Cina, la prigione digitale dei giornalisti

Cina, la prigione digitale dei giornalisti

Hacker’s Dictionary. Un rapporto dei giornalisti di Reporters sans frontières denuncia censura e repressione nel paese del Dragone: alle intimidazioni e agli arresti si aggiunge la censura via software, app e siti web

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 6 Gennaio 2022

Dopo Stand News, giornale indipendente che ha annunciato la sua chiusura a seguito dell’arresto di sei membri dello staff, anche il Citizen News di Hong Kong chiude. Così dopo aver sollecitato il rilascio della giornalista cinese Zhang Zhan, condannata a quattro anni di carcere per aver coperto la pandemia di Covid-19, Reporters sans frontières (RSF) chiede il rilascio di tutti i giornalisti detenuti e invita le democrazie a reagire e difendere ciò che resta della stampa libera in Cina.

Storie di Giornalismo

I giornalisti sbagliano. Come i medici, gli avvocati, i poliziotti, i magistrati, i manager, i bancari, i programmatori. Se non sbagliassero, i giornalisti non avrebbero di cosa scrivere.

La differenza è che l’errore dei giornalisti è visibile, quello di altri professionisti spesso non lo è, oppure è noto solo alla ristretta cerchia degli interessati.

Chefuturo! Gli hacker russi hanno fatto vincere Trump: un’altra fake news?

chefuturo_logo

Gli hacker russi hanno fatto vincere Trump: un’altra fake news?

Difficile dire cosa sia accaduto con esattezza nelle presidenziali USA, ma una cosa è certa, il voto elettronico può essere manipolato

Arturo Di Corinto per Chefuturo! del 11 dicembre 2016

Barack Obama ha chiesto un rapporto dettagliato e preciso sul ruolo della Russia nello svolgimento delle presidenziali americane. Il capo della Cia, il democratico Mike Brennan, ha sostenuto che hacker russi hanno aiutato Trump a vincere le elezioni. I media di mezzo mondo hanno rilanciato la notizia dando l’impressione di credere a questa eventualità: sarebbe stata la delegittimazione di Hillary Clinton prodotta in rete dalla propaganda russa insieme alla diffusione delle email del comitato democratico in una curiosa joint-venture hacker russi più Wikileaks, a minare la fiducia nel candidato democratico e a farla perdere contro il magnate repubblicano.

Tutte le tappe dell’emailgate della Clinton

Continua a leggere Chefuturo! Gli hacker russi hanno fatto vincere Trump: un’altra fake news?

La Repubblica: Onu, un giorno per la stampa libera in tutto il mondo

la-repubblica-it-logo

Onu, un giorno per la stampa libera in tutto il mondo

Domani 3 maggio si celebra in molte capitali il World Press Freedom Day. Mentre gli arresti degli operatori dell’informazione si susseguono nei paesi a rischio. E ovunque le pressioni aumentano. Anche sul web

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 2 Maggio 2013

DUE GIORNALISTI arrestati al Cairo con l’accusa di “aver partecipato a una manifestazione”. Le manette ai loro polsi sono scattate la sera del 1 maggio nella sede del sindacato dei giornalisti della capitale egiziana. E’ un paese, l’Egitto, dove appare impossibile tenere il conto di giornalisti, blogger e operatori dell’informazione nelle mani della polizia e delle forze di sicurezza. La notizia dei nuovi arresti giunge proprio alla vigilia della Giornata Mondiale per la libertà di Stampa. Una ricorrenza voluta dalle Nazioni Unite nel 1993 per affermare il diritto all’informazione e ribadire l’importanza dell’articolo 19 della dichiarazione universale dei diritti umani e quest’anno verrà celebrata ad Helsinki con una conferenza dall’Unesco. Incentrata sulle libertà fondamentali, l’accesso all’informazione, la protezione dei dati, la censura online, si concluderà con l’adozione di una Dichiarazione per la difesa dei diritti fondamentali. Ma l’iniziativa ha un respiro mondiale e il 3 maggio il World Press Freedom Day verrà celebrato in decine di capitali con cortei e sit-in.

Continua a leggere La Repubblica: Onu, un giorno per la stampa libera in tutto il mondo

La Repubblica: Diffamazione, sparisce il carcere ma il rischio bavaglio resta

la-repubblica-it-logoDiffamazione, sparisce il carcere ma il rischio bavaglio resta

Approvato a Montecitorio il testo finale della legge che modifica le norme sulla diffamazione, a mezzo stampa, radio e tv, libri e Internet. Ora passa al Senato. Ecco cosa cambia

di ARTURO DI CORINTO del 23 Giugno 2015

NIENTE CARCERE ma multe salate fino a 50 mila euro per il giornalista colpevole di aver diffamato. Il testo finale della legge che modifica le norme sulla diffamazione, a mezzo stampa, radio e tv, libri e Internet, arriva al voto nell’aula di Montecitorio con una serie di aggiustamenti che mettono solo in parte d’accordo il governo e le associazioni dei giornalisti. Rimane quell’obbligo di rettifica “gratuitamente e senza commento, senza risposta e senza titolo”, entro 48 ore per le testate online e per libri e riviste entro 15 giorni dalla richiesta, che ha fatto innervosire sia Enzo Iacopino, presidente dell’Ordine dei giornalisti, che Raffaele Lorusso neoeletto presidente del sindacato FNSI. Quest’ultimo aveva anche contestato l’assegnazione dei processi per diffamazione contro i siti internet al giudice della città del querelante: “Costringere una piccola testata a difendersi in cento tribunali diversi diventa una forma indiretta di intimidazione”. Continua a leggere La Repubblica: Diffamazione, sparisce il carcere ma il rischio bavaglio resta