Radio Vaticana: intervista Arturo Di Corinto

La beffa di Tulsa, come sono stati sconfitti i ‘guru’ digitali al servizio dei potenti

Radio Vaticana/Vatican News

22 giugno 2020

Si chiama Tik Tok ed è diventato l’ultimo incubo di chi gestisce la comunicazione social dei potenti di mezzo mondo. Il social network preferito dai giovani, utilizzato solitamente come vetrina dai singoli utenti che postano brevi video in cui cantano, ballano o esprimono i propri stati d’animo, si è trasformato improvvisamente in un micidiale strumento di controinformazione e disobbedienza digitale. Lo hanno sperimentato a proprie spese gli organizzatori della conferenza del presidente USA Donald Trump che si aspettavano un tutto esaurito, per il milione di richieste di partecipazione arrivate via web, e che si sono ritrovati di fronte solo poche migliaia di persone. Ma come è stato possibile ingannare così facilmente i più famosi guru della comunicazione digitale? Cosa significa il boicottaggio di un evento politico organizzato da una comunità di giovani e giovanissimi? Ci troviamo di fronte a un cambiamento delle strategie comunicative? Abbiamo girato le domande ai nostri ospiti.

Ospiti del programma:

Luigi Rancilio, responsabile dei social del quotidiano Avvenire

Arturo di Corinto, giornalista e scrittore esperto di sicurezza informatica

Nicola Zamperini, giornalista esperto di comunicazione digitale e autore del blog Disobbedienze
 

Conduce: Stefano Leszczynski

Il Manifesto: “Anonymous ha bucato la polizia di Minneapolis”, ma non è vero

il-manifesto-logo3

“Anonymous ha bucato la polizia di Minneapolis”, ma non è vero

Hacker’s Dictionary. Secondo lo specialista Troy Hunt il movimento di hacker attivisti ha divulgato solo vecchie credenziali di poliziotti. In Italia Anonymous rivela la cattiva gestione della privacy nei servizi pubblici e sanitari

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 4 Giugno 2020

Dopo la morte di George Floyd in seguito a un fermo di polizia, a Minneapolis e nel resto degli Stati Uniti si sono accese le proteste antirazziste dilagate nelle rivolte di piazza che tutti abbiamo visto in tv.

Anche Anonymous, il movimento di hacker attivisti che usa la maschera digitale di Guy Fawkes per denunciare autoritarismo e corruzione, ha voluto unirsi alle proteste.

In una serie di tweet affidati ai profili social che portano il nome degli hacktivisti è stata annunciata la violazione dei server della Polizia di Minneapolis con tanto di link a email e password del personale in servizio.

Un modo discutibile di protestare, ma che fa da sempre parte dell’arsenale dei guerriglieri del Web. Continua a leggere Il Manifesto: “Anonymous ha bucato la polizia di Minneapolis”, ma non è vero

Articolo21: Trump ordina: ritirate l’immunità a Twitter

Trump ordina: ritirate l’immunità a Twitter

di ARTURO DI CORINTO per Articolo21 del 29 Maggio 2020

È violento nei modi, aggressivo nei toni, e dice bugie a ripetizione. Comanda l’esercito più potente al mondo e si ritiene al di sopra della legge. Oggi ha scoperto che i social network non sono bacheche elettroniche ma fornitori di contenuti, “media outlets” che influenzano i comportamenti di tutti, e che non sono sempre “fair”, cioè equilibrati e onesti. Per questo ha deciso di limitarne l’immunità legale finora garantitagli per esercitare il soft power americano. Parliamo di Donald Trump e della contesa nata su Twitter a proposito dell’oscuramento, non cancellazione, badate bene, di un suo tweet che minaccia l’uso della forza nella Minneapolis in rivolta per l’ennesimo, immotivato omicidio, di un cittadino afroamericano, George Floyd. Ma che dice esattamente il Tweet oscurato? Continua a leggere Articolo21: Trump ordina: ritirate l’immunità a Twitter

Chefuturo! Gli hacker russi hanno fatto vincere Trump: un’altra fake news?

chefuturo_logo

Gli hacker russi hanno fatto vincere Trump: un’altra fake news?

