Vendono Green Pass tarocchi e si atteggiano a imprenditori libertari

Vendono Green Pass tarocchi e si atteggiano a imprenditori libertari

Si dicono contrari alla “dittatura sanitaria” e offrono pacchetti di Certificati Verdi per 100 euro a persona, con lo sconto famiglia. Italian Tech li ha scovati e ha parlato con loro

di ARTURO DI CORINTO per ItalianTech/La Repubblica del 25 Luglio 2021

Dicono di essere contro la cosiddetta “dittatura sanitaria” e offrono Green Pass a pagamento. Un gruppo di italiani che si atteggiano a imprenditori ha creato una chat per vendere i lasciapassare che dal 6 agosto dovremo esibire come risultato della vaccinazione o della negatività al coronavirus per accedere a locali al chiuso e a eventi di massa.

180 giornalisti e 13 capi di Stato spiati da Pegasus: ecco come ci sono riusciti

180 giornalisti e 13 capi di Stato spiati da Pegasus: ecco come ci sono riusciti

Il software spia prodotto da Nso Group sarebbe stato usato per sorvegliare anche attivisti e dissidenti: la prova l’ha fornita il Security Lab di Amnesty International guidato da un italiano

di ARTURO DI CORINTO per ItalianTech/La Repubblica del 19 Luglio 2021

È così efficiente che costa 8 milioni di euro: il software di sorveglianza Pegasus torna alla ribalta delle cronache per lo spionaggio di 180 giornalisti e migliaia di attivisti dei diritti umani.

La notizia, diffusa dalla ong Forbidden Stories e da Amnesty International e riportata da 17 testate giornalistiche, sta facendo tremare mezzo mondo perché coinvolge anche politici e capi di Stato e, come ha già dichiarato Edward Snowden, potrebbe rappresentare la più grossa violazione della privacy dai tempi di Prism, il programma Usa di sorveglianza elettronica da lui svelato nel 2013.

Aruba conferma l’attacco informatico: ecco cosa è successo

I sistemi del gigante italiano di servizi Internet e web sono stati violati ad aprile. Solo ieri però ha deciso di avvisare i suoi clienti, insistendo sul fatto che non sarebbero stati coinvolti dati sensibili

di ARTURO DI CORINTO per Italian Tech/La Repubblica del 15 Luglio 2021

Sono partite ieri le mail per informare i clienti di Aruba di una violazione di confidenzialità dei loro dati. L’azienda, che aveva già informato sia la Polizia Postale che il Garante per la protezione dei dati personali, dopo due mesi di monitoraggio e analisi dei suoi effetti ha deciso di informare singolarmente gli utenti interessati di aver “bloccato un accesso abusivo” ai suoi database, obbligandoli a resettare le password di accesso.

L’evento risale al 23 aprile scorso e non sembrerebbe per ora aver avuto conseguenze evidenti. Tuttavia è un evento da monitorare, visto che Aruba, insieme a Infocert, è il maggior fornitore di identità digitali e posta certificata del paese, una realtà industriale che fornisce la gran parte delle Pubbliche amministrazioni italiane attraverso Consip e offre hosting, cloud e macchine virtuali anche a singoli ed aziende, è un gigante italiano del settore appena entrato nel settore della fibra ottica in partnership con Open Fiber.
Bergamo

Il maxi attacco ransomware a Kaseya riguarda anche l’Italia. E ci fa tremare

Il maxi attacco ransomware a Kaseya riguarda anche l’Italia. E ci fa tremare

L’attacco informatico da parte del gruppo di lingua russa REvil potrebbe già aver compromesso decine di aziende che in Italia preparano buste paga, fanno ricerca medica, trasportano energia. “Spegnete tutto”

di ARTURO DI CORINTO per Italian Tech/La Repubblica del 4 Luglio 2021

L’attacco ransomware al fornitore di servizi digitali Kaseya ha finora colpito circa 200 aziende e 40 mila computer. Ma potrebbero essere molti di più. Per questo l’azienda americana consiglia di spegnere i suoi sistemi. E qualcuno l’ha già fatto: la catena di negozi alimentari Coop Sweden, ad esempio, ha chiuso 500 filiali in via preventiva. Il rischio deriva da un attacco di tipo “supply chain” (cioè alla filiera di fornitura) in cui diversi server Kaseya VSA sono stati utilizzati per diffondere ransomware a cascata, cioè dai rivenditori di servizi di Kaseya ai loro clienti, come spiega un dettagliato post della società di sicurezza informatica Huntress sul blog dove pubblicano tutti gli aggiornamenti della vicenda minuto per minuto.

WhatsApp, la battaglia per l’interoperabilità si sposta a Bruxelles

WhatsApp, la battaglia per l’interoperabilità si sposta a Bruxelles

40 aziende europee chiedono che siano ampliati gli obblighi di interoperabilità del Digital Markets Act per aumentare posti di lavoro, entrate fiscali e autonomia digitale

di ARTURO DI CORINTO per ItalianTech/La Repubblica del 4 Luglio 2021