Il Manifesto: Analfabeti e iperconnessi: la democrazia a rischio social

Analfabeti e iperconnessi: la democrazia a rischio social

Hacker’s dictionary. Le persone sono sempre meno capaci di distinguere le notizie vere da quelle false, si distraggono continuamente, tendono a rinchiudersi in una comfort zone dove sanno che le loro idee non saranno verificate

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 18 Ottobre 2018

Nel prossimo futuro forse guarderemo agli utenti dei social media come oggi guardiamo i fumatori, persone che sanno di fare qualcosa di sbagliato eppure continuano a farlo. A pensarci bene il momento potrebbe non essere troppo lontano.

È stato proprio il caso Cambridge Analytica ad aver scoperchiato il vaso di pandora della dipendenza da social: sappiamo che i dati conferiti vengono usati per creare una platea di potenziali acquirenti per gli investitori pubblicitari, renderci docili consumatori, conoscere i nostri gusti politici e orientarli a colpi di fake news, slogan e black advertising, ma continuiamo a regalargli preziose informazioni sotto forma di tag, like, link, foto, video e messaggi. In realtà siamo già alla fase due: i nostri dati vengono usati per allenare le intelligenze artificiali che tra poco prenderanno il nostro posto nei compiti intellettuali dopo aver già sostituito tornitori, magazzinieri e autisti. Continua »

Il Manifesto: Come ti blocco le truffe dei profili Instagram

Come ti blocco le truffe dei profili Instagram

Hacker’s Dictionary. La rubrica settimanale a cura di Arturo Di Corinto

di ARTURO DI CORINTO per Il Manifesto del 30 Agosto 2018

Con oltre un miliardo di utenti Instagram è il secondo social più diffuso al mondo. Per questo motivo il social per la condivisione di fotografie è anche uno dei più bersagliati dai criminali informatici. Negli ultimi tempi sono aumentati i tentativi di impossessarsi degli account presenti sulla sua piattaforma per accedere alle informazioni personali degli utenti e ai loro messaggi per ricattarli, ma anche per veicolare virus o diffondere spam. Secondo i ricercatori di Kaspersky dopo aver preso il controllo dell’account, i cybercriminali cambiano la foto del profilo, la descrizione, l’indirizzo e-mail e il numero di telefono per impedire ai titolari di riappropriarsi del proprio account. Ovviamente ad essere presi di mira sono gli account più attivi, con molti follower e quelli delle celebrità. Continua »

La Repubblica: L’Isis si sposta su Instagram: il software individua 50mila profili di supporter

la-repubblica-it-logo

L’Isis si sposta su Instagram: il software individua 50mila profili di supporter

Ma l’esperto avverte: “Non possiamo cacciare tutti gli esaltati dal web. Occorre un lavoro approfondito di intelligence e maggiore cooperazione tra Stati e industria digitale”

di ARTURO DI CORINTO per La Repubblica del 22 Settembre 2017

LO STATO islamico sta migrando su Instagram. Anche l’ultimo paradiso della sharing-mania, finora immune alle polemiche stile Facebook e alle tifoserie da Twitter, ora diventa terreno fertile per i terroristi. La conferma viene dall’analisi condotta da Ghost Data (Ghostdata.io), un gruppo di ricerca che ha sviluppato un software ad hoc per individuare gli elementi della propaganda integralista sul popolare social fotografico acquisito dall’azienda di Menlo Park. Continua »

©2007-2009 Arturo Di Corinto| Progetto grafico di Lorenzo De Tomasi [Copia questo tema] | Powered by Wordpress