Un popolo di santi, poeti, navigatori e hacker

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 4 Ottobre 2018

Un popolo di santi, poeti, navigatori e hacker. Come per il calcio, l’atletica leggera e la pallavolo, l’Italia vanta anche una nazionale di hacker. Non lo sapevate? Il nostro paese compete a livello mondiale in cucina con la nazionale dei cuochi, perché non dovrebbe avere una nazionale hacker per rappresentare l’eccellenza raggiunta dal paese in questo campo? Parliamo ovviamente di hacker buoni, i cosiddetti hacker etici o «white hat hacker», e non dell’uomo nero che i media accusano quando non sanno che nome dare ai criminali informatici, alla stupidità umana e all’avidità delle imprese che ci hanno venduto per anni microprocessori e software bacati.

Parliamo di «cyberdefender», di quei ragazzi cioè che difendono l’italico cyberspazio da cybercriminali ed eserciti cibernetici, spesso senza neanche dirlo. Continua »