Difficile dire cosa sia accaduto con esattezza nelle presidenziali USA, ma una cosa è certa, il voto elettronico può essere manipolato

Arturo Di Corinto per Chefuturo! del 11 dicembre 2016

Barack Obama ha chiesto un rapporto dettagliato e preciso sul ruolo della Russia nello svolgimento delle presidenziali americane. Il capo della Cia, il democratico Mike Brennan, ha sostenuto che hacker russi hanno aiutato Trump a vincere le elezioni. I media di mezzo mondo hanno rilanciato la notizia dando l’impressione di credere a questa eventualità: sarebbe stata la delegittimazione di Hillary Clinton prodotta in rete dalla propaganda russa insieme alla diffusione delle email del comitato democratico in una curiosa joint-venture hacker russi più Wikileaks, a minare la fiducia nel candidato democratico e a farla perdere contro il magnate repubblicano.

Tutte le tappe dell’emailgate della Clinton

Continua a leggere Chefuturo! Gli hacker russi hanno fatto vincere Trump: un’altra fake news?

Cybersecurity: Trump, quello che vuole chiudere Internet (e lo dice in video)

cyber_securityTrump, quello che vuole chiudere Internet (e lo dice in video)

Neanche il magnate americano divenuto presidente può bloccare Internet, anche se lui non lo sa ancora

Arturo Di Corinto per Cybersecurity 11 novembre 2016

Donald Trump l’8 dicembre 2015 ha detto : “Chiudiamo Internet per fermare il terrorismo!” C’erano stati da poco i sanguinosi attentati di Parigi e in questo modo il tycoon newyorchese aveva pensato di dire la sa su come bloccare i fanatici dell’Isis che inneggiavano alla jihad.

Fino a pochi mesi fa, l’idea suonava semplicemente cretina. Adesso che Donald Trump è diventato presidente degli Stati Uniti d’America qualcuno è preoccupato che possa farlo per davvero considerato il potere che concentra su di sé quale presidente degli Stati Uniti che controlla la maggioranza al Congresso americano.

Ma diciamolo con chiarezza: è tecnicamente impossibile chiudere Internet.

 

Continua a leggere Cybersecurity: Trump, quello che vuole chiudere Internet (e lo dice in video)

Cybersecurity: Trump è peggio di Hillary. Anche lui non protegge le email

cyber_security

Trump è peggio di Hillary. Anche lui non protegge le email

Un ricercatore indipendente ha scoperto, analizzando dati pubblici, che i server email dell’organizzazione di Trump usano software obsoleto e malconfigurato

Una delle regole basilari della sicurezza informatica è di non usare software che non viene più supportato dai produttori. Kevin Beaumont, ricercatore in cybersecurity, ha scoperto che i mail server del gruppo Trump usano software non aggiornato e non più garantito come il Windows Server 2003, e l’Internet Information Server 6. Microsoft ha infatti smesso di suportare Windows Server 2003 nel luglio scorso del 2015, annunciandolo sul proprio sito e suggerendo di migrare altrove la propria infrastruttura informatica per meglio proteggerla. Continua a leggere Cybersecurity: Trump è peggio di Hillary. Anche lui non protegge le email

Cybersecurity: DDoS, defacement e furti di dati: nuovi timori per le presidenziali americane

cyber_security

DDoS, defacement e furti di dati: nuovi timori per le presidenziali americane

il capo dell’intelligence americana, James Clapper, lancia l’allarme sul pericolo di attacchi informatici nei confronti dei candidati alla presidenza americana “Servono a rubare i dati dei supporters”.

di Arturo Di Corinto 9 giugno 2016

In un’intervista alla National Public Radio, il capo dell’intelligence americana, James Clapper, ha di nuovo lanciato l’allarme sul pericolo di attacchi informatici nei confronti dei candidati alla presidenza americana.

Continua a leggere Cybersecurity: DDoS, defacement e furti di dati: nuovi timori per le presidenziali americane