si terrà in varie città d’Italia e in varie date. In particolare Liber Liber sarà l’ospite dell’edizione che si terrà a Roma il 14 ottobre 2011.

Eventi: Omat 2011

OMAT Roma, 9 – 10 novembre 2011

Alcuni usano il termine “documenti”, altri “informazioni”, altri ancora “contenuti”. In realtà, si tratta semplicemente di una nuova forma di energia. Un’energia che fa parte della nostra vita di tutti i giorni e continua a crescere sempre di più.

Per capire come incanalare e sfruttare al meglio il flusso di dati digitali che ogni azienda crea e riceve, l’appuntamento è a OMAT, l’evento che dal 1990 riunisce aziende, istituzioni, accademici, utenti ed esperti per discutere attorno allo stesso tavolo. Convegni, tavole rotonde e un’area espositiva per liberare tutta l’energia che ogni byte porta con sé.

Conversano: Informazione, scelte e conoscenza: il “potere della rete”

IL POTERE. Chi comanda in Italia?
| incontri | dibattiti | confronti storia | politica | economia | seminari | workshop | libri cultura | società | attualità |
www.lectorinfabula.com

Venerdì 9 settembre, Conversano, Puglia.
Ore 16.30, Municipio, Sala del Consiglio

Confronti

ARTURO DI CORINTO, GIUSEPPE SMORTO
Informazione, scelte e conoscenza: il “potere della rete”
Le generazioni di italiani nate nel dopoguerra si sono formate culturalmente guardando la Tv. Le ultime, al contrario, si “informano” attraverso la rete. Fino ad oggi il potere si è esercitato attraverso l’uso dell’informazione e della conoscenza. Chi ne ha detenuto i mezzi ha potuto comandare. Le recenti esplosioni di libertà nel nordafrica e nel medioriente o, senza andare tanto lontano, il voto delle amministrative e sui referendum in Italia dimostrano che si può combattere una battaglia per le idee senza essere più detentori di grandi mezzi di comunicazione. La rete, le piazze, l’esercizio della democrazia. Siamo veramente di fronte ad una nuova “primavera” dei diritti e della libertà?

coordina ANNA TOTARO

Conferenza Nexa: L’Internet di tutti

L’Internet di tutti. Il ruolo dei governi e della società civile nella governance della rete
33° Mercoledì di NEXA
Mercoledì 13 luglio 2011, ore 18-20
Via Boggio 65/a, Torino (primo piano)

Ingresso libero
Trasmesso in diretta all’indirizzo: http://www.livestream.com/NEXA

Per maggiori informazioni:
http://nexa.polito.it/mercoledi-33
Continua a leggere Conferenza Nexa: L’Internet di tutti

Hackmeeting 2011: “Seize the time!”

L’ultimo hackmeeting prima del 2012.

Hackmeetingmanifesto_bozza_50x70 24-25-26 Giugno – Firenze

/Felici e sfruttati. Capitalismo digitale ed eclissi del lavoro
Friday 24, h17 : 3 ore
Oratore: Carlo Formenti, Arturo Di Corinto, altri
Nella net economy si lavora tutti, si lavora sempre, e l’intelligenza collettiva viene rubata come e più di prima. A partire dall’omonimo pamphlet di Carlo Formenti, un seminario di critica radicale alla wikinomics e al personal capitalism.

/Creative commons, Il lato riformista del copyright
Friday 24, h21 : 2 ore
Oratore: Arturo, Simone, Guido
Il lato riformista del copyright, ovvero come diffondere la conoscenza, non farsi fregare dal mercato e vivere felici.
Sono in molti a credere che le licenze Creative Commons e la GNU/Gpl siano contro il copyright. Invece non è vero. Si tratta di licenze che usano il copyright a favore delle persone per incentivare la produzione di informazioni, saperi e conoscenze.

/La nostra storia
Saturday 25, h14 : 2 ore
Oratore: Arturo, vari
Dalle BBS agli Hacklab passando per l’Hackmeeting: la nostra storia. “Mantenere viva la memoria per ragionare sul presente. Nel futuro ci siamo già stati. “Ogni cultura è tale se consapevole di se stessa. Questo vale anche per le culture hacker disperse nella penisola. Un incontro per riannodare i fili della nostra storia.”

Convegno: Il Copyright nell’era digitale

berlinguer
“La cultura corre. Sul Web – Garantire i diritti degli autori e lavorare per un più largo accesso ai contenuti della rete. Il dibattito e le proposte dall’Europa”

L’inziativa, curata dall’Europarlamentare del PD Luigi Berlinguer, si terrà il prossimo 30 giugno – dalle 14 alle 18.30 presso la Sala delle Bandiere, via IV Novembre 149 Roma – , e sarà articolata in due tavole rotonde con i rispettivi titoli “Il copyright nell’era digitale” e “Come allargare la torta. Un più largo accesso alla cultura e ai contenuti della rete”.

Alla prima interverranno Stefano Rodotà (Prof. Emerito Università La sapienza), Vincenzo Vita (Senatore PD), Margot Froehlinger (Commissione Europea, direttore DG Marcato Interno), Gaetano Blandini (Direttore Generale SIAE), Nicola D’Angelo (commissario AGCOM), Ben White (British Library), Arturo Di Corinto (giornalista e saggista), Eugenio Prosperetti (avvocato, docente Università La Sapienza), Raffaele Barberio (Direttore Key4Biz).

Alla seconda tavola rotonda parteciperanno Paolo Gentiloni, (Deputato PD) Enzo Mazza (presidente FIMI e SCF), Silvia Costa (europarlamentare PD), Diego Bianchi (blogger, alias “Zoro”), Marco Pievani (Altroconsumo), Marco Pancini (Google Belgium), Innocenzo Genna (consulente ICT, Euroispa, Council Officer), Rosa Macello (Associazione Italiana Biblioteche), Rodolfo Cattani (Unione Italiana Ciechi), Luca De Biase (Direttore Nova/Il Sole 24 Ore).

Accademia Reale Olandese: New Media and italian politics

journalistiekArturo Di Corinto speech
Italië als voorland? Media en politiek anno 2011

Masterclass journalistiek, 31 mei-8 juni 2011
Inhoud
Een masterclass op het Koninklijk Nederlands Instituut te Rome voor MA studenten aan Nederlandse universiteiten over de verhouding tussen media en politiek in hedendaags Italië.

• Historische en thematische inleidende colleges
• Nederlandse correspondenten in Italië vertellen over hun ervaringen
• Excursies op locatie
• Rondetafel debat met Italiaanse en buitenlandse experts

Ingangseis
De masterclass staat open voor MA studenten van relevante opleidingen (journalistiek, communicatiewetenschappen, politicologie) aan de UvA, VU, UL, UU, RU en RUG.

Aanmelding en kosten
Gegadigden kunnen zich voor 1 april 2011 aanmelden middels een motivatiebrief, op grond waarvan ze worden geselecteerd. Er zijn geen kosten verbonden aan de masterclass, en het KNIR verzorgt onderdak voor de studenten.
Info en aanmeldingen: a.weststeijn@knir.it

Modena: Elogio del disordine digitale

monet-logoSabato 30 aprile 2011, alle ore 11, alla Biblioteca Delfini di Modena conversazione con Arturo Di Corinto su Elogio del disordine digitale

Arturo Di Corinto, saggista e giornalista, affronta il tema della società dell’informazione evidenziandone le opportunità e i limiti, nonchè le crescenti limitazioni che i centri di potere -anche in Italia- tentano di imporre alla libera circolazione delle informazioni sulla rete web
Sabato 30 aprile 2011, alle ore 11, alla Biblioteca Delfini di Modena conversazione con Arturo Di Corinto su Elogio del disordine digitale

Le informazioni pubblicate sulla rete web su qualsiasi argomento sono sempre più numerose e si presentano apparentemente in forma caotica, ben lontana dalla struttura organizzata tipica dei saperi scientifici e tecnici tradizionali. Tuttavia, questa situazione non rappresenta un limite ma un vantaggio per i navigatori, offrendo loro inedite opportunità di ricerca e di analisi capaci di generare nuovi punti di vista e nuove interpretazioni della realtà, inimmaginabili solo pochi anni fa. Ma l’enorme potenziale di libertà offerto dalla rete web spaventa i poteri politici e tende a sovvertire le regole dei mercati, suscitando tentazioni di controllo e di limitazione della libera circolazione delle informazioni sul web. Ad esse si contrappone un movimento diffuso di opposizione teso a conservare piena libertà all’informazione in rete, fino ad auspicare il riconoscimento della libertà di accesso alla rete stessa come un diritto fondamentale dell’individuo, da preservare attraverso uno specifico titolo da inserire nelle costituzioni nazionali.

Arturo Di Corinto
Giornalista, saggista, documentarista, esperto di innovazione tecnologica e comunicazione pubblica, dirige la Free Hardware Foundation ed è responsabile dei progetti open source del Centro per le Applicazioni della Televisione e delle Tecnologie per l’Innovazione Digitale dell’Università di Roma-La Sapienza. Ha pubblicato con Alessandro Gilioli I nemici della rete (BUR 2010).

Sabato 30 aprile 2011, ore 11.00
Biblioteca Delfini, sala conferenze
Corso Canalgrande 103, Modena
Info 059 2032940 – www.comune.modena.it/biblioteche

Live performers meeting (LPM)

campaignid = 0; // Campaign :
formatid = 9; // Format : 300×300
FlyerAdServer(campaignid,formatid,window.location.url);

FLYER AD SERVER

La nona edizione di LPM – Live Performers Meeting – ha inizio il 19 Maggio 2011. Live Performers Meeting offre la possibilità irripetibile di vivere 4 giorni di performance av, vjing, workshop, panel discussion, product showcase che uniscono un’incredibile comunità di vjs, audiovisual artist, professionisti dei nuovi media e thinkers da tutto il mondo.

L’edizione 2010 al Brancaleone a Roma ha registrato 301 artisti da Germania, Italia, Olanda, Francia, Israele, Svizzera, Polonia, Taiwan, Ungheria, United States, Austria, Grecia, Brasile, UK, Spagna, Repubblica Ceca, Bulgaria, Portogallo, Irlanda, Norvegia, Nuova Zelanda, Turchia, Lettonia. Sono stati presentati 177 progetti, tra performance, workshop e showcase.

La sede di LPM è il Cinema Aquila, uno spazio culturale polifunzionale recentemente rinnovato, dedicato al cinema e alle arti visive. La location si sviluppa su 3 piani e include 3 sale cinema provviste dei più alti standard tecnologici, foyer e ulteriori spazi che saranno dedicati all’interazione e la condivisione che l’evento ama promuovere fra gli artisti.

PARTECIPA!

INTERNET, LIBERTÀ E DIRITTI: A PARTIRE DAL CASO WIKILEAKS

wikileaks
INTERNET, LIBERTÀ E DIRITTI: A PARTIRE DAL CASO WIKILEAKS
Roma, 18 febbraio 2011, ore 10,00
Corte Suprema di Cassazione
Aula Giallombardo – Palazzo di Giustizia – Piazza Cavour

Occorre davvero disciplinare e regolamentare il pianeta Internet, salvaguardando i diritti e le libertà nella rete, ma al tempo stesso impedendo indebite ingerenze nella sfera privata e lesioni di interessi fondamentali dei singoli? Che tipo di regole dovrebbe avere una costituzionalizzazione del settore? Chi ne dovrebbero essere i soggetti promotori: l’ONU o gli Stati nazionali e con quale coinvolgimento della sfera pubblica e dei soggetti privati?
Che indicazioni ci vengono dalla giurisprudenza sovranazionale sul bilanciamento tra libertà di espressione e di comunicazione e protezione dei fundamental rights? Il recente caso Wikileaks e le sue code polemiche dimostrano il carattere aperto e problematico di questi interrogativi sui quali solo negli ultimi anni gli studiosi di diritto, ma anche i teorici del ciberspazio, hanno cominciato un importante lavoro di riflessione a largo raggio ed in progress che ha portato anche alla proposta di una Carta mondiale dei diritti su internet.

Presiede
Franco IPPOLITO,
Segretario Generale della Corte di Cassazione

Luigi MARINI,
Presidente di Magistratura Democratica

Gaetano AZZARITI,
Università di Roma “La Sapienza”

Arturo DI CORINTO,
Università di Roma “La Sapienza”

Elena FALLETTI,
Università di Castellanza

Stefano RODOTÀ
Università di Roma “La Sapienza”

Giuseppe SALME’, Corte di Cassazione 

www.liveperformersmeeting.net

www.liveperformersmeeting.net

La nona edizione di LPM – Live Performers Meeting – ha inizio il 19 Maggio 2011.

LPM offre la possibilità irripetibile di vivere 4 giorni di
performance av, vjing, workshop, panel discussion, product showcase
che uniscono un’incredibile comunità di vjs, audiovisual artist,
professionisti dei nuovi media e thinkers da tutto il mondo. Continua a leggere www.liveperformersmeeting.net

Conoscenza e servizi nella Rete Comunità creative, modelli d’impresa, servizi pubblici, politiche

M2.2Università degli studi di Urbino “Carlo Bo”
Facoltà di Economia
Dipartimento di Economia e Metodi Quantitativi

Conoscenza e servizi nella Rete
Comunità creative, modelli d’impresa, servizi pubblici, politiche

Giovedi, 9 dicembre 2010, ore 14-17

Facoltà di Economia, Via Saffi 42, Urbino
Aula Rossa/Amaranto

Programma Preliminare…
Continua a leggere Conoscenza e servizi nella Rete Comunità creative, modelli d’impresa, servizi pubblici, politiche